Riflessioni sulla moneta fiscale

21 luglio 2017Giovanni Bruno

L'idea di una moneta parallela all'euro attrae molte forze politiche. Ma l'impalcatura attraverso cui si cerca di costruirla è instabile ed esposta ai crolli.

[i] Agenti economici avversi al rischio preferiscono un ammontare certo piuttosto che un investimento incerto il cui valore atteso è pari all'ammontare certo. Se si vuole convincere un agente avverso al rischio ad entrare in un investimento incerto, il valore atteso di tale investimento dovrà essere superiore rispetto all'ammontare (certo) necessario ad entrare in tale investimento. La differenza tra il valore atteso dell'investimento e l'ammontare (o equivalente) certo si chiama "premio" per il rischio, che è il rendimento che l'investitore richiede affinchè sia disposto a sopportare l'incertezza derivante dall'investimento.

[ii]"I owe you"

[iii] Ad un certo punto nel 2008 l'inflazione raggiunse il 231.000.000%.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Non solo (e non tanto) "ius soli"

26 giugno 2017Vitalba Azzollini

Le parole sono importanti, specie in un Paese “governato” – e non solo in senso figurato - da stati emozionali. I politici tendono ad alimentarli per procacciarsi consensi, i cittadini non chiedono altro che pretesti, più o meno fondati, per esibirne la più ampia gamma: tutto si tiene, come sempre. Così le parole, usate in maniera distorta per indirizzare il “sentimento” dell’elettorato, producono esiti surreali nel dibattito nazional-popolare. L’ultimo esempio è dato dalle parole con cui è stata identificata una legge attualmente in discussione: quella sul c.d. ius soli, che lo ius soli in senso proprio non lo prevede affatto.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

C'è un divorzio e non ho niente da mettere

16 giugno 2017Costantino De Blasi e michele boldrin

Prevedibile come un temporale estivo, puntuale come un bonus pre-elettorale del governo Renzi, scontato come una discussione sulla nuova legge elettorale: "la vera causa del debito pubblico italiano è il divorzio fra Banca d'Italia e Tesoro", continuano a ripetere in molti, troppi. Siccome inizia a comparire anche sulla bocca di parte della cosidetta "classe dirigente", merita ribadire dettagliatamente che di solenne idiozia si tratta. Il ritorno ad un deficit dello stato finanziato direttamente attraverso l'emissione di moneta sarebbe pura follia.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

“Anche se voi vi credete assolti…”. I politici e la qualità della regolazione.

5 giugno 2017Vitalba Azzollini

In occasione della vicenda riguardante il TAR del Lazio e la nomina dei direttori dei musei, qualcuno ha reputato inopportuno l’intervento dei magistrati, ritenendoli arbitrari interpreti del mero formalismo burocratico della legge.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Chi decide e chi non ne risponde

22 maggio 2017Vitalba Azzollini

A seguito dell’episodio dell’oscura manina che aveva privato l’Anac di un (discutibile) potere, senza che - in via ufficiale - nessuno se ne fosse accorto, qualcuno si è chiesto chi decida veramente nelle amministrazioni dello Stato e chi, conseguentemente, sia responsabile delle decisioni assunte.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Tra alibi e responsabilità, un po’ di trasparenza

25 aprile 2017Vitalba Azzollini

Si susseguono i governi, ma la manina pronta a operare nell’ombra, alla bisogna, per modificare testi normativi già approvati, resta saldamente aggrappata alla poltrona del potere

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Sulla difesa dei dialetti: statalismo vs. identità

20 aprile 2017Artemij Keidan

Il giorno 13 dicembre 2016 il Consiglio regionale del Veneto ha approvato il progetto di legge regionale 116 intitolato Applicazione della convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali. L'evento, scarsamente notato, merita invece alcune riflessioni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Una ricostruzione del caso Madia

10 aprile 2017roberto perotti

Questo articolo cerca di ricostruire i fatti nella vicenda della tesi di dottorato della ministra Marianna Madia. La ricostruzione è avvenuta parlando con molte persone coinvolte a vario titolo; alcune non erano state precedentemente sentite dai giornali che si sono occupati della vicenda, o avevano scelto di non parlare con loro. Emergono molte inesattezze  nelle ricostruzioni fin qui avvenute; ma permangono alcune domande ancora senza risposta. 

Questo intervento è pubblicato anche su lavoce.info

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

L'eterna opacità sui conflitti di interessi. Accountability, questa sconosciuta.

11 aprile 2017Vitalba Azzollini

Da tempo si rileva la necessità di misure che rendano il contesto nazionale più favorevole agli investitori sotto il profilo economico, fiscale e burocratico. Sembra, invece, sottovalutata l’importanza di dare maggiore affidabilità al Paese mediante regole idonee a porre gli amministratori pubblici “al di sopra di ogni sospetto” di condizionamento nell’esercizio delle funzioni svolte. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>

Virgolette, citazioni e plagio: alcuni chiarimenti in merito al caso Madia

4 aprile 2017andrea moro

Il caso Madia, sollevato da uno scoop del Fatto Quotidiano, ha creato come prevedibile la solita caciara da stadio, dove gli ultras delle due curve gridano pro o contro. Ora sembra che il caso venga annacquato facendolo apparire come una lotta intestina al PD. Premetto che non ho preferenze fra le correnti del PD né ho particolari opinioni sulla qualità dell'operato della Madia come ministra, che non ritengo particolarmente migliore o peggiore dei ministri precedenti (curiosa la necessità di doverlo premettere, essendo le preferenze in merito irrilevanti nel caso in questione).

I fatti sono noti e facilmente riscontrabili. Gli articoli di Laura Margottini si limitano a descriverli senza eccessive coloriture: risibili sono le minacce di denuncia. Vorrei qui aiutare i non addetti ai lavori a capirne la gravità: l’omissione di virgolette è un peccato veniale o no? È sufficiente citare le fonti nella bibliografia, come sostengono la Madia e molti suoi sostenitori, a cominciare dal suo relatore Giorgio Rodano? È giusto minimizzare le responsabilità sia della candidata che della commissione, come ha fatto Pietro Pietrini (attuale direttore IMT) o non commentare lavandosene le mani, come ha fatto Fabio Pammolli (membro della commissione e già rettore dell'istituto)? E, soprattutto, è davvero solo una questione di virgolette?

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO >>
PAGINE