La bestia affamata e i politici codardi

25 agosto 2006 sandro brusco
Ridurre le tasse ora per ridurre la spesa pubblica in futuro è pericoloso nonsenso. La spesa pubblica va ridotta ora, insieme alle tasse.

È possibile ridurre la spesa pubblica mediante una strategia di riduzione delle tasse e crescita del deficit? La tesi è stata proposta, con il suggestivo nome di 'starving the beast', da parecchi economisti e politici conservatori americani. Se ne è iniziato a parlare di sbieco anche in Italia, come ha segnalato Alberto .
Devo confessare il mio scetticismo. A mio avviso la strategia non funziona, ed è solo la copertura che adottano politici codardi per non affrontare il toro per le corna. Se vuoi ridurre la spesa pubblica la strategia da usare è ridurre la spesa pubblica ora, non aspettare che lo faccia eventualmente qualcun altro, forse, nel futuro, quando c'è l'occasione (e potrei continuare con le clausole ipotetiche).

Qual è la teoria che sta dietro alla strategia? Gli ingredienti essenziali sembrano essere i seguenti. Primo, in situazioni di bilancio in pareggio o lieve disavanzo è politicamente troppo costoso ridurre contemporaneamente la spesa e le tasse. Presumibilmente questo è dovuto alla contrarietà della maggioranza degli elettori, o di minoranze rumorose e pivotali, in quanto detti elettori ricevono più danni dalla riduzione di spesa che benefici dalla riduzione delle tasse. Secondo, gli elettori sembrano invece accettare di buon grado una riduzione delle tasse immediata che causa un deficit e conduce a una riduzione della spesa in futuro. Forse gli elettori sono miopi, o forse sperano che le riduzioni future della spesa vengano pagate da qualcun altro (si pensi per esempio alla riforma del sistema pensionistico, che i più anziani hanno chiaramente interesse a ritardare il più possibile). Terzo, quando nel futuro il deficit di bilancio diventa insostenibile gli elettori sono più disponibile ad accettare riduzioni della spesa, in questo caso senza contropartita di tagli delle tasse. I tagli diventano quindi meno politicamente costosi, e i politici sono in grado di implementarli senza troppe preoccupazioni.


Anche se funzionasse ci sarebbe da discutere parecchio sulla desiderabilità politica di una simile strategia, vista la notevole componente di redistribuzione intergenerazionale che comporta. Per esempio, l'idea di far pagare oggi ai giovani dei salati contributi sociali per garantire le pensioni dei vecchi, e poi far loro marameo quando arriva il loro turno mi sembra una gran porcheria. Ma non è di questo che voglio discutere. Quello che mi interessa invece è la validità della teoria che sta dietro la strategia.
Concediamo pure la validità del primo e del secondo punto, anche se ci sono ragioni per dubitarne. L'idea che un politico raccolga più consenso riducendo le tasse senza toccare le spese (o aumentando la spesa senza aumentare le tasse) piuttosto che riducendo contemporaneamente tasse e spese sembra avere una certa validità. Ci sono ovviamente controesempi. Per esempio, dopo il periodo 1980-1992 in cui le amministrazioni repubblicane negli USA avevano aumentato enormemente il deficit, molti elettori erano chiaramente preoccupati per l'esplosione del debito, e la crescita del movimento di Ross Perot ne fu una chiara manifestazione. Ma direi che, almeno nel breve periodo, possiamo accettare che i governanti non sopportano grossi costi politici immediati se fanno crescere il deficit.

Il vero punto debole dell'argomentazione è il terzo. Come si fa a garantire che il debito futuro venga eliminato mediante riduzione della spesa? Le resistenze politiche che esistono oggi alla riduzione della spesa presumibilmente ci saranno anche in futuro, e rischiano di essere addirittura più forti. Prendiamo un lavoratore che ora è venticinquenne e viene costretto a finanziare le pensioni correnti con contributi sociali esorbitanti. La promessa è che riceverà lo stesso trattamento. Se tra vent'anni qualcuno prova a spiegargli che è stato tutto uno scherzo, e che di tutti i contributi pagati gli resta poco o nulla, immagino reagirà con una furia maggiore o uguale di quella con cui minacciano di reagire i quarantacinquenni attuali, deficit o non deficit. Il fatto è che la riduzione della spesa non è affatto l'unico modo di eliminare un deficit. Un governo ha sempre la possibilità di accrescere le tasse o, come ultima opzione, dichiarare bancarotta, come è avvenuto in Russia e Argentina. Se la riduzione delle tasse attuali viene finanziato con un aumento delle tasse futuro allora il guadagno in termine di efficienza è nullo, e l'effetto è puramente redistributivo. Se invece la soluzione è la bancarotta i costi in termini di efficienza sono enormi, come si è osservato nelle esperienze recenti appena citate.

Indubbiamente, alcune volte la strategia funziona. La riforma pensionistica del 92 di Amato non ci sarebbe stata senza l'ampio debito accumulato negli anni Ottanta da Spadolini, Craxi, De Mita e combriccola varia (in quel caso mediante l'aumento della spesa anziché la riduzione delle imposte). Forse sono troppo avverso al rischio, ma a mio parere il gioco non vale la candela. Abbiamo rischiato la liquefazione finanziaria stile Argentina per permettere al governo di mettere un toppa momentanea al torrente di spesa, e una volta passata l'emergenza il problema si è riproposto negli stessi termini.
Non posso negare l'estremo fastidio che provo quando il demagogo di turno, e ce ne sono tanti, salta fuori ripetendo in modo ossessivo che le tasse vanno tagliate e si dimentica puntualmente di menzionare tagli alla spesa. La mia proposta è che questi personaggi vengano riconosciuti ed etichettati per quello che sono. Non astuti combattenti contro l'invadenza dello stato, ma codardi da un centesimo alla dozzina.

24 commenti (espandi tutti)

Starve the beast e' fondato su time inconsistency specie in un contesto di political economy in cui l'esecutivo controlla piu' direttamente le tasse mentre la spesa e' piu' sotto controllo legislativo. (Naturalmente "piu'" in controllo e' relativo e un po' vago). Nessuno pensa a redistribuzioni intertemporali, si ha in mente un rapido uno-due tasse-spesa nel giro di pochi anni. La base teorica e' che ridurre le tasse sia cosa piu' facile da farsi (rapidamente) che non ridurre la spesa e che (ri)-alzare le tasse e' politicamente molto costoso (questo e' il vero fondamentale forndamento di starve the beast; si puo' discutere, naturalmente se sia davvero cosi' costoso). Naturalmente tutto ha senso in un contesto in cui  la riduzione della spesa e' obiettivo ex ante ma troppo costosa ex post, cosi' che il costo di alzare le tasse riallinei gli obiettivi. L'argomentazione ha senso inoltre qualora il debito sia utilizzabile poco e male (o per ragioni di costi di indebitamento, che quasi mai succede, o per vincoli costituzionali o super-governativi come nel caso dell'Italia in Europa). 

Starve the beast evita quello che e'  successo con il governo Berlusconi: il presidente del consiglio si presenta al paese e dice, nei prossimi quattro anni se eletto abbasso le tasse e riduco la spesa, e poi di fronte alle difficolta' di riduzione della spesa nel dettaglio, dice, oh mi dispiace ma c'e' stato l'11 settembre (o il 14 novembre, o qualunque cosa) e non posso mantenere la promessa. Se Berlusconi, da Vespa, avesse detto "dal primo giorno tutte le aliquote scendono di 5 punti e poi troveremo tagli di spesa, io credo che a quest'ora avremo i tagli di spesa".  Fare i tagli simultaneamente alla riduzione delle tasse e' difficile perche' i tagli prendono tempo e la gente scende in strada e poi un 11 settembre si trova sempre. 

Se veramente si ha in mente una cosa di pochi anni allora 'starve the beast' è ancora più insensato di quello che pensavo. Supponiamo che sia il 2001, sei il presidente degli USA, e vuoi tagliare i sussidi agricoli ma hai paura che i senatori del Nord Dakota, Montana e via succhiando sangue ai taxpayer di NY si oppongano ferocemente. Il tuo rapporto debito/PIL è 60%, non abbastanza per far avvertire al senatore del Wyoming l'urgenza finanziaria dei tagli. Cosa fai? Ovvio, tagli le tasse, aspetti 3 anni e a quel punto agiti il rapporto debito/PIL che oramai ha raggiunto un whopping 63,5% come una clava per ridurre i recalcitranti senatori alla sottomissione. Somehow, ho il sospetto che non funzioni. Il mio punto è che la situazione debitoria può veramente essere usata come leva per superare le resistenze alla riduzione della spesa solo in situazioni disperate. In tutti gli altri casi, ci possiamo attendere identica difficoltà con un rapporto debito/PIL al 60%, al 90% o al 110%. C'è voluta una generazione di deficit negli anni 70 e 80 in Italia per arrivare al rischio di crisi finanziaria del 1992. Negli USA non ho visto significative riduzioni di lungo periodo nella spesa indotte dai deficit di Reagan; gli anni 90 sono stati fortunati per lo shock esogeno della riduzione delle spese militari dovuto alla guerra fredda e per la riduzione degli interessi (va beh, questo potrebbe essere parzialmente endogeno). Per il resto, direi che dopo 20 anni 'starve the beast' non ha niente da mostrare, a parte aver definitivamente convinto i repubblicani che l'irresponsabilità fiscale è una virtù.

 

Su Berlusconi, mi sembra un pessimo esempio: non si è mai sognato di dire che la spesa andava ridotta, almeno in questo è stato coerente. Il pezzo forte della campagna  elettorale del 2001 fu la promessa di aumentare tutte le pensioni almeno a un milione di lire, e da Vespa il nostro andó a illustrare tutte le opere pubbliche che voleva fare, senza sognarsi di menzionare il finanziamento. Non riuscí a tagliare le tasse perché tutti, lui incluso, sapevano come avrebbero reagito i mercati finanziari all'ennesimo aumento del deficit, e se non fosse stato per l'11 settembre avrebbe cercato qualche altra scusa (tipo affermare che i tassi salgono per colpa della finanza ebraica internazionale che odia il centrodestra, come disse Mastella, allora ministro di Berlusconi, nell'estate del 94).

Poteva ovviamente cercare di giungere rapidamente alla crisi finanziaria, adesso che il debito  è alto è più facile, ma probabilmente ha avuto troppa paura.

Non capisco. Le tasse negli Stati Uniti non sono aumentate dal dopo Reagan, anzi sono diminuite direi; eppure con  Clinton la situazione finanziaria era in perfetto ordine. Non sara' che si e' aggiustata la spesa? 

E poi ribadisco, in Italia adesso e' diversissimo: il debito e' alto ed abbastanza seriamente  constrained dall'Europa.  Non ci sono i margini di cui parli. 

Su Berlusconi stai dicendo che non ha diminuito le tasse perche' se lo avesse fatto avrebbe dovuto metter mano alla spesa a causa della paura dei mercati finanziari. Sai come si chiama l'argomento che fai? Starve the beast!   

Infine proprio non capisco cosa ci sia di codardo ad abbassare le tasse (a prometterlo senza farlo come Berlusca si, ma a farlo?) Quanti politici hai visto che hanno abbassato le tasse ma hanno avuto paura di toccare la spesa. Bush le tasse le ha abbassate e la spesa non l'ha toccata, ma non per paura, ma perche' la spesa che vuole toccare lui sono programmi di welfare molto base e quindi trova una reazione violenta al congresso (per ottime ragioni, direi). Ma codardia mi pare fuori luogo; lo stesso per Reagan (anche se di questo sono meno certo).  

Ho una diversa impressione dei fatti (che comunque non ho
controllato: ci eviteremo i nostri soliti dibattiti teorici se lo
facessimo ...). A me sembra che il tax burden sia salito durante tutti
gli anni 90, alla grande e che non sia calato molto neanche durante gli
anni di Reagan. Il primo grafico che ho trovato al volo (time series di tax freedom day) lo conferma. Ricordiamoci che Bush senior promise di non ammontare le
tasse, ma le aumento', e che Clinton le aumento' "automaticamente"
grazie alla progressivita' del sistema, la crescita del GNP e
soprattutto lo stock market boom (bubble?).

Su quanto sia
vincolante l'Europa, non mi esprimo, ma faccio notare che il Giappone,
tra 1992 e 2004 e' passato da un debt/GNP ratio di circa il 60% ad uno
del 160% e nessuno ha fatto "bah".

Che Berlusconi abbia fatto uno
starve the beast virtuale e' vero, ma Berlusconi fa tutto virtuale e
niente per davvero (mica per caso la veronica e' finita a cacciari).
Insomma, e' un parolaio quindi io non userei le sue cretinate come
evidenza di nulla, fatta salva la sua gigantesca faccia tosta.

Su
Bush junior, il discorso sarebbe lungo ma mi sembra chiarissimo che non
abbia toccato la spesa pensionistica per pura codardia (vi ricordate il
casino nel 2004/05?) idem per medicare (che ha persino aumentato
attraverso la spesa farmaceutica) sempre per codardia ossia per
comprarsi voti con le mie tasse future. Si potrebbe continuare, con i
vari sussidi ad imprese che finanziano il GOP eccetera ... a
proposito, ho trovato i dati finche' scrivevo, confermano quanto sopra,
vedi Figura 3.

A
me sembra che non vi sia un singolo caso storico, almeno io non ne
conosco letteralmente uno, in cui "starve the beast" abbia funzionato.
Mentre ha funzionato, non sempre ma moltissime volte, il processo
opposto: tagliare la spesa e le tasse. Dall'Irlanda 1985/6 alla Spagna
1995/6, all'esempio ovviamente migliore, cioe' Maggie, che comincio' a
tagliare sussidi e benefici come un'invasata appena arrivata al potere.
Le tasse le taglio' dopo.

Credo che Alesina e Perotti abbiano scritto qualcosa
sull'argomento all'inizio degli anni 90. Non mi ricordo se avessero un
modello, ma ricordo che volevano spiegare il dato empirico che
substantial cuts in spending provocavano crescita e riduzione di tax
burden e non, come i buoni keynesiani predicono, recessione e miseria.

 

 

 

mah, io non vi capisco: mi pare che stai dicendo time-consistency e' meglio di time-inconsistency. se un governo (Thatcher) ha la forza di avventarsi sui tagli di spesa ovviamente fa meglio a farlo subito e abbassare le tasse dopo. ci mancherebbe. starve the beast ha un senso, se ce l'ha,  se questo non riesci a farlo.

"Su quanto sia
vincolante l'Europa, non mi esprimo, ma faccio notare che il Giappone,...."  ???  il giappone in europa mi par divertente  (ok cheap shot; ma davvero, cosa c'entra?). 

i dati US che mostri mi pare  diano un'idea di tax revenues sostanzialmente costanti. interpreterei  tax cuts come tentativi  riusciti di bloccare spesa, ma mi rendo conto che forse questa interpretazione e' pretestuosa. ci mancherebbe, hai ragione che vedere i dati fa bene, e che faremmo meglio a vederli prima di teorizzare, pero' capirai  che non si puo' fare cosi' semplice coi dati:  qual'e' il controfattuale, quanto sarebbe salita la spesa senza i tagli. stiamo parlando di US dopotutto, non e' che ci sia tanto grasso da raschiare; ce n'e' ma non e' l'Italia. Sull'Irlanda vorrei sapere di piu'. Ci guardero'. Ma non e' facile cosi'.

E comunque, il mio punto non era  poi tanto su spesa quanto su nuovi revenues dagli evasori. Per quanto ovviamente sarei felicissimo a una politica di lotta all'evasione seria, mi dicevo che io vorrei vedere scendere le tasse prima e che non mi bevo le promesse di discesa dopo. Il "prima alzo le tasse (per quanto solo a coloro cui dovrebbero essere alzate) e poi le abbasso agli altri"a me pare una bufala in due punti: 1) non riusciranno  a tassarli gli evasori (mentre se abbassassero le tasse prima secondo me ci riuscirebbero, perche' la scelta sarebbe, poi, in presenza di vincolo Europeo/mercati finanziari, rialzare le tasse a tutti o tassare gli evasori), 2) se anche ci riuscissero, l'avremo messo in c...o agli evasori (cosa buona e giusta su molti livelli) ma avremo solo piu' soldi spesi in (progetti di) ospedali a Messina, qualche baby-pensionato in piu' nella pubblica amministrazione, e finalmente quelle tremila nuove guardie forestali in Sila di cui abbiamo tanto bisogno. 


Il giappone c'entra perché mostra che non possiamo definire in modo chiaro, neppure vagamente approssimativo, un livello a cui il debito diventa cosí alto che le resistenze ai tagli della spesa diventano minori.

Una cosa è dire: taglio le tasse ora, in 3-4 anni sale il debito di 5-10 punti percentuali del PIL, e a quel punto ho le carte giuste per tagliare la spesa. Altra è dire: tagliamo le tasse e lasciamo crescere il debito finché i mercati finanziari si spaventano e rischiano di mandare il paese in bancarotta. Nel primo scenario la strategia 'starve the beast' è sensata e non implica grossa redistribuzione intergenerazionale, nel secondo è una roulette russa che probabilmente richiede un lungo periodo a un sacco di redistribuzione intergenerazionale. Vedere paesi come il giappone raggiungere un rapporto di 160% secondo è un chiaro argomento a favore del secondo scenario.

Siamo completamente d'accordo  invece che è difficile, se non impossibile, bersi la storiella che prima tassi gli evasori e poi riduci le tasse. Con il debito che c'è in Italia la riduzione delle tasse non ci sarà a meno che non si tagli la spesa, e non mi sembra che sia aria; quindi il surplus di tasse che si recupera dall'evasione, se ci sarà, finirà a ridurre il deficit. Non vedo peró come tagliare immediatamente le tasse aiuterebbe. O il governo ha la capacità di tagliare la spesa o no. A me sembra che non ci sia questa capacità, e che non ci sarà nemmeno tra due anni o tra quattro. Quindi le tasse più basse oggi risulteranno in un debito più alto è, eventually, tasse più alte in futuro.

Resto dell'opinione originaria. Tagliare le tasse non è un sostituto di tagliare la spesa, e non è un atto di astuzia da parte di gente che vuole seriamente ridurre l'inefficienza e ingiusta redistribuzione di tanta spesa pubblica. È solo un atto di opportunismo da parte di politici furbetti.

Guardando allo scenario attuale di rallentamento o recessione probabili negli stati uniti...affamare la bestia, col senno di poi, non potrebbe essersi rivelata una buona cosa? Banalmente: se l'america entra in recessione, di certo non si potranno alzare le tasse per risanare il deficit di bilancio; l'unico modo sensato ora non è ridurre la spesa (sempre che l'obiettivo di ridurre questo deficit sia sentito)?
E se si guarda all'Italia, con previsioni di crescita modesta, ma un vincolo di bilancio molto più "stretto", starving the beast non potrebbe essere un'ottima arma per un governo debole come quello di Prodi per guadagnare consenso elettorale immediato e poi campare in nome del risanamento?

una considerazione terra terra: visto che il vincolo europeo sul deficit cade a fagiolo per un seria strategia di starve the beast (soprattutto perche' impone una reazione rapida ai tagli di tasse in termini di riduzione della spesa) c'e' in fondo un semplice test per capire chi e' serio nell'applicare questa politica e chi, come suggerisce Elbrusco, va accusato di codardia.

Quelli che hanno detto "starve the beast" e poi hanno fatto lobbying per allentare il vincolo vanno nella seconda categoria.


A proposito segnalo una dichiarazione di Berlusconi di oggi al meeting di CL riportata da repubblica: "La sinistra non riuscirà a bloccare la realizzazione del ponte sullo Stretto..." ha sottolineato l'ex premier spiegando che "in caso di cancellazione dell'opera dovrebbero essere pagate penali così alte da convincere il governo di sinistra a proseguire l'opera".

Mi pare un buon esempio di un aumento di spesa pubblica temporalmente consistente (e robust to political economy considerations)

Il problema e' che anche l'affamamento della bestia e' endogeno.
"Starve the beast... but don't expect the beast to starve itself".

Colgo l'occasione della nomina della Romer a capo del Council of Economic Advisers per segnalare questo suo paper. Si tratta di una analisi empirica della tesi ''starve the beast''. Ammetto che il paper non l'ho ancora letto, quindi non so quanto sia ben fatto. L'abstract afferma

The results provide no support for the hypothesis that tax cuts restrain government spending; indeed, the point estimates suggest that tax cuts may increase spending. The results also indicate that the main effect of tax cuts on the government budget is to induce subsequent legislated tax increases.

Quindi, se si vogliono ridurre le spese non ci sono bestie da affamare. Non c'è altra via che eleggere politici decenti.

Quindi, se si vogliono ridurre le spese non ci sono bestie da affamare. Non c'è altra via che eleggere politici decenti.

Il vantaggio di "starve the beast" e' puramente tattico: tagliare le tasse e' popolare con parte dell'elettorato e neutro col resto; tagliare la spesa e' impopolare con un'altra parte dell'elettorato, e neutro col resto. Indovina che cosa scelgono i politici :-)

Sul risultato di questo stato di cose, segnalo un interessante articolo su FT che discute il livello complessivo di indebitamento negli Stati Uniti dal dopoguerra a oggi (l'articolo tratta non solo il debito pubblico, che e' quello a cui mi riferisco qui, ma anche quello privato). Per restare al debito pubblico, la cifra comunemente citata e' fuorviante perche' si riferisce solo al debito federale. Se a quest'ultimo, che al momento rappresenta circa il 50% del PIL, si aggiunge quello di stati ed enti locali, che e' quadruplicato dal 1945, si arriva al 70%. Mettendoci anche social security (+30%), Medicare (che grazie a Bush ha viso crescere le sue "unfunded liabilities" dal 51% al 258% del PIL) ed altri entitlement programs, il debito pubblico ammonta oggi al 400% del PIL. Nel 1945, con tutti i costi della guerra, era poco piu' del 120%.

... e nel 1933 era circa il 20%! Ma nessuna delle migliaia di sciocche apologie del /analogie con il New Deal fa cenno a questo dettaglio. Informazione economica at its best.

Il vantaggio di "starve the beast" e' puramente tattico:

Si, questo è chiaro. Il punto del paper citato è che questo presunto vantaggio tattico in realtà non esiste. Tagli delle tasse non accompagnati da tagli alla spesa non vengono poi seguiti da tagli alla spesa ma da aumenti delle tasse. 

Oddio, andrebbe letto.

È plausibile che promettere di tagliare le tasse in campagna elettorale, tagliarle effettivamente subito dopo la vittoria elettorale, e rialzare a metà legislatura dia un effettivo vantaggio tattico.

Credo stiamo parlando di due cose diverse. Sono d'accordo con te che il politico che promette e poi attua una riduzione delle tasse senza ridurre le spese, solo per rialzarle dopo (o, ancora meglio, farle alzare da qualcun altro in una legislatura successiva) godrà di un vantaggio tattico elettorale, che è la ragione per cui tale tattica è stata frequentemente utilizzata.

Il punto di vista che sto considerando però è quello di un cittadino che vuole combattere l'invadenza dello stato e l'alto livello di spesa pubblica. Se sono un cittadino con simili preferenze, devo appoggiare o no un politico che promette di ridurre le tasse senza al tempo stesso ridurre la spesa pubblica? L'argomento ''starve the beast'' dice di si. È utile allearsi tatticamente con tale politico perché poi l'aumento del debito e del deficit condurrà nel futuro a una riduzione della spesa. Il paper dei Romer dice che questo è empiricamente falso. L'aumento del debito e del deficit condurrà nel futuro a un aumento delle tasse. Quindi, se sei un cittadino che vuole combattere l'invadenza dello stato e l'alto livello di spesa pubblica non puoi prendere scorciatoie. Devi appoggiare politici che hanno il coraggio di dire che la spesa pubblica va ridotta subito, insieme alle tasse, evitando i furbacchioni che dicono ''intanto tagliamo le tasse, alla spesa ci penserà qualcun altro''.

Quello che non ho mai capito dell'argomento starve the community (sorry, the beast) e' come giustifica la diminuzione delle tasse domani, se le tasse diminuiscono oggi. Voglio dire,  se non c'e' un meccanismo che tiene  le tasse basse domani, e' ovvio che domani i politici hanno l'opzione di scegliere tra diminuire la spesa pubblica e aumentare di nuovo le tasse. Qual e' l'argomento (teorico) che starve the beast usa per dire che diminuira' la spesa pubblica ? A me ricorda 'l'uomo nuovo" di Marx. Facciamo prima la rivoluzione anti tasse , dopo nasceranno uomini nuovi tutti contro le tasse.

Se ben ricordo il ragionamento (sbagliato) come lo presentava il Wall Street Jpurnal nei suoi editoriali degli anni 80 e 90) si basava sulla paura del deficit.  Io come politico taglio le tasse senza tagliare le spese, il deficit aumenta spaventosamente; il pubblico insorge e il mio successore e' costretto a tagliare le spese in un'atmosfera di vera e propria "emergenza economica".

In realta i deficit non spaventano piu nessuno, ne il publico ne i Ph.D. in economia.

E, anche se spaventassero, perché dovrebbero essere affrontati diminuendo le spese? Si possono affrontare aumentando le tasse o a botte d'inflazione (se il debito non è indicizzato). Non è affatto chiaro quale sarà la scelta di politici che massimizzano la loro probabilità di rielezione.

Grazie.

Avevo compreso male il significato dell'espressione.

No, ragazzi, il meccanismo funziona con la paura delle tasse. Io le abbasso e poi, io o il mio successore, dve o tagliare spesa o alzare tasse. Il meccanismo funziona se i politici non hanno il coraggio di lazare le tasse.

si, ma perche' (teoricamente) hanno piu' paura di alzare le tasse che non di abbassare la spesa pubblica?

ops era una replica ad alberto sopra

Questo è esattamente il punto. Ovviamente ai politici risulta costoso sia ridurre le spese sia aumentare le tasse. Quindi la questione diventa empirica.

Più esattamente ci sono due questioni separate: 1) a quale livello di dissesto devono arrivare i conti pubblici perché i politici facciano qualcosa? L'implicita ipotesi di ''starve the beast'' è che il livello di dissesto non deve essere mostruoso, altrimenti la strategia è troppo rischiosa; 2) una volta raggiunto il livello critico dei conti pubblici, cosa faranno i politici per porvi rimedio? L'ipotesi ''starve the beast'' è, come ricorda Alberto, che a quel punto un aumento delle tasse sia politicamente più costoso di una riduzione della spesa.

Il paper dei Romer non dice nulla sul primo punto (ma, di nuovo, dovrei leggerlo più attentamente). Sul secondo, indica che i politici sembra preferiscano aumentare le tasse anziché diminuire le spese. Può darsi che in altri paesi o in altre epoche storiche non sia così, ma questo è quello che trovano nel loro dataset. 

Un pezzo interessante. Quotable quote:

In particular, the idea that tax cuts will "starve the beast" and automatically shrink the size of government is extremely pernicious.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti