Canale Mussolini

No, non è un nuovo canale televisivo inventato da qualche nostalgico del fascismo, né una nuova definizione della RAI, ma è il libro di Antonio Pennacchi dedicato alla storia immaginaria di una famiglia Ferrarese (i Peruzzi) che si trasferisce nell'Agro Pontino bonificato durante il fascismo.

Dico subito che il libro si inserisce nel filone del romanzo storico, senza essere il classico polpettone, ma anzi è un libro molto ben documentato e con una ricca bibliografia, non fa quindi forzature storiche e voli pindarici, e anche quando racconta “leggende metropolitane” sono ben evidenziate come tali nel contesto, come ad esempio la storia della fontana della palla in Latina, se andate sul posto ve la sentirete raccontare tale e quale.

Non intendo fare il riassunto del libro, compratevelo (Pennacchi non mi dà niente, è una marchetta a gratis, nemmeno napoletanamente “caffè pagato”), ma intendo evidenziare alcuni punti del libro, quelli più interessanti dal punto di vista di una discussione.

Il primo punto è quella molla che spinge tanti a emigrare, siano neri, gialli o bianchi, le parole usate da Pennacchi mi sembrano decisamente meglio delle mie, gli lascio (volentieri) la parola:

Per la fame. Siamo venuti giù per la fame. E perchè se no? Se non era per la fame restavamo là. Quello era il paese nostro. Lì eravamo sempre stati e lì stavano tutti i nostri parenti. Conoscevamo ogni ruga del posto e ogni pensiero dei vicini. Ogni pianta. Ogni canale. Chi ce lo faceva fare a venire fino a qua? Pag.1

Altro spunto interessante è che nel 1932 i Veneti, i Ferraresi (che son quasi veneti) e i Friulani si puzzassero letteralmente di fame e vivessero (male) di agricoltura: son passati 80 anni e trainano il resto d'Italia. Nota mia: questo articolo ho cominciato a scriverlo quasi due mesi fa, prima delle polemiche su nFA Nord-Sud, se pensate che questo punto serva solo a rinfocolare stupide polemiche toglietelo. [Well, è rimasto ... NdR]

Il secondo punto è che, come ben chiaro nel libro, il fascismo (la politica) decise di fare alcune cose (come ad esempio le bonifiche), ma furono poi uomini e organizzazioni dello Stato a realizzarle, che magari non erano nemmeno fascisti, ma forse, semplicemente, onesti e capaci. Bellissima la descrizione della nascita di Littoria (Latina). Anche qui Pennacchi è molto meglio di Marco Esposito [Pagg 163-167]:

Per bonificare Piscinara il Consorzio [privato, NdME] si era dato sette anni di tempo, fino al 1936, poi arriva la Opera Nazionale Combattenti [l'Ente fascista della bonifica, NdME], che era peggio di Eddy Merckx e nel 1935 tutte le Paludi Pontine erano non solo prosciugate, ma piene di case, borghi e città.

[...] Cencelli (responsabile ONC) però s'era pure pensato “Ma questa è un'Olanda sterminata, come farà questa gente che ci stiamo portando? Non gli servirà anche un'anagrafe o un cimitero?”...tra il febbraio e il marzo del '32 gli era venuto in mente “sai che c'è? Mò faccio una città”.

Quando il 5 Aprile del 32 [due mesi dopo, NdME] il Duce e Rosoni vennero in palude per un giro d'ispezione ... gli fece vedere di qui e di là, puntando il dito in ogni direzione “Qui faccio la chiesa, là il comune, là il cimitero..

“Ma Cencelli sei impazzito?” si incazzò il Duce “Questa è una città, ch'at vègna un càncher”. Bisogna infatti sapere che il Duce all'inizio era contrario alle città. Non le poteva vedere.

Molto bella e divertente la ricostruzione romanzata dei dialoghi, sta di fatto che Mussolini acconsente a un “comune rurale”, ma il Cencelli era, come dice Pennacchi “un carro armato con l'elmetto in testa”. Cencelli però si rende conto che il disegno della città era stato fatto dai suoi tecnici, che erano tecnici agrari:

“Ma che vuoi che capiscano questi ? Questi capiscono di canali e paludi, ma a me per una città ci vuole almeno la supervisione artistica di un architetto”. Così ne ha fatto arrivare uno da Roma - Oriolo Frezzotti - e gli ha detto “In quarantott'ore voglio un progetto nuovo e completo, se no non ti pago”. Era il 6 o 7 aprile quando ha chiamato l'architetto, e il 30 Giugno c'erano già tutti i campi picchettati, le imprese sul terreno e la buca scavata della torre comunale.

Nel frattempo il Cencelli convoca i giornali e spedisce gli inviti per la posa della prima pietra, i giornali titolano “Nasce Littoria, la nuova città”, il Duce s'incazza come una iena e vorrebbe strozzare il Cencelli, Rosoni lo calma, sta di fatto che il Duce non va alla posa della prima pietra e manda un biglietto autografo ai giornali:

“Tutta quella rettorica a proposito di Littoria, semplice comune e niente affatto città, Est in contrasto assoluto colla politica urbanistica del Regime Stop Anche la cerimonia della posa della prima pietra Est un reliquato di altri tempi Stop Non tornare più sull'argomento – Mussolini.

[...]

La notizia era ormai arrivata alla stampa estera, che aveva cominciato a scrivere sui giornali di tutto il mondo “Questi fanno le città”. E tutti ammirati. A bocca aperta. E cominciarono a voler venire a vedere di persona - sul posto -  dall'America, alla Russia, dalla Thailandia all'Ungheria. A vedere come si faceva.

Il Duce cambia idea e se ne arroga il merito.

E il 18 Dicembre 1932, neanche sei mesi dalla posa della prima pietra a cui non era voluto nemmeno venire, venne proprio lui a inaugurare Littoria in pompa magna. E dopo non ha smesso più di fondare città a iosa.

Potrei fare della facile ironia sui politici di oggi e gli “uomini del fare” (affari), ma secondo me di gente come il Cencelli non c'è più nemmeno la traccia genetica in Italia. Pennacchi:

L'Opera invece gli dava le mazzate in fronte alla ditte. Stavano sempre lì a fargli i peli e non si contano i lavori che Cencelli gli ha contestato senza più pagare:” Fammi causa. Anzi ti faccio io causa a te” e li obbligava a rifare due volte i lavori. Li ha mandati per stracci. Certe ditte le ha fatte proprio fallire. “Se nun si bbono a lavorà - era reatino - meglio che mori”. Pag.233.

Il terzo punto, quello fondamentale è l'integrazione di un gruppo di uomini e donne con usi e costumi diversi da quelli del luogo di destinazione, un tema non facile nell'Italia di oggi. Mi sembra doveroso riportare le parole di Pennacchi:

Fu un esodo. Trentamila persone nello spazio di tre anni – diecimila all'anno - venimmo portati quaggiù dal Nord. Dal Veneto, dal Friuli, dal Ferrarese. Portati alla ventura in mezzo a gente straniera che parlava un'altra lingua [Grassetto nostro]. Ci chiamavano “polentoni” o peggio ancora “cispadani”. Ci guardavano storto. E pregavano Dio che ci facesse fuori la malaria. Pag. 137

Due altri spunti niente male sono sui “verdi” e su certe “idee economiche”. Dei verdi Pennacchi dice :

“altrochè l'ecocidio di cui parlano alcuni, per i quali la palude sarebbe stata un ecosistema che avremmo dovuto ad ogni costo proteggere. E sì, no? Mò proteggevamo la zanzara e la malaria? Pag.209

Delle idee economiche:

Veda un po' se è vero o no che la quota 90 ha ammazzato i contadini italiani. Pag. 125

Ma il libro è una continua miniera di spunti interessanti, dai filò dei contadini veneti, ai sistemi di agricoltura “tradizionale” (qualcuno sa dire perchè era una buona pratica bruciare le stoppie, pratica oggi vietatissima?), c'è il perchè (logico, assolutamente logico) le terre siano state date a contadini venuti da fuori, e non ai sezzesi che l'abitavano da tempo, c'è l'anticlericalismo veneto sintetizzato dalle parole d'ordine Monti e Tognetti , c'è la storia del fascistissimo ebreo Barany, a cui fu dedicato il distretto militare di Littoria, e tale rimase anche dopo le vergognose leggi sulla razza, ma ci sono soprattutto i tanti dialoghi, anche in veneto, a rendere viva una storia.

Buona lettura a tutti, e se qualcuno conosce Pennacchi gli dica di pagare almeno un caffè a Marco Esposito. Un consiglio ulteriore è quello di andare a fare un giro a Sabaudia o Latina (Sabaudia tra l'altro è una località turistica) per vedere come anche in Italia si siano potute fare delle cose senza distruggere l'ambiente, mentre il resto dell'agro pontino è inguardabile, essendo diventato un guazzabuglio di case e villette stilisticamente improbabili e inguardabili. Italia, appunto.

16 commenti (espandi tutti)

mi hai convinta, te lo offro io il caffé.

qualcuno sa dire perchè era una buona pratica bruciare le stoppie, pratica oggi vietatissima?

La cenere è un ottimo fertilizzante

Lo pensavo anche io. Invece serviva a distruggere i semi delle infestanti,senza erbicidi e sostanze chimiche. Agricoltura biologica, insomma (oltre che effettivamente le ceneri erano ricche di azoto, un fertlizzante). Ma non dite ai verdi che bruciare le stoppie evita gli erbicidi, tanto un "verde" non capisce niente di verde.

C'è una pagina bellissima di Canale Mussolini proprio su questa storia delle stoppie, e tempo a l'avevo copiata per intero proprio per parlare dei risultati del divieto di bruciarle. Qualche giorno fa parlavo con alcuni agricoltori delle mie parti, e osservavamo (solo osservazioni, ovviamente non fanno scienza) come da quando le stoppie non bruciano più le malattie fungine, soprattutto l'oidio, abbiano preso il sopravvento sul grano e sugli altri cereali a paglia.

bruciavano e sanavano, e così morivano le infestanti – i semi di infestante – i microbi e le malattie moleste, perché anche la terra s’ammala e abbisogna di cure

Ce ne sono tante di pagine così nel libro di Pennacchi, che raccontano con realismo e crudezza un'epoca e un'agricoltura che oggi si tende a mitizzare, chissà poi perché... Un mondo rurale fatto di carne e sangue, violenza e miseria. Fatto di "Latte e merda", avrebbe detto il Burt Lancaster di "novecento": un film che, nonostante il presupposto ideologico opposto, ha molto in comune con Canale Mussolini, soprattutto il modo di raccontare la storia di una nazione attraverso la memoria epica di una famiglia (contadina e "padana").

Ed in effetti, come disse Jacques Le Goff, la storia altro non è che la forma scientifica della memoria collettiva...

Giordano difatti il caso delle stoppie l'ho citato proprio perchè mi ricordavo di quel tuo post. Però non credo che sia un'epoca da mitizzare, semplicemente si sono perse delle "buone abitudini", sempre in Canale Mussolini si parla della pulizia degli argini e dei canali da parte dei contadini, mi sembra che anche tu ne abbia parlato, che è una cosa che non si fa più (e tutto devoluto allo Stato..). I risultati li conosciamo..

Per il resto all'epoca l'agricoltura era veramente "fatica" , ma già nel libro si parla della meccanizzazione dell'agricoltura, sarebbe il caso di ricordarsi anche del perchè si usavano gli eucalyptus nelle zone paludose: perchè sono dei gran bevitori di acqua e mantengono il terreno pulito. Difatti oggi nell'agro pontino non c'è più un eucalyptus e sono tornate le zanzare.

per carità, non parlarmi di argini che stasera ho seriamente rischiato l'alluvione...

Non intendevo dire che tu "mitizzavi" quell'epoca, anzi, non credo che lo faccia neanche Pennacchi, che anzi ne parla con una buona dose di crudezza (Canale Mussolini mi è piaciuto molto anche per questo). Quel che volevo dire è che in genere è diffusa un'idea del mondo agricolo di un tempo che sembra tratta da i libri di lettura per bambini, e spesso quest'idea sta alla base di politiche insensate come la regolamentazione della bruciatura delle stoppie e, ahimé, molto altro e molto peggio...

Il libro è delizioso oltre ad contenere spunti di riflessione. Parte della storia e degli episodi mi erano noti: nell'agro pontino si trasferì il fratello del mio bisnonno friulano. Mi raccontava il nonno del terrore della famiglia per "estirparsi" dalla dura ma amata terra friulana ma dopo un quidicennio, benedicevano qel momento. E adesso, dopo un tuffo nelle memorie familiari, di altri temi più seri, non mi va tanto di discutere.

Arturo?

Pietro Puricelli 21/11/2010 - 10:13

Scusa ma si chiama Arturo o Antonio Pennacchi?

Nel sottotitolo  il nome dell'autore è scritto in modo errato.

fixed, thanks

Canale Mussolini

luigi 21/11/2010 - 13:01

L'altro giorno Pennacchi era in Tv dalla Bignardi. Sono rimasto sorpreso dalla sua storia personale. Praticamente, è un operaio sindacalista che è andato all'università a 40 anni ed è stato espulso dalla CGIL per certi picchetti non proprio pacifici di cui è stato protagonista. Allo sguardo sorpreso della Bignardi, ha risposto: "Beh, se c'era uno sciopero e qualcuno voleva entrare in fabbrica, io che dovevo fa', farlo passare che poi ci rovina la lotta?".

me di gente come il Cencelli non c'è più nemmeno la traccia genetica in Italia

 

Concordo in toto sul post. Faccio però notare una cosa: ritengo non sarebbe azzardato ipotizzare che questo tipo di figure appartengono a tutta l'era della storia italiana pre-boom economico e non solo al periodo fascista.

Chiedo venia in anticipo per la "teoria" buttata lì così e ammetto che non la saprei sostenere se non citando materiale aneddotico tuttavia la mia impressione forte è che già prima del fascismo, durante (e prima!) dello stato liberale e anche nel primo decennio della ricostruzione repubblicana, esistessero figure e spinte di questo tipo e che queste siano venute meno proprio con il progresso economico di gran parte della popolazione italiana che non aveva mai neanche potuto aspirare a tali benefici.

Mi  sembra che il modello "mecenatistico" (statale o privato) non abbia più funzionato nella società del benessere di massa. Con questo non voglio ovviamente sostenere che il progresso economico sia brutto e cattivo o porti necessariamente a questo se non altro perché esistono tanti esempi di stati che hanno vissuto lo stesso progresso economico senza arrivare a una disgregazione sociale, etica e politica pari a quella dell'Italia. Tuttavia l'impressione è che l'Italia non abbia retto socialmente agli scombussolamenti portati da questo fenomeno. 

Mi piacerebbe solo sapere cosa ne pensano degli economisti di questa (rozza) visione e periodizzazione.

 

P.S.

 

Per chi volesse conoscere il Pennacchi "personaggio" (godibile perlomeno quanto i libri che scrive) consiglio di vedere il documentario "Latina Littoria"

Non lo so, secondo me il meccanismo si rompe dalla metà degli anni '60 in poi, quando al comando imperativo: "Cercate di guadagnare" si aggiunge la frasettina "ad ogni costo", ma non lo legherei alla "società del benessere", quanto agli esempi morali della classe dirigente.

Se una classe dirigente è tendenzialmente onesta difficilmente si avrà disonestà diffusa, se comincia a rubare, rubano tutti. Oggi rubano tutti.

Oggi rubano tutti.

Lapidario ma impreciso

Oggi rubano tutti quelli che se lo possono permettere

A mio avviso siete partiti per una tangente e dato l'argomento era inevitabile :-).

Che rubino tutti o meno può non essere il motivo fondamentale. Anche perchè credo che hai tempi non fossero tutti santi. La mancanza di un Cencelli moderno io la farei risalire ad un altro motivo:

la continua decadenza della meritocrazia in Italia, di cui tanto abbiamo discusso su nfa, che ha portato a far si che :

1.1 un Cencelli in Italia non riesca più a formarsi

1.2 qualora riuscisse comunque a formarsi, dovrebbe avere la fortuna di avere le "giuste conoscenze" per arrivare ad agire chè i meriti contano relativamente o nulla

A questo aggiungerei che, per opere come quelle della bonifica in oggetto, ci vuole anche una concezione della propria funzione politica e della società che oggi manca. Triste dire che il fascismo l'avesse ma la compensò anche troppo con i suoi difetti oltre ad avercela "leggermente"distorta.

A questo aggiungerei che, per opere come quelle della bonifica in oggetto, ci vuole anche una concezione della propria funzione politica e della società che oggi manca. Triste dire che il fascismo l'avesse ma la compensò anche troppo con i suoi difetti oltre ad avercela "leggermente"distorta.

E non si puo' escludere che la fine misera del fascismo abbia trascinato con se' nei fatti almeno un parte di quella concezione, che nel fascismo era proclamata, retoricamente, a piena voce. Perdere una guerra che si era cercata, e in quel modo, ha lasciato il segno.

Un po' la fine che rischia di fare l'idea del federalismo.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti