PISA 2012: c'è davvero qualcosa di nuovo?

3 dicembre 2013andrea moro

Sono usciti oggi i risultati dei PISA 2012, i test che confrontano internazionalmente le competenze degli studenti delle superiori, corredati di rapporto INVALSI contenente i dettagli dei risultati regionali per l'Italia. A una prima, rapida, lettura non c'è molto di nuovo rispetto agli anni precedenti. La performance degli studenti italiani delle scuole superiori rimane in media decisamente al di sotto di quella dei principali paesi di riferimento. La stampa nazionale, in cerca di elementi di novità, si sta soffermando su due aspetti con il rischio di disinformare: i segnali di miglioramento, e la performance delle scuole del nord-est. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

A New York si torna al passato

22 novembre 2013gian luca clementi

L'elezione di Bill De Blasio a sindaco di New York segna il ritorno al passato, un passato non proprio edificante.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Le due o tre cose concrete del documento congressuale di Renzi

5 novembre 2013andrea moro

Nella corsa alla segreteria del PD, Renzi viene spesso accusato di vaghezza nelle idee e nei programmi. Le occasionali uscite televisive sembrano confermarlo, ma è sempre meglio controllare sui documenti scritti. Il quadro dipinto dal documento congressuale del sindaco fiorentino è abbastanza sconsolante. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Fassina, o della coerenza

27 ottobre 2013sandro brusco

Gli sparuti lettori di questo blog hanno probabilmente notato un paio di articoli (con un terzo che deve ancora venire) scritti come reazione all'articolo che Fassina ha pubblicato su Huffington Post Italia lo scorso 16 ottobre. Ho ritenuto opportuno reagire soprattutto alle posizioni culturali rappresentate da quell'articolo. Ma il 27 ottobre Fassina ha scritto un altro articolo sempre su Huffington Post Italia. In esso ci spiega che non solo la spesa pubblica si può ridurre, ma che il governo di cui fa parte lo ha già fatto. Lo confessiamo, vedere certi spettacoli ci diverte. Ma ci divertiremmo di più se questa gente non fosse al governo.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Trasformare la lotta al riciclaggio in un'opportunità per la finanza pubblica

21 ottobre 2013Donato Didonna

Siamo abituati a pensare alla presenza della criminalità organizzata e all'accumulazione illegale di ricchezza cui è finalizzata come a un grave problema sociale, ma in tempi di crisi finanziaria potrebbe rappresentare addirittura un’opportunità, un’insperata sopravvenienza attiva per un Governo forte che volesse spendere la propria forza morale e materiale, cioè il suo potere. I patrimoni riciclati, in Italia come all’estero, dal crimine organizzato, possono essere considerati come una risorsa parafiscale da utilizzare all’occorrenza, una tantum e per risolvere definitivamente un problema di modernità.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Verso un nuovo indulto o amnistia

14 ottobre 2013Francesco Lippi, giulio zanella e andrea moro

Si sta preparando un nuovo indulto (o una nuova amistia, vedremo) dopo quello che, nel 2006, fece uscire dalle carceri italiane circa 20.000 persone, un terzo della popolazione carceraria di allora. In Italia si aprono le carceri regolarmente circa ogni 6 anni (7 volte dal 1970 al 2006), quindi quello che si sta preparando era, in un certo senso, atteso. Da oltre 40 anni la motivazione è invariata: il sovraffollamento delle carceri. Mentre la questione viene dirottata, come sempre, in chiave pro o contro Berlusconi e mentre si perde tempo a discutere di sciocchezze come la lesa maestà, ci pare utile discutere delle seguenti tre domande: (1) Risolve il sovraffollamento? (2) Ci sono misure alternative? (3) Quali sono costi e benefici per la società?

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Sulla comune frase ''facciamo la riforma elettorale e andiamo a votare''

30 settembre 2013sandro brusco

Direi che a questo punto non esiste un singolo difensore in Italia dell'attuale legge elettorale. In effetti molti invocano la formazione di un governo di scopo con il solo obiettivo di cambiare tale legge, in modo da poter rapidamente andare a votare con una legge diversa. Ma qui di solito casca l'asino: quale legge  andrebbe fatta al posto del porcellum? Ed è veramente una buona idea cambiare la legge elettorale, per pessima che sia, proprio prima delle elezioni? Il mio punto di vista, che cercherò di argomentare in questo post, è che nessuna legge elettorale minimamente decente può garantire la stabilità del governo dopo le elezioni e che in generale è una pessima idea cambiare la legge elettorale a ridosso delle elezioni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Buona volontà ma idee ancora confuse

19 agosto 2013giovanni federico

Il ministro della pubblica istruzione ha annunciato un nuovo piano per l’università.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Sud: cronaca di una morte annunciata

26 agosto 2013marco esposito

Sud: la questione meridionale sembra essere uscita dai radar della politica, visto che nel frattempo la classe politica italiana è riuscita nell'improba impresa di meridionalizzare l'Italia intera. Tuttavia alcune considerazioni non si possono non fare visto che, se l'Italia arranca, il Meridione letteralmente affonda.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Coraggio italiani, arriva il piano mutui

12 agosto 2013giulio zanella

Il Corriere della Sera ci informa che il governo starebbe lavorando a un piano per rendere più facili i prestiti a famiglie e imprese, e che starebbe facendo questo assieme all'ABI e alla Cassa Depositi e Prestiti. Non so quanto ci sia di vero, ma anche solo il fatto che ci siano di mezzo questi due altri soggetti (e sorvolando sul dettaglio che il dossier sarebbe nelle mani del ministro Maurizio Lupi, notoriamente esperto in materia) suggerisce che si tratti di una pessima idea. Entrando nei dettagli riportati dalla giornalista ci si accorge che è proprio così.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>
PAGINE