Evviva! La crisi è finita

19 ottobre 2009 lodovico pizzati

Quella globale, non quella italiana.

Ancora si precipita, ma perlomeno non più in caduta libera. Dopo un meno –6% nel primo trimeste, e un altro –6% nel secondo, i dati mensili della produzione industriale estiva sembrano indicare solo un –3.4% per il terzo trimeste 2009. Insomma, stiamo ancora rotolando giù, ma perlomeno in frenata.

Per il 2010 si toccherà il fondo e si potrà ricominciare a crescere. Poco importa se si è tornati ai livelli del 1998 o se la crescita sarà al piu' di un mediocre 1% scarso all’anno, come nella precedente decade. Bisogna guardare avanti e ripartire. Certo, c’è chi ha perso il lavoro e c’è chi ha perso la fabbrica. Il reddito italiano sarà anche stato sorpassato da altri paesi che una volta si guardava dall’alto verso il basso. L’importante però è che la crisi sia finita e che si ricominci a costruire dopo l’uragano.

Questo perlomeno è il discorso che si può fare per altre economie europee. La crisi ha ridimensionato diverse economie, alcune ancor di più dell’Italia, ma passata la tempesta ritorna il sole. Per l’Italia purtroppo c’è qualcosa che il vento della crisi non ha portato via. Ha spazzato via occupazione e le fabbrichette finanziariamente più fragili, ma non ha spostato di un millimetro la zavorra che opprime i conti pubblici.

Per questo l’impatto della crisi globale può anche essere passato, ma le difficoltà per il contenitore Italia sono solo cominciate. Non sono tanto i problemi economici (di produzione, di export, di occupazione, di competitività) quanto i grattacapi di finanza pubblica. Avere un’economia rimpicciolita di dieci anni, con in groppa uno costo statale che al contrario è cresciuto, questo ha il suo peso.

È questione di numeratore e denominatore, ma è facilmente comprensibile anche solo guardando il seguente grafico. Il Fondo Monetario Internazionale, nel suo World Economic Outlook di Ottobre, stima le prospettive economiche per i prossimi cinque anni. Per l’Europa vengono fatte previsioni sul deficit solo per pochi paesi, e sul grafico paragono i casi estremi di Italia e Germania.

NOTA: Link ai dati del Fondo Monetario Internazionale

La Germania affronta la crisi partendo con un deficit basso. Negli anni di recessione (2009 e 2010) si indebita con gli stimulus plan (se efficaci o no, questo è un altro discorso) per far fronte al potenziale collasso. Passato il pericolo, la Germania torna gradualmente all’equilibrio fiscale precedente, e cioè ad un bilancio tra spesa pubblica e entrate fiscali.

Anche l’Italia si presenta di fronte al precipizio con un deficit relativamente basso. È un po’ più elevato di quello tedesco, ma poverina aveva anche quasi il doppio di debito pubblico. Difatti, come già ribadito, l’Italia ha un bilancio primario in buone condizioni (tassa tanto!) e sono gli interessi sul debito che la fregano.

Poi vediamo che senza alcun stimulus plan, anche il deficit italiano esplode. Non perché il governo si sia dato alla spesa pazza temendo arrivasse il giorno del giudizio, ma semplicemente perché le entrate fiscali si sono contratte tanto quanto il declino economico, mentre la spesa pubblica è comprensibilmente rimasta più rigida.

Interessante notare che mentre il deficit tedesco ritorna all’equilibrio precedente, il deficit italiano rimane al livello di crisi del –5.5% per l’avvenire. E questo per quanto il Fondo stimi una crescita italiana che tende verso il 2%. Così la crisi passa, e le economie europee (chi più, chi meno) seguiranno il trend tedesco, tornando alla normalità di bilanci pubblici. L’Italia invece rimane fuori orbita, con un debito crescente e più del doppio, ed un deficit costante e quasi il doppio di quanto richiesto con Maastricht.

È sostenibile tale trend? Forse si, e non credo questo possa dare particolare fastidio ad altri paesi della zona euro. Questo articolo non ha altre pretese, ma vuol solo sottolineare l’impatto permanente che ha avuto questo forte shock temporaneo. Quindi, la crisi è finita per modo di dire.

9 commenti (espandi tutti)

mi sbaglio o l'effetto permanente è completamente basato su previsioni?

vorrei sapere se queste previsioni ci azzeccano ogni tanto o se gli intervalli di confidenza rendono le previsioni sui vari paesi non realmente distinguibili

mi piacerebbe sapere se in questo caso, o in genere per questo tipo di dati, le previsioni tengono in conto aspetti multivariati (se ciò è ben fatto e se è rilevante) o se le previsioni di ogni paese si basano solo sui dati del tal paese.

non vorrei dire una stupidaggine ma credo che su questo tipo di dati debbano essere molti i comovimenti, sia di effetto permanente che transitorio.

grazie mille se qualcuno ha il tempo.

qui trovi una spiegazione terra terra.

In genere queste previsioni si basano su:

a) alcuni parametri abbastanza stabili, tipo il livello di spesa pubblica e la % di entrate fiscali rispetto al Pil. In genere si possono fare stime piu' sofisticate su come questi due parametri possono variare, ma questo influenza poco.

b) il tasso d'interesse che si paga sul debito (e qui non so quanto pessimisti siano stati al Fondo)

c) il tasso di crescita del Pil: questa e' la variabile piu' importante che influenza tutto e che e' piu' difficile da prevedere correttamente. A distanza di un anno possiamo ritenerle attendibili. Dopodiche' per l'Italia la stima fatta dal Fondo per il 2012, 2013, 2014 e' rispettivamente 1.3, 1.6, e 1.9. Se pensi che la crescita sara' maggiore allora il deficit diminuira' gradualmente. Se pensi che sia minore allora il deficit continuera' ad aumentare.

Ma a parte la stima del Pil, il resto non si basa altro che su una formula di contabilita'.

 

grazie lodovico.

quindi mi sembra che per ogni paese si usano solo i dati di quel paese: come se ognuno stesse su pianeti diversi?

in realtà mi interesserebbe sapere gli intervalli di confidenza e se nella determinazione di questi la dipendenza tra paesi per shock transitori e/o permanenti è rilevante.

è una curiosità generale slegata dal caso specifico, mi chiedo però se in questo caso ha senso concludere parlando di impatto permanente.

Riguardo dati di finanza pubblica tipo le tasse e la spesa, ogni paese sta effettivamente sul proprio pianeta. Riguardo previsioni come tasso d'interesse e Pil credo proprio che il Fondo tenga in considerazione che si tratta di open economies.

Riguardo i confidence intervals, per $12,500 sarei molto lieto di calcolarteli.

Riguardo l'impatto permanente mi sembra abbastanza intuitivo. Il deficit tedesco cresce perche' hanno temporaneamente aumentato la spesa (il stimulus plan). Una volta finito di fare queste spese anomale, il deficit si sgonfia. Per l'Italia invece il deficit non cresce per colpa di qualche aumento di spesa anomalo e temporaneo.

grazie di nuovo. ovviamente non ti chiedevo di calcolarmeli, volevo solo sapere se chi ha manualità con questi dati ne tiene normalmente conto (...il "conto" mi fa supporre di no...).

comunque il ragionamento finale nel tuo secondo commento va condizionato all'affidabilità delle previsioni (che nel commento precedente hai limitato ad un anno), che non essendo però più citata devo ritenere non essere così importante.

Ottimo argomento Lodovico, ma mi sembra di ricordare che oltre i tassi percentuali, quello che realmente preoccupa, sono gli stock di debito.

Il rientro della Germania è costruito su un PIL (in valore assoluto) maggiore del nostro, ma anche lo stock di debito tedesco è elevato, io non sarei così fiducioso in questo trend così marcato, la BCE rialzerà i tassi non appena vedrà una luce (una qualunque, con il rischio di strozzare sul nascere qualsiasi ripresa, d'altronde l'Australia come ha visto una lucetta ha rialzato i tassi), con pesanti ricadute sui debiti "elevati".

Vero è che se rialzano i tassi noi siamo quelli messi peggio, visto anche il differenziale con i "bund" tedeschi, per cui vedo quelle previsioni ottimistiche sia per la Germania, che per noi.

Questo per dire che la crisi (nata come crisi finanziaria, non dimentichiamolo) porterà lunghe code, anche in paesi "virtuosi", ma non sarà mai caso di dire "mal comune mezzo gaudio", perchè noi siamo in fondo. Al baratro.

difronte ad una disoccupazione in crescita la cosa migliore da aspettarsi è che desistano dall'aumentare il debito pubblico, tanto la disoccupazione aumenterà comunque e spostare il vincolo di bilancio ha costi altissimi, che senso ha? l'europa tollererebbe ma le agenzie di rating mica tanto e gli interessi sul debito si pagano tutti gli anni.

non basterebbe il metodo collaudato di far suonare a tutti i media la stessa musichetta di riforme inesistenti (e quindi mandare a casa santoro&co)? ad esempio che, durante la crisi abbiamo dovuto aiutare la finanza cattiva (sotto il ricatto di vedere la crisi aggravarsi), adesso devono resistuire all'economia reale quanto dato (compresi i soldi degli scandali finanziari) e con questo faremo un nuovo piano marshall di sgravi fiscali (l'unica cosa vera, con i proventi dello scudo fiscale) e opere pubbliche mirabolanti (lo stretto e il potenziamento di tutte le strade che interessano lo stretto,...). per il principio del superfisso nulla si crea, nulla si distrugge e tutto si ridistribuisce quindi nel mondo dei sogni la finanza cattiva potrebbe restituire (almeno in parte) decenni di ruberie. poi ci potrebbero infilare l'annuncio della riforma della giustizia per velocizzare il recupero delle fatture non pagate (riformare la giustizia gli serve come il pane)... i tempi sono duri ma c'è da avere fiducia perchè gli italiani hanno l'imprenditorialità nel DNA visto che abbiamo il doppio degli imprenditori della francia (guardando certa tv di sinistra sembra sempre che imprenditori e manager siano ladri in giacca e cravatta che pensano solo ad evadere le tasse, inquinare l'ambiente e truffare i consumatori... se siamo tra le 7 nazioni più industrializzate [la champions league dell'economia] sarà mica merito dello stato o delle banche?! certo anche i dipendenti fanno il loro ma nell'europa dell'est costano meno e sono più istruiti).

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti