A ciglio asciutto

11 aprile 2006sandro brusco

Dove si finge di non essere insoddisfatti del risultato elettorale.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Hanno vinto i partiti e perso noi, illusi buontemponi.

11 aprile 2006michele boldrin

Riflessioni sulle elezioni, da una prospettiva leggermente piu' lunga del dopodomani. Conclusioni: (1) che siano finiti 50-50, e' il meno, (2) che costoro siano finiti 50-50, e' gia' piu' grave, (3) che abbia vinto l'unione e' ancora piu' grave (4) e non tanto perche' ha perso berlusconi, che e' l'unica cosa buona, (5) ma perche' hanno vinto prodi&co ovvero, oltre al suddetto, han vinto d'alema, fassino, angius, veltroni, rutelli, parisi, mastella, bertinotti, craxi jr, cossutta, cossiga, ed anche il divo giulio ...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Veline al governo

5 aprile 2006andrea moro

Lunedì, durante l'ultimo dibattito televisivo, Berlusconi ha offerto la prossima vicepresidenza del consiglio ad una donna. Sarebbe facile ironizzare sulla vacuità di questa promessa, innanzitutto perchè si tratta di una carica nemmeno prevista dalla costituzione, ma anche perchè questa poltrona viene di solito viene affidata al leader del maggior partito della coalizione che non riceve la presidenza. E' da dubitare quindi la rilevanza della carica se affidata ad una figura politica secondaria. Dispiace piuttosto che il dibattito sollecitato dalla proposta sottintenda un ruolo ancora marginale delle donne in politica.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Evviva il precariato, eppoi la liberta'

27 marzo 2006alberto bisin

Dalla chat con il Corriere di Romano Prodi, Domenica 26 Marzo si legge: "Con questa legge (la Legge Biagi - nota di chi scrive) si è istituzionalizzato il precariato. Berlusconi dice che c'è solo il 12% di lavoratori precari. Sì, nella massa. Ma tra i giovani più della metà sono precari. E questo significa distruggere una generazione: impedire loro di fare programmi, acquistare una casa, fare figli. [...] Per questo ho proposto di alzare il costo del lavoro precario e di ridurre il costo per il lavoro stabile».

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>
PAGINE