L'ordinanza di affidamento di Berlusconi letta da un comune cittadino

20 aprile 2014 andrea moro

È uscita l'ordinanza di affidamento in prova ai servizi sociali di Berlusconi. Ne propongo una lettura da "comune cittadino", non possedendo speciali competenze giuridiche salvo l'aver superato all'università qualche esame di diritto. Ho voluto compiere uno sforzo di comprensione del linguaggio prolisso e spesso ripetitivo dei giudici per cercare di capire quello che si stanno chiedendo tutti gli italiani: perché la pena sia così esigua, se sia vero o no che Berlusconi stia ricevendo un trattamento speciale. Ne è uscito un post lungo quasi quanto l'ordinanza, ma, ve lo prometto, più leggibile, e meno ripetitivo. C'è materiale per comici professionisti, ma anche, credo, molto da imparare. 

Va chiarito innanzitutto che i giudici del tribunale di sorveglianza dovevano solo decidere sull'affidamento. Erano perciò vincolati dalla sentenza del tribunale di Milano, che ha condannato Berlusconi a quattro anni di reclusione, ridotta ad un anno grazie ai benefici dell'indulto del 2006. Sorvoliamo anche sulle circostanze riguardanti l'indulto, votato con ampia maggioranza da un parlamento sul quale Berlusconi esercitava non poca influenza, in un ennesimo, specialissimo caso di conflitto di interessi: Berlusconi sapeva di aver commesso un reato e votava (e faceva votare) a se stesso un'eventuale riduzione di pena nel caso fosse stato condannato; lo scopo dell'indulto era quello di svuotare carceri sovraffollate, scopo che si presume sarebbe stato superato dopo otto anni dall'emergenza. Lo sconto di pena rimane invece utilizzabile, ma questo è altro tema, che rimando ai giuristi. 

I giudici si trovano a decidere sull'affidamento ai servizi sociali entro questi limiti. Nella motivazione, notano che le misure alternative hanno natura di vere e proprie sanzioni penali e ricordano con una certa dose di ripetitività che l'affidato in prova "rimane persona socialmente pericolosa [altrimenti] non si potrebbe eseguire una pena ad una persona totalmente rieducata", pena la violazione del principio costituzionale per cui la pena ha scopo rieducativo.

Le misure alternative servono perciò a rieducare il condannato con un opportuno e guidato inserimento nella società, per recuperare lentamente quei valori di accettazione delle regole del diritto e dell'ordinato vivere civile che aveva perso nell'esecuzione ripetuta e prolungata di un reato (in questo caso, dal 2001 al 2003). Questa progressiva accettazione dei valori civili può anzi avvenire più facilmente in un contesto di inserimento sociale piuttosto che attraverso il carcere o gli arresti domiciliari, che avrebbero "una valenza meramente afflittiva, impedendo che il condannato si possa attivare per la sua rieducazione".  

La normativa tuttavia richiede che il soggetto possieda, scrivono i giudici:

almeno in nuce le condizioni [...] perché possa essere promosso un processo di modificazione delle condizioni e degli atteggiamenti personali ... che sono di ostacolo ad una costruttiva partecipazione sociale (v. art. 1 DPR 230/2000). Appare dunque fondamentale la condotta tenuta in libertà dal Berlusconi dopo la condanna oggi in esecuzione

La decisione di affido dunque richiede sostanzialmente la valutazione dell'esistenza di tali condizioni. Visti i continui e reiterati attacchi di Berlusconi alla magistratura (non ultimo quello pronunciato successivamente alla sentenza), la condanna in primo grado al processo cd. "Ruby", e gli altri procedimenti pendenti, il comune cittadino comincia a chiedersi quale ragionamento logico possano i giudici avere effettuato per arrivare alla conclusione che conosciamo.

La motivazione della decisione è un esercizio di retorica intrisa di diniego, omissioni e difetti di coerenza, che appaiono stupefacenti a chi non sia ancora assuefatto alla permanente condizione di eccezionalità che circonda la storia del soggetto

Mi spiego. I giudici precisano inizialmente che occorre concentrarsi sugli atti del condannato piuttosto che sulle sue parole, anche perché (i) se bastassero le parole, uno può sempre dirsi pentito, ma poi comportarsi altrimenti; (ii) rimane il diritto del condannato di ritenersi innocente o vittima di errori giudiziari, perché al giudice interessa solo la sussitenza dei presupposti per la concessione delle misure alternative menzionate sopra. Sembra un discorso ragionevole: fatti, non parole. 

Ma su quali fatti può basarsi la decisione di affidamento? Pochi, e su quei pochi si può esercitare una discrezionalità di giudizio tanto ampia quanto sconcertante. Passo ad elencarli. 

1) Il versamento all'agenzia delle entrate di 10 milioni a fronte di 7.3 milioni di imposte inevase per gli anni 2002 e 2003, come richiesto dalla sentenza. 

La logica è: siccome hai accettato di restituire il maltolto, allora esiste la volontà di accettare le regole della convivenza sociale. Domanda: aveva, Berlusconi, la possibilità di rifiutare il versamento? Da professore di economia, potrei impartire ai giudici la lezioncina di Economia 1 sul concetto di costo opportunità, ma non lo farò. Basta il ragionamento del comune cittadino: se Berlusconi non avesse versato, sarebbe stato soggetto ad altri capi di imputazione, ed il carcere sarebbe stato inevitabile. A questo punto tanto varrebbe osservare che Berlusconi in auto si ferma davanti al rosso, o non supera i 50Km/h in centro (abitudini che comunque farei controllare) per argomentare che qualche regola sociale lui effettivamente la segue, quindi c'è speranza che cominci anche a seguire le altre, con quattro ore di volontariato la settimana. 

Osservo che un'alternativa Berlusconi in realtà ce l'aveva: versare anche i 6.6 milioni evasi nel 2001, anno per il quale è valsa la prescrizione. I giudici omettono che il NON averlo fatto dimostra proprio il contrario di quanto l'ordinanza cerca di argomentare: mancanza di rispetto per la sentenza, la collettività e le istituzioni. Considerando la penale, il contribuente è a credito ancora di 3.9 milioni. 

2) La disponibilità ad accettare l'affidamento ai servizi sociali. Avete letto bene: i giudici ritengono che l'aver semplicemente richiesto l'affidamento sia dimostrazione di un principio di ravvedimento. Ancora una volta: costi opportunità, questi sconosciuti. I giudici fingono di non ricordare che l'alternativa era non diciamo il carcere, ma gli arresti domiciliari. O, semplicemente, che senza la richiesta di affidamento, non ci sarebbe stato alcunché da motivare!

Fingono inoltre di ignorare (ma lo menzionano in un paragrafo rivelatore) che il condannato in una memoria difensiva aveva richiesto di effettuare volontariato presso un centro di ippoterapia sua proprietà. Ripeto: ippoterapia di sua proprietà. Qui i giudici mostrano un barlume di indignazione, affermando che tale richiesta "svilisce di fatto il significato trattamentale della prescrizione che il Tribunale intende applicare". Il comune cittadino avrebbe interpretato questo suggerimento della difesa come una colossale presa in giro, l'ennesima dimostrazione di spregio alle famose norme di convivenza sociale per negare la richiesta. Quattro ore di equitazione la settimana presso una tua tenuta, are you serious?

3) Le dichiarazioni pubbliche del condannato. Qui I giudici si trovano di fronte ad un bel conundrum (come si dice a Bassano del Grappa e, mi dicono, anche a Castellamare di Stabia). Il condannato non ha dimostrato in questi mesi alcun pentimento, attacca in continuazione la magistratura nel suo complesso, ed i magistrati che lo hanno condannato in modo specifico, si lamenta di ogni iniziativa e pronuncia nei propri confronti. Come uscirne?

Semplice, basta fare finta di credere, come troviamo scritto nella sentenza, che queste affermazioni facciano parte della normale retorica politica, cioé sono bugie che I politici sono soliti affermare nel normale esercizio della loro attività: "Ritiene questo tribunale di inquadrare siffatte dichiarazioni nell'ambito della strategia politica di un uomo che ha fatto di tali dichiarazioni uno dei propri cavalli di battaglia". 

Il comune cittadino deve sforzarsi ad esercitare una disperata sospensione dell'incredulità. I giudici avevano prima scritto che non bastava fidarsi delle parole, ma lo intendevano in senso negativo: non ci fidiamo che tu ci dica che ti sei pentito, serve qualcosa di piu'. Ma se invece dice il contrario, sta sicuramente dicendo delle bugie. Viene da chiedersi cosa si debba dire/fare per vedersi negato l'affidamento. 

Ci consola solo che questa brillante interpretazione non sia frutto della materia grigia dei giudici ma materiale tratto sostanzialmente dalla memoria presentata dalla difesa: "la valutazione della personalità dell'istante non dovrà essere influenzata dalle dichiarazioni riportate dai media [...] spesso frutto di 'botta e risposta piuttosto che di riflessioni personali. [...] Non va dimenticato infatti che ciò che egli dichiara è soprattutto indirizzato ai sostenitori di partito [...]". Insomma, Berlusconi quando si lamenta pubblicamente della sentenza sta mentendo ai suoi elettori, ce lo sta dicendo lui stesso. O sta facendo l'occhiolino, mentendo quando dice di mentire, in un documento ufficiale presentato ad un tribunale, altro esempio di possesso delle condizioni "almeno in nuce", di ravvedimento e di rispetto per le istituzioni che consentano una "costruttiva partecipazione sociale" che i giudici avevano il compito di rilevare. 

4) Le dimissioni da senatore e da cavaliere del lavoro, "nel pieno rispetto delle regole democratiche, istitutuzionali e giuridiche". In alternativa, avrebbe potuto incatenarsi al cancello di palazzo Madama inviando via twitter pernacchie ai cavalieri del lavoro, nel qual caso il rispetto delle regole sarebbe stato solo parziale e avrebbe meritato almeno gli arresti domiciliari in un castello con tenuta di propria scelta. 

5) Ci sono poi le cause in corso, Ruby in particolare, che non dimostrano nulla a favore di quanto si sta argomentando.  Ed infatti i giudici le menzionano in un paragrafo, omettendo ogni commento, né a favore né contro il loro ragionamento. Lo interpreto come dimostrazione che nessuna logica è in grado di negare quello che il comune cittadino conclude senza dover superare esami e concorsi: Berlusconi ha continuato, dopo il reato in oggetto, ad esercitare il suo potere in spregio alle regole di convivenza civile che qui si vorrebbe il condannato avesse dimostrato di poter accettare. 

6) Infine, nessuna parola sull'ammontare della misura alternativa, 4 ore settimanali, nessun confronto o accenno a come si comportino, in media, i tribunali di sorveglianza nella generalità dei casi di affidamento, che hanno certo ognuno la propria specificità, ma che servirebbero al comune cittadino a capire quanto sia stato preso per i fondelli. 

L'impressione è che la discrezionalità sia enorme, che il potere giudiziario nel suo complesso, esausto, sia disposto ad un triplo salto mortale con doppio avvitamento attorno a fatti, parole e logica pur di lasciarsi dietro questa vicenda. Esistono, ovviamente, interpretazioni più maliziose, ma non meno plausibili. Il comune cittadino continuerà a pensare che Berlusconi abbia ricevuto un trattamento di favore; la magistratura continuerà a far finta di aver operato nei limiti di regole valide per tutti; Berlusconi continuerà a dichiarare di aver subito un'ingiustizia.

25 commenti (espandi tutti)

Io parlerei tranquillamente di "sentenza politica", laddove si è cercato di evitare una polemica frontale per l'applicazione di criteri più stringenti.
Sarà interessante vedere cosa succederà dopo il processo Ruby, anche perchè l'indulto non si applica retroattivamente dopo una seconda condanna, ovvero tornano i tre anni indultati.

comparazioni

massimo 21/4/2014 - 02:58

Beh, avrebbero sempre potuto trattarlo come Carlo de Benedetti: truffa ai danni dello Stato, arrestato e rilasciato nella stessa giornata. Si trattava di 10 miliardi del 1993 di mazzette, non siamo lontani dalle cifre in questione qui, e non conosciamo con esattezza il danno erariale. L'oggetto della fornitura, le macchine elettrocontabili Olivetti A5 erano proprio una schifezza, ci ho sgobbato su per due anni.

Oppure potevano condurre il processo come quello della "Missione Arcobaleno": tre udienze in dodici anni, nessun imputato o testimone interrogato, e prescrizione per tutti. Almeno SB non si è vantato dei reati commessi, è un po' poco come manifestazione di contrizione, ma è meglio che niente.

& comparazioni

floris 21/4/2014 - 11:25

CdB non mi sembra adatto come riferimento.
Sempre stando alla stessa fonte ( wiki ), ha consegnato un memoriale dove ammetteva le responsabilità, ma non è mai giunto a condanne definitive.
SB sì, e solo successivamente sono stati presi i provvedimenti di cui si parla in questo post.
Per il resto, mi sembra che l' interpretazione di Marco Esposito più in alto sia la più credibile.
Qui mi fermo, ché un flame sui giudici politicizzati mi farebbe sentire vecchio.

Io parlerei di:

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Supercazzola

quello, mi pare sia il campo semantico piu' coerente.

il rischio e' che rimangano solo vedove di guerra e pensionati, in Itali-de, al di la' dell'ossequio meramente  formale ai dogmi .

legenda: dogma, ad esempio quello per il quale la legge dovrebbe essere uguale per tutti.

oppure quello relativo ai MONOPOLI TELEVISIVI ( e relative barriers to entry)

Vorrei solo far notare che quanto riporta al punto due non è un'eccezione riservata al signor Silvio B.
La sola richiesta al giudice di affidamento fa scattare i benefici, se accolta; paradossalmente non bisogna neppure farli bene i servizi sociali, è sufficiente promettere di farli programmando almeno quattro ore settimanali di "volontariato".
Resta validissimo il suo commento sul costo/opportunità, purtroppo la legge è scritta proprio così.
Non è così strano in un paese dove la giustizia sembra studiata per non far scontare la pena a nessuno tranne ai ladri di polli.
Saluti

Prendo atto, eppure la giurisprudenza citata sembra richiedere anche l'esistenza delle condizioni per cui l'affidamento risulti efficace nel riabilitare il condannato. Altrimenti non si capisce perche' debbano scrivere 10 pagine di motivazione, basterebbe prendere atto delle condizioni necessarie. 

10 pagine? più lungo è il papiro e minore è il numero di persone che leggono questa schifezza, come l'hai analizzata tu Andrea fa venire ancora di più l'acido allo stomaco. Proprio un paese dove la fanno franca tutti tranne i ladri di polli.

In casi come questo si tende sempre a contrapporre: "Berlusconi è colpevole (e cerca di farla franca grazie al suo peso politico)" con "la giustizia italiana a bisogno di profonde riforme e Berlusconi è particolamente inviso per ragioni politiche". In realtà le due affermazioni non sono in antitesi tra di loro, anzi potrebbero essere entrambe vere ed antrambe false indipendentemente l'una dall'altra (personalmente le reputo entrambe vere).

Tutta questa premessa per dire che acidità di stomaco pari o superiore verrebbe anche leggendo diverse altre sentenze ed assistendo a diversi altri processi, perchè troppo spesso la fanno franca anche i ladri di polli!

Abbiamo un sistema giuridiziaro e giuridico che avrebbe bisogno di una seria riforma a prescindere dai Berlusconi (anzi per gente come loro sarebbe molto peggio) e sarebbe una gran cosa anche per il rilancio della nostra economia.

L'affermazione "la giustizia italiana a bisogno di profonde riforme e Berlusconi è particolamente inviso per ragioni politiche" è più grave di quanto appaia. Tizio e Caio sono in disputa ed io do ragione a Tizio perché mi ha pagato una mazzetta sono "soltanto" un giudice corrotto. Ma se inquisisco Sempronio non soltanto perché ha commesso qualcosa di male (mentre per esempio mi disinteresso di Mevio che ne ha fatte di peggio) ma anche e soprattutto perché Sempronio è un leader politico a me inviso, ed io voglio metterlo in difficoltà e danneggiarlo politicamente, io sono non solo un disonesto ma anche un eversore, perché cerco di ribaltare la volontà popolare. Ho citato prima il caso De Benedetti e quello della Missione Arcobaleno, potrei aggiungere quello di Callisto Tanzi, amico di Bersani e De Mita (600 ispezioni al gruppo Fininvest Mediaset, nessuna a quello Parmalat -  ne avessero fatte sei ci saremmo risparmiati un buco da 14 miliardi di Euro (mica un paio di mutande verdi) oppure quello del Monte dei Paschi, ancora in corso davanti ai nostri occhi: le indagini su una struttura da 30.000 dipendenti affidate ad una procura di provincia con una mezza dozzina di magistrati = prescrizione sicura. Comprenderete che trovo poco interessanti i peccadillos di SB, di un paio di ordini di grandezza inferiori. Mi interessa molto di più la politica ed i suoi effetti sulla vita di tutti noi: ricordate che il primo governo Berlusconi cadde alla fine del 1994 in seguito ad un patto scellerato fra Bossi e D'Alema mentre stava cercando di riformare le pensioni? Quanto sarebbe stato meglio averle riformate nel 1994 invece che nel 2013? E la sciagurata riforma del Titolo V della Costituzione, approvata nel 2001 da un Governo di sinistra ancora una volta per compiacere la Lega Nord?

 

Scusa ma dove vuoi arrivare? Ad affermare che una magistratura politicizzata e quindi eversiva è più grave di un politico corruttore o a dire che un evasore fiscale corruttore di giudici avrebbe riformato e rilanciato il paese?

Perchè se fosse il primo caso puoi tranquillamente attaccare la magistratura eversiva senza difendere Berlusconi. E' inessenziale alla dimostrazione della tesi, se non controproducente ai fini della stessa.

Berlusconi viveva in casa con il mafioso Mangano, ed ha fondato un partito insieme a dell'Utri che ora è stato arrestato in latitanza per concorso esterno in associazione mafiosa. Cuffaro, Cosentino, ed innumerevoli politici locali legati a Forza Italia e simili (UDC) hanno fatto visita alle patrie galere per vicende di mafia.

Dici che ti interessa la politica ed i suoi effetti sulla vita di tutti noi. Bene, ti piace pagare le tasse per finanziare la spesa pubblica di Sicilia e Calabria, che è oltre il 70% del loro PIL, per mantenere più dipendenti regionali del governo inglese e fornire servizi al livello di paese del terzo mondo?
Non ti piace? Ricordatelo quando vai a votare.

Caro NV, è vero, Al Capone fu condannato per evasione fiscale ma non è per questo che è famoso. Ed il sofismo "Al Capone era un  evasore fiscale => chiunque evade il fisco è un gangster come Al Capone" è falsa non solo e non tanto logicamente, ma anche e soprattutto empiricamente. Eh sì perchè a differnza della Chicago degli anni '30, nella seconda metà del XX secolo e nel XXI i mafiosi le tasse le pagano eccome; lo spiegava già Pino Arlacchi nel 1983 (La Mafia imprenditrice) e per motivi ovvi se solo ci si riflette un poco. Dunque NV, tu sei in boss mafioso, con una fiorente e lucrosa attività per esempio nel traffico all'ingrosso di droga. Gli affari vanno bene, vivi in una grande villa con parco, giri in Ferrari, tua moglie sfoggia dimanti grossi come nocciole; cosa c'è scritto alla voce "professione" sulla tua carta d'identità? "disoccupato/nullatenente"?  Non sembrerebbe un poco strano? No, invece tu ti procuri un'impresa di copertura,  fai in modo che dichiari sostanziosi profitti e ovviamente ci paghi sopra le tasse. "Ma no, Maresciallo, ma cosa va mai a pensare? Io sono un impreditore di successo, questi sono i bilanci della mia azienda, regolarmente depositati e questa è la ricevuta del modulo F24 (non è la versione economica dell'F35) e naturalmente dopo aver lavorato così duramente mi piace anche godermi la vita. Un bicchierino di rosolio Maresciallo? Arrivederci e baciamo le mani". Spero di aver chiarito che l'evasione fiscale e la criminalità organizzata sono due mestieri diversi. Quanto a Mangano, molte aziende impegano ex detenuti che hanno regolarmente scontato la pena, e se con quello avesse fatto qualcosa di men che irreprensibile qualche solerte magistrato lo avrebbe sicuramente scoperto, trattandosi dell'uomo più inquisito del globo. Quanto a Sicilia e Calabria, sono state alternativamente governate dal centrodestra e dalla sinistra, e nè la qualità dei servizi nè il livello della spesa pubblica sono cambiate granchè

Corrado, voglio effettivamente affermare che una magistratura politicizzata che sfrutta la giustizia per fini politici è sicuramente più grave di un comune politico corruttore Non voglio tanto difendere Berlusconi quanto far rilevare che un suo governo sarebbe comunque preferibile a quello della banda PCI-PDS-DS-PD (sono sempre le stesse persone); in verità CHIUNQUE avrebbe fatto meno danni di loro. Non sono deluso da Berlusconi (non mi sono mai illuso su di lui) ma diamine, è stato fatto cadere proprio nelle rare occasioni in cui stava facendo qualcosa di buono!

Pagare le tasse su attività illegali senza farsi scoprire non credo sia esattamente semplice, e comunque chi ha una mentalità criminale è avido, e in genere non commette un solo tipo di reato.

Quanto al Berlusca, non è famoso in quanto evasore (e frodatore) fiscale ma in quanto politico controverso proprio per le sue frequentazioni con mafiosi e favoreggiatori della mafia.

Ovviamente provare in un aula di tribunale che BS abbia commesso reati di concorso esterno in associazione mafiosa è estremamente difficile, ed è giusto che come imputato lui abbia diritto a tutte le garanzie di sorta, ma sul piano politico fare finta di nulla, chiamare "peccadillos" (definizione del suo servo Giuliano Ferrara) una frode fiscale di alcuni milioni di euro (che erano molti di più prima della prescrizione), significa non avere senso di ciò che serve ad uno stato sviluppato per funzionare.

Quanto all'"è stato fatto cadere", BS ha sempre governato con maggioranze schiaccianti. Se non ha mai combinato nulla di buono è stato per la sua incapacità e mancanza di volontà, non certo per il "gombloddo" dei giudici comunisti o della Merkel.

Questa è la data in cui la Cassazione di Milano riconosce Berlusconi complice con Previti di corruzione dei giudici e lo prescrive. 

Il mondo politico fece finta di niente, e gli elettori pure. Tutto il resto è la logica conseguenza di questo incredibile passaggio, comprese le vicende attuali, alle quali non riesco proprio ad appassionarmi.

Quanto  a  De Benedetti, citato da molti, non ha mai chiesto il voto degli italiani, come del resto (non)  ha fatto Romiti, anche lui condannato e come (non) ha fatto  Montezemolo, reduce da vicende molto delicate ricordate da Romiti, con ammissione di colpa. Cosa c'entrano queste vicende col candidato Berlusconi?  Inoltre due cose sbagliate fanno due cose sbagliate, non una cosa giusta. Lo scandalo Berlusconi è lo scandal0 della cultura istituzionale italiana. Sarà dura riprendersi.

Scusa Alberto ma il fatto che De Benedetti o altri non abbiano chiesto il voto degli italiani dal punto di vista giudiziario non significa nulla. Non si è più colpevoli di evasione fiscale perchè ci si è fatti eleggere (almeno non mi risulta). Stai mescolando i due livelli giudiziario e politico. Al giudice non deve (dovrebbe) interessare se l'imputato è un politico, a meno che questo non sia aggravante o attenuante rispetto all'accusa.

Siamo tutti uguali di fronte alla legge (è vecchia ma fa sempre ridere).

Lo specifico solo per amor di ragionamento (non ho capito nemmeno io cosa c'entri De Benedetti) nella sostanza sono completamente d'accordo con te.

non esiste e non è mai esistita (dopo l'unità ci furono altre corti oltre a quella di Roma, poi soppresse dal regime fascista).

la sentenza del giugno 2001 è della Corte d'Appello di Milano. Poi nel novembre dello stesso anno Berlusconi è ricorso senza successo in Cassazione. I dati li ho presi da qui.

devono essere interpretati. Se la Corte d'appello di Milano - non la Cassazione - ha dichiarato la prescrizione, verosimilmente non è entrata nel merito, cioè non ha stabilito se SB fosse o no colpevole del delitto ascrittogli: qualunque cosa dica wikipedia, la sentenza che dichiara la prescrizione non accerta la colpevolezza (infatti il testo citato parla di ipotesi).

Non mi sembra che da wikipedia si ricavi che SB abbia proposto ricorso per cassazione: se non ho inteso male la fonte citata, il ricorso fu proposto dagli altri imputati e l'esito non fu a loro favore.

Fatte tutte le riserve possibili sulla fonte, mi pare che non giustifichi le Sue affermazioni. 

Nella sentenza civile di risarcimento alla CIR, sono riassunte, a pagina 56-60 e seguenti, le vicende penali. Berlusconi ricorse in Cassazione (vedi a pagina 57, riga 8).

Per il resto, i fatti parlano da soli. Giova anche ricordare che Previti non fu fatto ministro della Giusrtizia solo per l'opposizione di Scalfaro, che fu poi attaccato per anni dai giornali Fininvest.

ancora dati

massimo 24/4/2014 - 20:52

In verità la vicenda è assai più complessa; nel prosieguo, salvo diversamente specificato, faccio riferimento alla sentenza civile opportunamente indicata da Alberto Rotondi. La famosa sentenza della Corte di Appello di Roma 14-24.1.1991 fu emessa da un collegio composto dal presidente Arnaldo Valente, il giudice Giovanni Paolini e il giudice relatore Vittorio Metta (pag. 15). Non trovo menzione di dissensi e deduco quindi che i tre giudici fossero concordi, ma dei tre solo uno (Metta) è stato indagato e condannato per corruzione; come si spiega la posizione di Valente e Paolini? Se la sentenza era ingiusta perché frutto di corruzione, perché non si sono opposti mettendo Metta in minoranza? Si deve dedurre forse che Fininvest avesse corrotto un giudice per ottenere una sentenza giusta?

A pag. 21 (è la difesa Fininvest che parla) si legga che "CIR procedette con ricorso in Cassazione ribadendo le proprie ragioni". Bene allora perché CIR, certa delle proprie ragioni non continua il ricorso per ottenere soddisfazione in giudizio, ma si rivolge ad Andreotti (che alcune procure considerano un mafioso: vedi anche il post di ieri sulle preferenze – la Sicilia era un feudo andreottiano) e cerca un accordo con l'appoggio di Giuseppe Ciarrapico, neanche lui in odore di santità? Ricordiamo che all'epoca il patron della CIR aveva già spolpato la Buitoni-Perugina e l'Olivetti ad aveva avuto un ruolo non edificante nella vicenda del Banco Ambrosiano.

vecchiaia

floris 24/4/2014 - 23:57

Non trovo menzione di dissensi e deduco quindi che i tre giudici fossero concordi, ma dei tre solo uno (Metta) è stato indagato e condannato per corruzione; come si spiega la posizione di Valente e Paolini? Non trovo menzione di dissensi e deduco quindi che i tre giudici fossero concordi, ma dei tre solo uno (Metta) è stato indagato e condannato per corruzione; come si spiega la posizione di Valente e Paolini?

Sono abbastanza certo che della questione parlò Alex Bisignano su queste pagine, non ricordo se fra i commenti o in un articolo. Se ricordo bene (...) il punto è proprio che l' accusato era il giudice relatore, l' unico che in pratica legge tutte le carte e riferisce al riguardo agli altri due, che basandosi su ciò decideranno insieme al primo.

...o meglio spero di non aver capito bene. La legge prescrive un giudizio collegiale, ma due su tre giudici se ne infischiano e lasciano al solo relatore il compito di leggersi le carte? Ma allora a che serve il collegio giudicante? Non basterebbe un giudice monocratico? Eppure la causa era grossa, si trattava di 900 miliardi di lire (di allora); oltre a ciò, trattandosi di un importate gruppo editoriale, qualcuno potrebbe anche osservare che si ponesse anche un problema di democrazia, eppure questo non bastò a indurre il presidente Valente e il giudice Paolini a faticare un pochino. Eppure nel successivo processo lo stesso Paolini ebbe a dichiarare: "Il teste Giovanni Paolini, componente del collegio che, assieme al Presidente Valente ed a Metta, aveva deciso la causa Lodo Mondadori, esaminato all'udienza dibattimentale del 25.2.2002 (doc. F 10 CIR), aveva fatto presente che il collega relatore era molto spesso in ritardo, rispetto ai termini di rito, nel deposito delle sentenze e che, per tale ragione, egli era solito lavorare anche durante le ferie. Ciò nonostante, evidenziava CIR, egli fu assegnatario di una causa così gravosa ed onerosa come l'impugnazione del lodo Mondadori."

Insomma gli sembrava che ci fosse qualcosa di strano, ma di lavorare non se ne parlava neppure. È così che si arriva alle sentenze che "non si commentano"?

In verità i giudici hanno anche dato 12 "prescrizioni obbligatorie" che vanno dall'obbligo di dimora in Lombardia , salvo il martedì mercoledì e giovedì a Roma, come l'obbligo di rientrare sempre alle 23 e non uscire prima delle 7. Adesso viene spontaneo chiedersi "ma il bunga-bunga a che ora inizia ?" e capire che i giudici si preoccupano che non ce ne sia troppo...
Molto bella la prescrizione n° 6:  "Divieto assoluto di frequentazione di pregiudicati e tossicodipendenti".

Praticamente non può frequentare Forza Italia.

Faccio forse la figura del rozzo, che non coglie la sottile ironia dell' articolo, ma il cittadino medio italiano che si forma un' opinione agghiacciata delle sentenze sul Banana è creazione della lettteratura fantastica che manco Cesar Luis Calvo: non solo il c. m. i.  è ai confini dell' analfabetismo (lo dice T. De Mauro: http://www.lanazione.it/firenze/curiosita/2011/11/27/627578-rischio_anal...), e quindi mai leggerà una sentenza scritta da parolai ermellinati, ma ammira il furbismo dell' arcorese: egli è un furbo, un fico con mille donne, mica come quei frociacci di sinistra, non l' hanno fatto lavorare, i giudici ce l' hanno con lui, quando c' era lui le cose andavano bene,  come con Craxi, è l' unico che le canta in faccia alla culona teutonica, etc. etc.. E' un martire come san Sebastiano, ma molto più divertente. Non coglierà mai che una sentenza passata in giudicato a settembre 2013 ancora non viene applicata a Pasqua 2014, ad esempio. Ed ora vai, con l' ennesima stupidaggine sui trascorsi nazisti di quei cattivoni che non hanno debiti di 1,3volte il PIL, pensa che pallosi !

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti