La figuraccia di Repubblica su Richard Descoings

5 aprile 2012 roberto galbiati

La pressione gioca brutti scherzi e gli inviati di Repubblica, presi dalla fretta di pubblicare notizie di capitale importanza, commettono inesattezze da giornalismo di parrocchia.

Parlando della scomparsa di Richard Descoings (RD, Presidente di Sciences Po) l’inviato di Repubblica scrive questo. L'inviato legge, evidentemente, i giornali americani (e forse quelli francesi) ma si dimentica di dare una controllata a Wikipedia. Sarebbe bastato a evitare una figura barbina. Se lo avesse fatto, infatti, l'inviato avrebbe scoperto che:

  1. RD non era un professore (o professorone come dice il nostro) ma una sorta di "public manager".
  2. A Sciences Po non ci sono il 40% di studenti immigrati ma circa il 40% di studenti stranieri (confermo: ne ho più di due terzi nella mia classe undergraduate);
  3. Sciences Po non è aperta ai poveri (che vuol dire? poveri in che senso?) ma piuttosto a studenti che vengono da zone definite come scolasticamente disagiate (zone di educazione prioritaria). Il comune dove vivo è una di queste zone ma i miei vicini non sono esattamente per strada;
  4. RD non era un accademico di Francia.

Con un ulteriore sforzo, il nostro avrebbe scoperto che RD, proprio per le ragioni che secondo me gli rendono merito, non era amatissimo e osannato dagli intellettuali francesi. RD ha rivoluzionato Sciences Po, una delle scuole che tradizionalmente formano l’elite francese, trasformandola in un’università di apertura internazionale ed aprendola a discipline (come l’economia) prima quasi assenti.

Questi non sono dettagli irrilevanti, notati da un tipo pignolo che per caso insegna nell’istituzione di cui RD era presidente. Questi dettagli sono importanti per comprendere chi era RD e se lo avesse fatto il nostro inviato avrebbe forse potuto cogliere questa occasione per parlare di meritocrazia, apertura alla competizione tra Università ed enti di ricerca, riproduzione delle elites etc... Ma certo, se lo avesse fatto sarebbe caduto nella noia e in pochi si sarebbero soffermati sul suo brillante pezzo. Certo è molto più eccitante ed attraente riferire di quanto fosse vestito il corpo trovato morto, che le circostanze del decesso non sono chiare e cogliere l’occasionde di ricordare che le camere d’albergo di NY non portano bene ai francesi illustri.

7 commenti (espandi tutti)

È l'ennesimo episodio di sciatteria o imprecisione tra i tanti che non poche testate giornalistiche accumulano a ritmi accelerati. Invece di tentare di migliorare, si stanno verificando casi in cui un ordine regionale adisce il tribunale accusando un blog  un video blog di essere testate giornalistiche. Dìaltronde, con il paese così ridotto non si vede come sarebbe possibile avere una informazione migliore in ogni senso.

 

Dai, e' "la Repubblica", che diavoo pretendi, che ci siano giornalisti competenti? In quel giornale ci sono giornalisti di parte, schierati in modo ben preciso, per quello che parlano di aperture agli immigrati. SOlo assistento a qualche cosa e leggendo come riporta la notizia "la Repubblica", ci si puo; rendere conto di quale livello di imprecisione e manipolazione della realta' quel giornale riesca a raggiungere. Io ne esco fresco fresco da uno di questi episodi, una assemblea fatta ieri sera. Quando ho letto il resoconto su "la Repubblica" mi sono chiesto se il giornalista fosse assente o presente, ma ubriaco. E a livello de "il Giornale" o "Libero" quanto a schieramento e fazsiosita', per cui faccio a meno di comperarlo e, quando voglio vedere come ha trattato una vicenda che conosco, lo sfoglio al bar.

Leggermente OT, ma visto  che si sparla di Repubblica...

 

Oggi troneggia  online questo, che ci informa che i suicidi per motivi economici sono in grave aumento. I dati li prende dalla CGIA di mestre che li prende dall'Istat. Anzi Repubblica prende tutto il comunicato dalla CGIA, parola per parola, e cambia la firma. (Efficiency!)

Visto che si riporta un confronto tra il 2008 e il 2010, sento  puzza e vado alle tabelle:

che fine ha fatto il 2009? Semplice: epurato per motivi disciplinari, così impara a fare il bastian contrario. Già, perché i suicidi per motivi economici nel 2009 sono stati 198, 11 in più che nel 2010*, e addio articolo/comunicato.

 

Per i "precisetti": l' "elaborazione" della CGIA non tiene conto della variazione nella popolazione italiana, della variazione dei suicidi totali, della variazione dei suicidi per cui è  stato registrato un movente.... Ma questi, al cospetto di una data selection tanto spudorata, appaiono quasi peccati veniali.

 

* non che questa diminuzione dica qualcosa eh!

Marco dai un occhio a questo e dimmi se riesci a far uscire dei numeri (anche solo vagamente) coerenti. Non ho capito se gli acquisti di agnello sono scesi (-30%) o saliti (+6%). Non ho neanche capito come si conciliano spendere meno per prodotti di qualita' minore con spendere la stessa cifra complessiva (3,5 miliardi) pur comprando meno. In realta' ho l'impressione che chi ha scritto l'articolo abbia capito molto meno di me.

Fede, nel primo caso si parla di diminuzione dei consumi, nel secondo paragrafo di aumento dei costi. Per rispondere al secondo quesito: gli Italiani spendono la stessa cifra ma acquistano quantita'  minori, ovvero, o e' diminuito il potere d'acquisto  degli italiani oppure  questi scelgono mediamente prodotti qualitativamente migliori sacrificandone la quantita'  (questa seconda ipotesi la scarterei, la gente compra  meno semplicemente perche' tutto costa di piu',   c'era un bellissimo studio sulle scelte alimentari delle famiglie low income e sui motivi alla base della proliferazione dei fast food), quindi a livello assoluto  il numero di prodotti venduto e'  piu' basso.

P.S. Prima o poi ti aggiungero' su linkedin, visto che mi occorre qualche consiglio.  Buona Pasqua. :P

non si rende conto che prima cita la Fiesa adducendo la diminuzione delle vendite presso i piccoli esercizi alla:

 

banalizzazione di alcuni prodotti venduti sottocosto dalla grande distribuzione organizzata che così ne ha ridotto valore simbolico e prestigio

(che l'abbacchio fosse un positional good mi mancava...) poi cita le stime della Conf. Ita. agricoltori sul rincaro dei prezzi di colombe o altro. Ma alla fine questi prezzi sono saliti o scesi?


non dico che non ci sia possibilità di coerenza tra alcune delle stime fatte dai vari enti. Dico che il giornalista avebbe potuto tentare di dare una coerenza all'articolo :-)

 

As for LinkedIn, che aspetti a linkarmi? Ti ho cercato ma ci sono troppi Arthur Blair nel mondo!

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti