Alcuni fatti sui salari universitari USA, con la morale

18 marzo 2010andrea moro

È stato pubblicato di recente il rapporto CUPA-HR sui salari dei docenti americani, il cui riassunto potete trovare su Inside higher education (entrambi in inglese). Molte delle informazioni sono note, ma vale la pena trarre da questi dati alcune lezioni. Quattro di queste sono dirette per chi ha a cuore l'università italiana e, più in generale, il mondo del lavoro. L'ultima invece è per i miei colleghi (macro)-economisti.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Geografia economica in tre grafici ed una tabella

18 marzo 2010fabio scacciavillani

Anche senza scomodare la memoria di Chou-Enlai, forse è un po' troppo presto per fare il bilancio di quel processo di integrazione economica e finanziaria che chiamiamo colloquialmente globalizzazione. Erano in molti a collegare il fenomeno a una estensione della supremazia del modello anglosassone. Invece la globalizzazione ha rimescolato le carte, favorendo l'ascesa di alcuni paesi poco democratici che hanno acquisito un'influenza planetaria. La scala del ribilanciamento, soprattutto dopo la crisi del 2008-09 non sempre è percepita nelle sue dimensioni e nelle sue implicazioni. Questo post fornisce alcuni dati sintetici (senza la pretesa di essere esauriente) che aiutino a comprenderne la portata.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Università 4 Iran

14 marzo 2010redattori noiseFromAmeriKa

Gli appelli servono poco. Ancor meno, probabilmente, servono quelli degli accademici e decisamente simbolici sono quelli, come il presente, in cui si invita una teocrazia criminale a smettere di esserlo. Diamo diffusione ugualmente, se non altro per far sapere a coloro che terrorizzano l'università (e la società) iraniana che, forse, un giorno saranno chiamati a rispondere per le loro azioni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

I sandali di Baghdad

11 marzo 2010aldo rustichini

I sandali erano quelli degli iracheni gioiosi di calpestare la statua di Saddam. Negli ultimi anni erano diventati meno popolari di quanto erano nel lontano 9 aprile 2003, ma forse è ora di ripensare a quello che è successo, e che ne è stato di certi miti sulla guerra in Iraq.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Che gli dei benedicano il Massachusetts

20 gennaio 2010aldo rustichini e aldo rustichini

Forse - molto forse, ma permetteteci di sperare - lo stato del Massachusetts ha salvato gli USA da una pericolosa deriva social-populista.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Lo "scudo fiscale" americano

3 gennaio 2010andrea moro

In questi giorni la stampa sta dando gran risalto alle dichiarazioni di Tremonti & Co. sul successo del cosiddetto "Scudo Fiscale", il provvedimento che condona le violazioni della legge sulla dichiarazione del possesso di capitali all'estero e che è stata recentemente prorogata. Ne abbiamo già parlato qualche giorno fa, ma vorremmo ritornare sul tema per sottolineare le differenze tra il provvedimento italiano e quanto fatto negli Stati Uniti. Tremonti infatti continua a ricordare che provvedimenti simili allo scudo sono stati intrapresi in vari paesi, per cui il clamore intorno allo ''scudo'' italiano sarebbe fuori luogo. Effettivamente, proprio quest'anno negli Stati Uniti l'IRS (l'equivalente della agenzia delle entrate), ha intrapreso un programma simile. Ecco, in sintesi, le differenze.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

I guai di Dubai

18 dicembre 2009fabio scacciavillani

Qualche spiegazione in forma di FAQ (Frequently Asked Questions) sulla saga dei debiti di Dubai.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Sanita pubblica USA: un mito da sfatare

11 dicembre 2009andrea moro

Negli USA è in corso un acceso dibattito sulla riforma sanitaria, che viene ripreso in parte dalla stampa italiana. Ieri ho assistito ad un seminario di un collega che ha mostrato alcune tabelle interessanti. Sfatano miti diffusi, in Italia ed altrove.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

I blogs e l'opinione pubblica

9 novembre 2009andrea moro

Lo scorso fine settimana il Treasury Department statunitense ha invitato alcuni popolari bloggers USA di economia e finanza ad un incontro riservato con il ministro ed il suo staff per parlare delle riforme introdotte. Un resoconto dell'incontro si trova in questo post di interfluidity, contenente links ad altri resoconti. L'evento può apparire strano se letto superficialmente, ma ad una lettura più approfondita tanto strano non è.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

This is America, baby

25 ottobre 2009andrea moro

Propago una notiziola letta ieri sera sul New York Times perché rivela il brutto ed il bello d'AmeriKa, nello stesso fatto. Riassumo per chi sia troppo pigro per leggersi l'inglese: la Walt Disney Company rimborserà gli acquirenti dei DVD col marchio "Baby Einstein", fino ad un massimo di 4 DVD a persona, $15.99 ciascuno, anche senza ricevuta. La decisione è stata presa per evitare un'azione collettiva minacciata da un gruppo di difesa dei consumatori. Il nodo della questione è il supposto valore educativo dei video. A me la cosa fa pensare e ripensare.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>
PAGINE