L'aumento dell'IVA. Qualche numero e qualche riflessione.

8 luglio 2013 aldo lanfranconi e sandro brusco

Il modus operandi del governo sta ormai assumendo la dimensione di una piccola regolarità empirica: focalizzarsi su questioni relativamente minori e intervenire mediante rinvii. Dopo la vicenda IMU è stata la volta dell'aumento di un punto dell'aliquota IVA, che è stato scongiurato principalmente anticipando temporalmente altre tasse. Il battage propagandistico precedente all'aumento IVA dipingeva in alcuni casi scenari terrificanti, affermando che le conseguenze sarebbero state funeste. Anche se ci sono pochi dubbi sul fatto che inasprimenti fiscali possono peggiorare la recessione già in corso, soprattutto in assenza di riforme strutturali per promuovere la crescita,è utile guardare da vicino i numeri in gioco ed effttuare anche qualche riflessione su quali tasse possono fare più male al paese.

Un poco di storia

Giulio Tremonti, con la manovra per il 2012 e il DL 138 emanato dopo avere accettato l'anticipo di un anno del pareggio di bilancio, ha lasciato come buona uscita per gli italiani (che fino a poco prima baciavano la terra dove metteva i piedini), l'abbattimento delle fiscalità di vantaggio da definire per 4 miliardi nel 2012, 16 nel 2013 e 20 nel 2014 e un aumento dell'IVA ordinaria di un punto. Qualora la delega per la riforma fiscale non avesse sortito risultati, le risorse delle misure fiscali si sarebbero reperite con tagli lineari di pari importo a deduzioni e detrazioni fiscali (quanto velleitario e poco probabile fosse il progetto venne discusso su questo sito all'epoca, ossia nell'estate del 2011). Mario Monti con il ''decreto salvaitalia''  (dicembre 2011)  ha sostituito i tagli lineari di Tremonti con l'aumento dell'IVA (+2% da ottobre 2012, più un ulteriore mezzo punto da inizio 2014) e marginalmente con altre misure. Con la spending review e la legge di stabilità si è giunti alla situazione attuale: aumento dell'IVA ordinaria dal 21% al 22% da luglio 2013, quell'aumento che è stato ora ritardato fino a ottobre e compensato con un aumento degli acconti su Irpef, Ires e Irap. Visto che è ora di moda imputare al governo Monti ogni nefandezza, è utile ricordare che tale governo è responsabile dell'aumento di un punto dell'IVA ordinaria da luglio 2013 (per compensare misure improbabili tremontiane) ora slittato a ottobre, mentre Tremonti dell'aumento dell'altro punto ben da ottobre 2011, quando il can-can mediatico fu abbastanza più ridotto.

La tabella seguente riassume questa ''IVA story''.

image

Qui trovate link punto 1 DL 98/2011, link punto 2 DL 138/2011, link punto 3 DL 201/2011 e link punto 4 DL 95/2012. Per il punto 5 non abbiamo trovato una tabella ma sappiamo che per il 2014 l'IVA ridotta rimane al 10% (dall'11%). Dal punto 3 sappiamo che un punto di IVA ridotta vale 2324 milioni (4648/2 del 2013 ) per cui 6560-2324 = 4236 milioni, valore uguale al primo punto aumentato da Tremonti (punto 2). A volere essere precisi se il valore di un punto è stato stimato nel 2011 pari 4236 milioni nel 2013 dopo un calo dei consumi del 7,3% dovrebbe valere 3926 milioni e per 6 mesi (dal primo luglio) 1963 milioni e meno di 3926 nel 2014 (se non si arresta la diminuzione dei consumi). Assumeremo comunque 2100 e 4200 milioni che escono dai conti e di cui tutti parlano.                    

Gli effetti dell'aumento IVA

Nessuno dà numeri se non che dopo l'aumento dal 20% al 21% dell'aliquota ordinaria, entrato in vigore il 17 settembre 2011, quando il culo di Tremonti scaldava ancora la poltrona di Quintino Sella, i consumi si sono contratti di oltre il 7%. In effetti il crollo si è verificato in 19 mesi con pendenza praticamente costante.

image 

Nessuno poi ricorda che dopo tale aumento c'è stato anche il terremoto in Emilia, le dimissioni del Papa e una primavera schifosa. Scherzi a parte, è chiaro che se si vuole mettere in relazione l'aumento dell'IVA con la caduta dei consumi bisogna far meglio, molto meglio, che esibire una figurina come quella sopra. Non esiste alcuna teoria economica che preveda una riduzione di tale entità dei consumi in risposta a un aumento dell'imposizione indiretta come quella verificatasi. Né esiste evidenza empirica al riguardo. Ci possiamo certamente attendere che i consumi diminuiscano in presenza di un aumento della tassazione, soprattutto se tale aumento è percepito come permanente, ma se faccia più danno un aumento dell'imposizione diretta o dell'imposizione indiretta è tutt'altro che chiaro. I consumi tendono a essere una delle componenti meno volatili della domanda aggregata, e si muovono tipicamente in risposta a cambiamenti delle aspettative di lungo periodo sulle prospettive di reddito. Il calo quindi segnala, molto probabilmente, che gli italiani si aspettano che i loro redditi non cresceranno in futuro e che l'imposizione fiscale continuerà a essere massiccia. È questa la vera ragione per cui il calo osservato negli ultimi due anni è così preoccupante.

Descrizione semplificata del meccanismo dell'IVA

L'Imposta sul Valore Aggiunto (Iva) è un'imposta sui consumi che colpisce ogni fase della produzione. L'IVA colpisce il "valore aggiunto", ossia l'incremento di valore che si verifica nel passaggio dalle materie prime usate per realizzare un prodotto fino alla vendita dello stesso. Quasi tutti i beni e servizi richiedono vari passaggi, prima di arrivare al consumatore finale e l'Iva viene applicata a ogni passaggio. I passaggi sono acquisto materie prime ed energia, produzione, vendita al grossista, trasporti, vendita al dettagliante e infine vendita al consumatore finale. Dal punto di vista legale l'imposta grava completamente sul consumatore finale mentre imprenditore, lavoratore autonomo, commercianti rimangono neutrali. Questi infatti recuperano l'imposta pagata sui loro acquisti addebitandola ai propri acqirenti. Pertanto L'IVA rappresenta un costo solo per chi non ha acquirenti e cioè il consumatore finale. Dal punto di vista economico, l'incidenza dell'imposta dipende dai consueti ragionamenti sulla elasticità di domanda e offerta dei prodotti.

L'aliquota ordinaria è oggi del 21% ma alcuni beni e servizi sono esenti, altri soggetti ad aliquote ridotte del 4% e 10%. L'esempio seguente mostra quanto detto sopra (esempio semplificato considerando per tutti gli acquisti e i valori aggiunti un'aliquota del 20%).
Il produttore acquista materie prime, energia e carica ammortamenti per un valore di 100 e paga 20 di IVA, aggiunge lavoro, trasporto, altri costi e margine per 50; vende il prodotto al grossista a 150 caricandolo di 30 di IVA di cui ne versa 10 e con 20 compensa l'IVA pagata per gli acquisti. Il grossista aggiunge lavoro, trasporto, altri costi e margine per 30 e vende il prodotto al dettagliante a 180 caricandolo di 36 di IVA di cui ne versa 6 e con 30 compensa l'IVA  pagata al produttore. Il dettagliante aggiunge lavoro, altri costi e margine per 50; vende il prodotto al cliente finale a 230 caricandolo di 46 di IVA di cui ne versa 10 e con 36 compensa l'IVA pagata al grossista. Questo è almeno come dovrebbe essere. L'esempio è molto semplificato (non considera che nella catena si possono incontrare aliquote diverse) ma contraddice in gran parte la leggenda che l'aumento dei costi di trasporto sia un ulteriore aggravio dei prezzi: infatti l'IVA sui costi di trasporto è già parte dell'IVA finale (ossia i costi di trasporto sono valore aggiunto come produzione, distribuzione e margini).

Un conto ''back of the envelope''

Stimare in modo compiuto l'impatto dell'aumento IVA richiede un modello econometrico, ma per avere almeno un'idea dell'ordine di grandezza degli effetti di cui stiamo parlando può bastare un conto ''quick and dirty'' con ipotesi ultrasemplificate.

Ipotizzando che i consumatori di prodotti e servizi soggetti all'aliquota ordinaria continuino a spendere la stessa cifra C prima e dopo l'aumento dell'IVA e  posto B1 il valore dei beni pre IVA quando l'IVA è al 21% e  T1 il gettito IVA quando l'aliquota è al 21%abbiamo

C=B1x1,21  e   T1=0,21xB1;

Siano ora B2 e T2 il valore dei beni pre-Iva e il gettito quando l'aliquota è al 22$. In tal caso abbiamo

C=B2x1,22  e    T2=0,22xB2

Inoltre dato che l'aumento di gettito è ipotizzato pari a 4,2 miliardi abbiamo

0,22xB2-0,21xB1=4,2

Dalle relazioni precedenti si ottiene: B1=512,4 B2= 508,2; T1=107,604; T2=111,804 da cui si puo vedere che l'aumento di 4,2 miliardi di IVA verrebbe realizzato con compressione dei consumi a valore pre IVA della stessa entità. Pertanto con tutto il resto costante il gettito IVA aumenterebbe ma diminuirebbero i consumi al netto di IVA di 4,2 miliardi con conseguenze sulle entrate IRPEF ed IRES e solo marginalmente dell'IVA.

Si sarà notato che da questi conti ultrasemplificati deriva un gettito di IVA ordinaria (111,8 miliardi) molto vicino al gettito IVA totale (115,miliardi) mentre da questa tavola ISTAT, dal "TOTALE FAMIGLIE", il gettito IVA da aliquota ordinaria dovrebbe aggirarsi intorno a 80 miliardi (circa il 69,4% del gettito totale).(Nota 1) Questo è certamente dovuto al fattto che la capacità di spesa è parzialmente espandibile, ossia le famiglie possono reagire all'aumento delle tasse spendendo un po' di più anziché solo consumando un po' meno. Il governo nelle sue simulazioni, speriamo più precise, avrà tenuto di tutto questo. Si può quindi stimare che l'effetto sui consumi totali pre IVA è meno dello 0,25%, poco più di 1/32 del crollo del pil dal 2008 (-8%) il cui recupero è il vero problema del paese. Insomma, l'aumento dell'IVA non è una bella cosa, soprattutto in un periodo recessivo, ma nessun aumento delle tasse lo è. Non ci sono buone ragioni per pensare che un aumento dell'IVA sia peggiore di un aumento dell'Irpef o dell'Irap. Non sembra quindi esserci alcuna buona ragione per sostituire l'aumento dell'IVA con l'aumento di altre imposte, anche se nella forma edulcolorata di ritardi nel pagamento di una tassa e anticipi nel pagamento di altre.

Elementi di analisi

Chiudiamo questo articolo con alcune riflessioni di carattere più generale. Almeno per chi non è completamente privo di memoria, l'attuale attenzione del dibattito su IMU e IVA appare abbastanza sconcertante. Praticamente in tutti i paesi europei è in atto ormai da un paio di decenni un movimento di spostamento della pressione fiscale dalla tassazione dei redditi alla tassazione dei consumi e dei patrimoni, anche se non sempre con risultati molto visibili, essenzialmente perché si ritiene che la tassazione dei consumi in luogo della tassazione dei redditi crei un ambiente più favorevole alla crescita. L'articolo di Luigi Bernardi nel link fornisce una bibliografia aggiornata e mostra come questa linea di pensiero sia prevalente nei maggiori organismi internazionali.

Tanto per fare un esempio, nel 2009 Guido Tabellini scriveva sul Sole 24 Ore:

l'Irap alza in modo rilevante il costo di produzione, e toglie competitività alle merci italiane. È questo il problema urgente da affrontare, per aiutare le imprese strozzate tra il crollo della domanda internazionale, l'apprezzamento dell'euro e la stretta creditizia. Se potessimo farlo e se non ci fossero ripercussioni internazionali, sarebbe il momento di sussidiare la produzione nazionale e tassare le importazioni. Abbattere l'Irap è un modo per avvicinarci all'obiettivo. Se poi, per contribuire a finanziare la perdita di gettito, fossimo costretti ad alzare alcune aliquote Iva (un'imposta sui consumi e quindi anche sulle importazioni) non sarebbe così grave.

L'enfasi sulla frase finale è nostra. Ironicamente, quel pezzo venne scritto dopo che il presidente del consiglio dell'epoca (ricordate chi fosse?) aveva promesso per l'ennesima volta una riduzione dell'Irap.

Ora la domanda è: è cambiato qualcosa dal 2009? Quali sono le buone ragioni per concentrare l'attenzione ora sulla riduzione dell'IVA anziché su quella dell'Irap (o dell'Irpef)? Probabilmente l'unica cosa che è cambiata è l'illusione degli italiani che le tasse possano scendere. Il riequilibrio tra imposte dirette e imposte indirette in effetti è avvenuto semplicemente alzando le imposte indirette. Ora sullo scenario politico si è eliminata qualunque finzione di voler perseguire un programma economico coerente e ci si è dedicati alla demagogia più spinta, determinando la politica fiscale in base all'impatto mediatico-elettorale. i problemi reali, come sempre, possono attendere.

17 commenti (espandi tutti)

Stasi

Alex 8/7/2013 - 13:13

Ma secondo voi perchè i mercati finanziari ancora non stanno reagendo alla stasi e all'insicurezza di questo governo? Ci sono già dei segnali in giro? Mi sembra strano che con uno scenario così funesto stiano lì a guardare...

ok il tapering, i problemi con l'abenomics i problemi del sistema bancario cinese, ma direi che l'inattività di questo governo un peso sul loro andamento andamento ce l'abbia.

peristalsi

dragonfly 8/7/2013 - 22:05

perchè  i movimenti dei mercati finanziari non si possono prevedere, ed è  anche  molto peggio di quanto non si riesca coi terremoti e altre amenità.  l'estensione della metafora è ovvia: certi movimenti generano tensioni che sicuramente sfoceranno eccecc, ma il dove e il quando?

la mancata replica (per ora) dell'estate del 2011, secondo me dipende da quanto realmente accaduto nell'estate del 2011: una frotta di investitori istituzionali, non gli speculatori ribassisti nudi o vestiti,  allora si liberò a qualunque costo dei titoli di stato italiani in portafoglio, perchè volevano dormir bene la notte.

questa tranquillità però gli è costata un mucchio di perdite (un particolare che gli occhiuti catoni della moralità dei mercati  non ricordano mai)  e ora anche queste non fanno dormire! un feedback importante, che le faglie e gli strati non hanno.

 

Dove si possono trovare dati aggiornati sul gettito IVA suddiviso per aliquota?

vedi link "tavola ISTAT" e sua elaborazione nel link "Nota 1"

Evasione IVA

massimo 9/7/2013 - 18:32

È verosimile che aumentando l'aliquota IVA ordinaria dal 21% al 22% aumenti anche l'evasione/elusione? Se sì perchè, Se no perchè? Dove trovo qualche stima?

grazie

PS: da dove vengono i dati reperibili nel link "tavola ISTAT" e sua elaborazione nel link "Nota 1"?

--- Poichè  chi evadeva con il 21% non ha ragione di non evadere con il 22% l'evasione del gettito da aliquota ordinaria aumenterà automaticamente del 4,76%. Non penso che il punto in più aumenti in modo sensibile evasori ed evasione.

---  I dati della tavola ISTAT sono per l'appunto ISTAT. La tabella di Nota 1 permette di calcolare il gettito per aliquota (da consumi per aliquota di Tabella ISTAT e dal gettito totale IVA)

stime

sandro brusco 9/7/2013 - 21:00

Come dice Aldo, come conseguenza dell'aumento delle aliquote l'evasione può solo aumentare, dato che ceteris paribus se un soggetto trova conveniente evadere un'aliquota del 21% troverà anche conveniente evadere un'aliquota del 22%. Poi ovviamente, a parte questo calcolo meccanico, ci sarà qualche soggetto e qualche transazione marginale che evade a 22 ma non a 21. Non so dove trovare stime del fenomeno, ma dubito che esistano. Non credo che i dati esistenti sull'evasione fiscale, che giocoforza sono tutti inferiti e non di prima mano, siano di qualità tale da poter produrre stime affidabili.

Poi ovviamente c'è la questione se il ceteris è veramente paribus. Se si verifica un crollo dell'attività economica sia il gettito sia l'evasione scenderanno. Se migliora l'attività di controllo ed enforcement, il gettito sale e l'evasione va giù, etc. etc.

 Praticamente in tutti i paesi europei è in atto ormai da un paio di decenni un movimento di spostamento della pressione fiscale dalla tassazione dei redditi alla tassazione dei consumi e dei patrimoni, anche se non sempre con risultati molto visibili, essenzialmente perché si ritiene che la tassazione dei consumi in luogo della tassazione dei redditi crei un ambiente più favorevole alla crescita. 

Se posso permettermi un appunto, scritto come sopra, sembra che in Italia ci si opponga a spostamenti della pressione fiscale analoghi a quelli esteri ma non è così.

Non è così perchè in Italia non stanno spostando un bel niente.

Stanno aumentando la tassazione sui consumi in aggiunta alla pressione sui reditti. La diminuzione della pressione sui redditi è come la dieta...comincia "da lunedì prossimo" (di una "prossima" riduzione del "cuneo fiscale" si parla dalla campagna elettorale del 2005!).

Sono d'accordo che il dibattito su IMU ed IVA sia eccessivo ed isterico, ma lo è per altri motivi.

prodi

dragonfly 11/7/2013 - 11:12

(di una "prossima" riduzione del "cuneo fiscale" si parla dalla campagna elettorale del 2005!).

beh, il governo prodi una riduzione del cuneo fiscale del 5%  l'ha poi fatta davvero nel 2007,  per mezzo di una riduzione di irap e irpef . il fatto che adesso non lo ricordi praticamente nessuno, induce i demagoghi a cavalcare altre riduzioni di tasse, più impopolari a torto o a ragione.

Confesso che non me lo ricordavo proprio, siamo sicuri che non sia stato "compensato" da qualche addizionale regionale o simile? Comunque l'appunto che faccio rimane completamente valido.

Oggi non stiamo certo assistendo ad uno "spostamento" della pressione fiscale. Quindi non è lo spostamento che il "popolo"non vuole.

il fatto che adesso non lo ricordi praticamente nessuno, induce i demagoghi a cavalcare altre riduzioni di tasse, più impopolari a torto o a ragione.

Non vedo nessun nesso tra le due cose. I demagoghi non ne hanno bisogno.

quello del demagogo: sempre all'erta, pieno di concorrenti, col rischio, remoto ma non nullo, di finire appesi per i piedi...

e allora fidiamoci del professionista: se non cavalca il cuneo fiscale è perchè "non va", non appassiona. L'IMU è meglio, per ora. al primo accenno di stanca, si passerà a qualcos'altro: io con le mie orecchie ho sentito un laureato sostenere la causa dell'IVA progressiva, per cui il giornalaio dovrebbe accertare ogni volta il tuo reddito per poter applicare la  giusta aliquota.

da una ricerchina, risulta che la riduzione del cuneo fiscale fu reale.

Cari Aldo e Sandro, ho l'impressione che il vs passaggio che qui sotto riproduco (ripreso anche in alcuni commenti di C. Ruggeri)

 

Praticamente in tutti i paesi europei è in atto ormai da un paio di decenni un movimento di spostamento della pressione fiscale dalla tassazione dei redditi alla tassazione dei consumi e dei patrimoni, anche se non sempre con risultati molto visibili, essenzialmente perché si ritiene che la tassazione dei consumi in luogo della tassazione dei redditi crei un ambiente più favorevole alla crescita.

non rifletta in modo accurato il contenuto dell'articolo linkato, e forse nemmeno la realtà, in quanto in quell'articolo si mostra che complessivamente, in base ai dati disponibili,  non si evince nessuno spostatamento della pressione fiscale dalle imposte sul reddito a quelle sui consumi e sui patrimoni negli ultimi due decenni, ma solo un aumento dell'imposizione indiretta (senza una riduzione dell'imposizione diretta) a partire però solo dalla recente crisi finanziaria. Infatti, il documento della Commissione - al quale l'articolo di L. Bernardi si riferisce - nonostante sostenga la necessità e l'opportunità di uno shift verso la tassazione indiretta, mostra che negli anni fino al 2008 non vi è evidenza di tax shift (cfr., ad esempio, pagina 24 e 25 di Tax reform in EU Member States 2011).

 

concordo con il commento di Lovecchio. In materia fiscale è sempre difficile trarre delle considerazioni sullo spostamento del carico fiscale. Anche se datata, in materia é molto interessante il rapporto della commissione economica all'Assemblea costituente
http://www.ssef.it/sites/ssef/files/Documenti/Classici%20della%20economi...
A mio avviso vanno ponderati due elementi: a) l'attitudine del sistema fiscale e sociale alla tassazione indiretta; b) la situazione reddituale dei contribuenti e finanziaria dello Stato.
A) Fatta eccezione per gli Stati uniti a livello di tasse federali, dove comunque c'è un dibattito in materia, la tassazione indiretta, volente o nolente, é presente in ogni sistema fiscale, proprio per le ragioni evidenziate nel rapporto indicato al link sopra riportato ( pag. 196 e seguenti). In alcuni può però essere un fattore strutturale. A tal proposito apro una piccola parentesi per superare il "sarchiapone" degli economisti sulla flat tax, come imposta liberista.

La Stampa, 29 marzo 1955
Le nostre tasse e quelle degli altri
Il torchio preme i contribuenti in misura elevata in quasi tutti i Paesi d'Europa. La Russia è forse la sola nazione dove la finanza é più favorevole al ceto abbiente

Abbiamo la testimonianza del deputato cristiano-sociale di Bruxelles, Raymond Scheyven, il quale ha passato sette settimane di studio nell'Unione Sovietica. La relazione Scheyven (l'autore era membro del Consiglio economico e sociale dell'O.N.u. ed è uomo di alta dirittura) si segnalò, due anni fa, per la sua estrema obbiettività. Scheyven narra che in Russia le tasse si pagano cosi: «La legislazione fiscale da la parte del leone all'imposta indiretta, che noi chiamiamo tassa del povero, polche colpisce in misura uguale il povero e il ricco, il celibe e il padre di famiglia numerosa. Questa tassa rappresenta In molti casi nell'U.R.S.S. il 60 per cento del prezzo dei prodotti di prima necessità....Nell'U.R.S.S. i redditi inferiori a mille rubli al mese (equivalenti per potere d'acquisto a circa 50 mila lire) non sono tassati; tutti gli altri sono colpiti uniformemente nella misura del 13 per cento. In altri termini, se un cittadino sovietico guadagna dieci milioni di lire in un anno — e l'inchiesta Scheyven conferma che queste persone esistono, poiche le retribuzioni nell'Industria variano secondo la proporzione da 1 a 65 — egli paga una Imposta di 1.300.000 lire e gode Indisturbato del rimanente.
http://www.archiviolastampa-ng.csi.it/component/option,com_lastampa/task...

B) Lo spostamento dalla tassazione diretta ad indiretta, ha effetti se viene tagliata la prima attraverso però riduzioni di spesa; sennò, come dice Lo Vecchio, é solo uno spostamento del carico fiscale che viene fatto da un Legislatore fiscale avveduto. Infatti, la tassazione diretta e progressiva mantiene tale caratteristica a redditi crescenti e tassati; la perde se i redditi si contraggono e sfuggono a tassazione. A quel punto é normale che per ragioni di gettito ci si sposti sulla tassazione indiretta; quando poi il reddito cala di molto, la tassazione indiretta selettiva può appunto essere un modo per procurarsi risorse colpendo la concentrazione del reddito.

non sono un economista ma ho un background tecnico-scientifico.oggi ho letto sul messaggero che le compravendite immobiliari sono passate da 600mila del 2011 a (stimate) 200mila del 2013.volevo sapere se sono state stimate oltre alle nuove entrate per le casse dello stato anche la diminuzione delle entrate dovute a minori imposte di registro delle compravendite, svalutazioni sulle proprieta' immobiliari delle banche, minor imposte pagate (per la crisi del settore)dalle societa' immobiliari,etc.la tassa sulle barche e' stata eliminata perche' il gettito per lo stato fatte queste valutazioni era negativo.stesso discorso si potrebbe fare per la tobin tax a causa della diminuzione delle compravendite.stesso discorso per l'aumento dell'iva.quindi chiedo agli economisti di questo sito:non e' meglio fare l'esatto opposto, cioe' spostare le tasse da patrimoni e cose ai redditi, non e' meno dannoso per l'economia e i mercati?non sarebbe meglio un'aliquota maggiore sui redditi sopra i 70-100mila euro e diminuire imu, iva, irap, etc?

vediamo

dragonfly 14/11/2013 - 23:34

non e' meglio fare l'esatto opposto, cioe' spostare le tasse da patrimoni e cose ai redditi, non e' meno dannoso per l'economia e i mercati?non sarebbe meglio un'aliquota maggiore sui redditi sopra i 70-100mila euro e diminuire imu, iva, irap, etc?

ho ricontrollato alla buona e mi viene confermato che i contribuenti con imponibile oltre i 70000 euro sono il 2% ma pagano il 25%   di tutta l'irpef 2011.  già questo mi sembra un sensibile disincentivo a lavorare e guadagnare; non sono poi  in grado di stimare quanto siano rigidi tali redditi a un ulteriore inasprimento delle aliquote, ma il possibilissimo crollo del gettito è un rischio che non vorrei correre.

in generale, non alimenterei le sfrenate ed estemporanee  fantasie sulla materia che abbondano da troppi  anni. la questione della pressione fiscale è centrale, ovviamente, ma la si affronterebbe molto meglio se almeno la struttura e le interpretazioni normative delle tasse fossero portate a un livello comprensibile ai più.

in concreto

sergio 16/11/2013 - 14:01

in concreto, negli stati uniti la stretta fiscale ha riguardato un aumento dell'aliquota sui redditi piu' alti, in Italia un aumento di tasse sul patrimonio(cssa, titoli, etc) e delle tasse indirette(iva, accise).non si puo' valutare QUANTITATIVAMENTE a posteriori cosa e' stato MENO PEGGIO?mi sono stancato (e penso con me molti italiani)di ascoltare pseudo-argomentazioni di esperti che giustificano questa scelta col fatto che siccome in Italia sono tutti evasori, allora e' meglio tassare altro rispetto ai redditi, e il sospetto che le letterine dell'UE in merito siano dovute a IDEOLOGIA e PREGIUDIZIO piu' che ad una seria analisi economica e' forte

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti