Letture per il fine settimana 10-10-2015

10 ottobre 2015 sandro brusco

Questa settimana: la piaga degli anti-vaxxers; il decreto liberalizzazioni; il mancato successo di Rand Paul e l'elettorato libertario in America; Alan Krueger sul salario minimo.

Buona lettura e buon fine settimana.

10 commenti (espandi tutti)

A proposito di vaccini, anche in Italia negli ultimi giorni c'è stata una grossa campagna dai toni molto forti (esempi: qui, quo, qua).

La cosa che però non capisco, guardando i dati pubblicati da Internazionale, è che a parte un tipo di vaccino (quello per morbillo, parotite, rosolia e varicella) per gli altri la tendenza mi pare stabile (anzi: guardate che roba ai primi anni 2000!). Cosa mi sfugge? Qualcuno in ascolto esperto di sanità me lo sa spiegare?

 

Varicella è facoltativo

 

Mpr è quello contro cui tutti i dementi si accaniscono di piu' perche'

1. e' multiplo

2. Devi portare i figli

Inoltre  capisci che un conto è raccontare/raccontarsi che i vaccini fanno male pensando alla poliomielite o al tetano ed un conto e' farlo pensando al morbillo, che sara' mai signora mia l'abbiamo fatto tutti il morbillo.

Si chiama ignoranza


 

 

Bisogna considerare che l'effetto gregge (herd immunity) diminuisce parecchio anche a fronte di una lieve diminuzione percentuale dei vaccinati nella popolazione totale (li' nel grafico si vede solo quella sotto i 24 mesi).  Quindi se invece di passare dal 96% al 97% si passa al 93%, la possibilità che bambini non vaccinabili (per problemi di sistema immunitario o troppo piccoli per essere vaccinati) si ammalino ed in certi caso muoiano sale parecchio.
È il caso del bimbo morto di pertosse in qusti giorni a Bologna, se non sbaglio.

A proposito delle misure da prendere per scoraggiare gli antivaccinisti, segnalo il caso australiano.

Si può sempre trovere uno studio più o meno serio che riporti che questo o quel vaccino, in casi molto rari, possa creare qualche danno; ma i genitori tendono a comparare questo rischio con un immaginario "rischio zero" e non con con il rischio, sempre modesto ma comunque di qualche ordine di grandezza più grande di lasciare il figlio circolare senza vaccinazione. Inoltre molti ignorano che molti vaccini non sono efficaci al 100% e che pertanto il numero degli immunizzati è sempre inferiore a quello dei vaccinati, talvolta in misura significativa.

Forse si potrebbe tentare una qualche forma di "energic nudging" per esempio mettendo i bambini non vaccinati in coda alle graduatorie per asili nino, scuole materne etc.

Le noccioline sono piu rischiose di parecchio.

E' ignoranza e ritorno al pensiero magico. 

 

E i non vaccinati per me a scuola non dovrebbero proprio entrare. 

Rand Paul

Artemij Keidan 11/10/2015 - 15:08

Sarà che Rand Paul non convince affatto?

http://www.salon.com/2015/05/21/rand_paul_doesnt_know_what_hes_talking_about/

L'elettore libertario, proprio in quanto tale, non spreca il proprio voto per un personaggio di bassa lega, ma piuttosto vota il meno peggio, in attesa di un candidato più convincente.

Mah

sandro brusco 12/10/2015 - 16:05

Non so, a me pare che l'ipotesi che gli elettori libertari siano pochi resti la più convincente. Rand Paul sarà anche di bassa lega ma non mi pare molto peggio della media dei candidati presidenziali in entrambi i partiti.

...e purtroppo questa previsione comincia tragicamente ad avverarsi:

Bimbo di 28 giorni muore di pertosse In Regione è allarme per i vaccini

Chiarissime le parole del primario di neonatologia:

"E questo è intollerabile. Scegliere di non vaccinare i propri figli è un abuso di libertà. Ma anche in termini egoistici e individuali è una scommessa, perché se la maggior parte della popolazione è vaccinata un obiettore non corre troppi rischi, mentre se cresce la quota di bimbi non vaccinati cala l'immunità di gregge".

non solo di tempo

massimo 14/10/2015 - 17:07

Da meditare anche le parole del pediatra USA Paul Offit:

“I used to say that the tide would turn when children started to die. Well, children have started to die,” Offit says, frowning as he ticks off recent fatal cases of meningitis in unvaccinated children in Pennsylvania and Minnesota. “So now I’ve changed it to ‘when enough children start to die.’ Because obviously, we’re not there yet.”

Mi chiedo quanti sono "abbastanza" per l'Italia. Per ora 7 morti nella sola Toscana per meningite; basteranno?

Recentemente ho letto delle critiche (in particolare quelle della EFF) contro l'accordo TPP per quanto concerne le nuove normative riguardo il Copyright (l'estensione ulteriore, i controlli ecc ecc). Se possibile volevo avere la vostra opinionedi "ameriKni" ed esperti di questioni relative alla proprietà intellettuale.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti