Ancora sulle differenze geografiche tra diplomati: la carriera universitaria

21 settembre 2016Daniele Biancardi

Con questa breve nota fornisco supporto all'ipotesi dell'esistenza di differenze regionali nella generosità dei docenti di scuola secondaria contribuendo al recente dibattito su questo sito. Ho calcolato se la regione di provenienza ha effetto sul voto finale di laurea riscontrando che, a parità di altre condizioni (in particolare: il voto di maturità), gli studenti del sud si laureano con voti significativamente più bassi degli studenti del nord. L'evidenza sul voto di laurea dunque suggerisce che i docenti delle scuole secondarie al sud siano più generosi nelle valutazioni. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Referendum costituzionale: le mie ragioni per votare NO

19 settembre 2016michele boldrin

Al referendum mi turerò il naso (per la pessima compagnia che dovrò sopportare) e voterò NO. Non lo farò né per far un dispetto a Renzi&Boschi, né per far cadere questo governo e sostituirlo con uno grillino, né per far contenti i sinistri apologeti della costituzione più figa del mondo. Lo farò perché questa riforma è dannosa. La riforma (in combinazione con la legge elettorale chiamata Italicum) disegna un sistema istituzionale che nasce già vecchio, che sarebbe stato utile 40, forse 50, anni fa per evitare gli errori ed i compromessi che si son fatti a partire da metà anni '60 e che sono stati la causa principale del declino. Ma, nella situazione attuale, se approvata questa riforma costituzionale porterebbe ad ancora meno governabilità e, soprattutto, a maggiori conflitti sociali e a gravi rischi politici. Tanto per essere concreti, renderebbe molto più probabile il rischio di un Donald Trump italico. E questa mi sembra ragione sufficiente per dire NO.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Talloni per la sovranità monetaria (3)

18 settembre 2016Paolo Biffis

Nelle puntate precedenti mi sono chiesto se, per la convivenza civile, sia preferibile il tallone regolamentare (1) o quello aureo (2) per ancorare M e avevo concluso che, qualsiasi sia l’àncora, vi sono problemi di convivenza civile proprio perché è l’àncora stessa a richiedere il rispetto di alcune regole. Per cui, dicevo, il problema si sposta: le regole sono “positive” o “naturali”? O meglio, quanto “positive” e quanto “naturali” e quali vengono prima? È possibile, dunque, abolire l’àncora? Peggio che andar di notte! Ma, oggi, cos’è l’àncora?

2

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

L'inevitabilità della Longue Durée

14 settembre 2016Marco Saltalamacchia

Negli ultimi tempi ho constatato una mia crescente insofferenza nella lettura delle notizie quotidiane: molto di quello che leggo mi appare scontato, addirittura banalmente prevedibile.

È maturata in me la convinzione che gli umani non si siano evoluti per nulla con il progresso tecnologico e che quest'ultimo abbia semplicemente reso la nostra vita più comoda e lunga, ma non necessariamente "migliore". Per "migliore" intendo la teorica capacità umana (che, ahimè, temo non esista, contrariamente a quanto argomentato da Steve Pinker) a rimuovere le tante cause che determinano, oggi come duecento o duemila anni fa, conflitti, violenza ed in ultima analisi, infelicità.

Senza alcuna pretesa di scientificità, ho provato ad allineare queste considerazioni ed a trarne alcune conclusioni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

L'Islam questo sconosciuto

12 settembre 2016Fabio Ghia

Questo articolo offre una breve introduzione alle varie realtà dell’Islam di oggi (1,7 miliardi di fedeli pari al 25% della popolazione mondiale) in particolare quello ortodosso e la sua propaggine “deviata”, partendo dalla nascita del pensiero e del linguaggio politico islamico delle origini, e proseguendo al confronto tra la cultura islamica e quella occidentale. Culture che si sono evolute nel corso dei tempi all’insegna della civiltà dei diritti dell’uomo, da una parte, e quella che, ancora oggi, fa esclusivo riferimento al sistema sociale improntato alla legge di Dio, la Sharia, dall’altra.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Il caso Apple: la mela ed il paradiso (fiscale) perduto

9 settembre 2016francesco m. renne

Del perché Apple ha (probabilmente) torto e la Commissione ragione, ma non è detto che vincerà in tribunale. Alcune precisazioni tecniche su una questione che ha già scatenato numerose polemiche e che è di rilevanza capitale nel lungo periodo.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Autarchia a 5 Stelle

7 settembre 2016Marco Marincola

Anche se è passato un po’ di tempo, ritengo utile soffermarsi sulle parole che Di Battista ha condiviso con il mondo a mezzo Facebook verso la fine di Agosto.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Zuckerberg è cosi ricco perché ha studiato latino ... o no?

2 settembre 2016Massimo Famularo e michele boldrin

Spiace per i puri di cuore (non spiace affatto per chi  invece è in mala fede), ma il fatto che Mark Zuckerberg conosca il latino non c'entra nulla con il suo successo. E le fregnacce sul classico che si son lette in questi giorni su alcuni dei maggiori quotidiani nazionali tali sono, fregnacce. Sbeffeggiamoli un po', ch'è sempre ora per farlo.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Figli e Patria

1 settembre 2016Marco Marincola

Nonostante la concorrenza in termini di “temi caldi”, in questa fine estate 2016 ne è emerso uno forse minore, ma che mi provoca un piccolo ma insistente moto di indignazione: la Lorenzin prova a fare una campagna per l'incremento delle nascite con i soldi altrui e con un'impostazione culturale vecchia di 90 anni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Why the Fed’s Zero Interest Rate Policy Failed

30 agosto 2016Dan Thornton

If you are like many Americans and an increasing number of economic and financial analysts, you have come, or are coming, to the conclusion that the Federal Open Market Committee’s (FOMC’s) zero interest rate policy has failed: Economic growth has been anemic relative to previous economic expansions. And the decline in the unemployment rate from its recession peak of 10 percent to 4.9 percent (which the FOMC attributes to its policy) was in large part accomplished by an unprecedented decline in the labor force participation rate, not by a massive increase in employment (payroll employment didn’t eclipse its January 2008 peak until April 2014). But you might not be quite sure why the zero interest rate policy has failed. This essay discusses not only why the policy failed, but why some economists, myself included, expected it to fail.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE