Welcome on board, Paul ...

9 marzo 2009 michele boldrin

Yup, that's Paul Krugman.

It must be a mistake, I know, but Paul Krugman seems to have understood what his long-time friend and "multiplier co-supporter" Bradford De Long could not understand last Wednesday night. Which is also what his friends in the Administration keep denying, much to our chagrin and our dismay.

Because Paul Krugman seems to agree with me (and links therein) on the main issue, let me discuss a few points he does not mention explicitly or ignores altogether.

1. It is not true that this Administration is "dithering" and choosing "absence of action" when approaching the financial crisis. The Obama Administration has a plan: it is the same the GWBush Administration had. It has been in place for more than a year and half now: keep the banks alive by feeding them public money. Earlier on they thought - rather incredibly, given that, theoretically, the Fed should know what is on the books of the American commercial banks, which is an issue we also should raise, Paul :-) - that just cutting interest rates and making liquidity abundant by discounting whatever kind of securities the banks had in their portfolios, would work. Well, it did not as we have painfully learned, and a year a half later - yes, ladies and gentlemen: "they" have been working on it at least for the past 18 months ... the mess, in fact, started almost three years ago, but at the Fed they were busy doing research on something fancier - most large American banks are not only "bleeding", they are paralyzed. In the meanwhile, we have pumped hundreds of billions of dollars of public money (Fed's money is public money) in their vaults, part of which has been cashed in. And we intend to keep doing it for as long as public opinion allows us (well, them) to continue doing. That's the strategy, Paul, and I see no "absence of action" here.

2. At the core of this continuous bleeding are derivatives. Because neither the Fed nor the SEC nor any of the "regulators" involved with the problem are making information publicly available about the portfolio of credit derivatives banks are sitting on, and its evolution, one can only guess. My guess is that only a small percentage (20-30%) of the outstanding $60 trillion has been written off in a form or another: most players are sitting tight on their bets. The strategy is simple: because my counterparty cannot pay, there is no reason for me to execute the contract, since by so doing I can send the counterparty into uncontrolled default. Let's sit on it, agreeing on some convenient (for the counterparty and me) mark to market: nobody can tell what it is worth, as there is no market in any case. Should we get lucky and public money become available, as in the case of AIG - by the way, the numbers in the NYTimes article about AIG are way too conservative - I can try cashing in. From the taxpayer, obviously, as my counterparty will just act as an intermediary.

This is the beauty of the situation, which too many pretend not to understand. Before the crisis a derivative was a zero sum contract: I win, you lose, and viceversa. Once the crisis broke out, it became a negative sum contract: I win and we both lose, because you default on your commitment. After the government "bail out" plan(s) came into effect, derivatives (at least those written against the big players) have become positive sum contracts: I win and you do not lose, because the taxpayer will pay. It should be clear to anyone that, as long as THIS is the plan, troubled banks will sit tight on their portfolio of derivatives and make the public purse "digest" them one at a time. It is not in the self-interest of the current management of troubled banks to get the economy going again. Their self-interest is served by avoiding insolvency (to keep their position and salary) for as long as possible. Unfortunately, that's the opposite of everybody else's interest!

One, additional, social gain from "temporary nationalization" of the big players: we could net out a few trillion dollars of credit derivatives.

3. Not only will the stimulus have no effect whatsoever as long as the banks have not been fixed (I am pretending I believe in the multiplier like PK does, here) but NOTHING will have any effect if the banks are not fixed. Tax cuts will have no effect, as no new businesses will open to hire the unemployed workers if there is no credit. No market mechanism will, in fact, work: no matter how much relative prices change, how do you shift resources from activity X to activity Y if the financial system does not intermediate the move?

4. Which is why Alan Blinder's arguments against nationalization are not convincing. Let's see briefly why.

  • "Where to draw the line". Things are the other way around: it is the current policy that puts the sound banks at risk. They invested wisely (i.e. taking less risk and accepting lower returns) and are now unable to reap the benefits of that strategy as the bad banks are kept alive by public money. Not only, the latter have access to super-subsidized loans, whereas the good banks have to compete on the markets to raise funds and (contrary to those on the Fed Funds) the rates on other sources of liquidity are much higher because spreads are higher. Hence, the longer the current policy continues, the worse the situation is for the good banks as they cannot gain market shares and, to compete with subsidized banks, they are forced to make loans at rates lower than the market prices them.
  • "Domino effect". No domino effect whatsoever. The market capitalization of the truly distressed banks is negligible already: stockholders have already lost their investments and it is most unlikely that rumors of nationalization may increase their despair. Beside, nothing prevent the Administration to pass legislation allowing the FDIC to "purchase" the failing bank from its shareholders at the average market value of the last few weeks..
  • "The management challenge". Come on, are we serious? Do we still want to stick with the myth of the superbankers who cannot be replaced, who are the only people on earth who understand the business and are so smart and specialized to justify the insane wages they have paid themselves? After these results? Professor Blinder, you must be kidding. Given WHAT needs to be done here, there are a few thousands (say 4-5 thousands) excellent financial and banking economists in the financial industry itself, in the Federal Reserve system and even in academia, who could be recruited for the job. Just think of all those good bankers who managed the sound banks properly during these years: don't they deserve a chance to run, say, Citi?
  • "Political obstacles" and all that. Well, that's politics, which is where the problem is. Certainly, as long as plans are not made and actual implementation not considered, time will pass and things will become progressively more difficult. Given that responsible political figures from the GOP are starting to speak in favor of letting some banks go (a proper change of direction away from subsidizing everyone in troubles MUST involve a judicious mix of letting some banks go while taking over some other), the political environment is far from rejecting a-priori a seriously designed change of strategy. That the current one - which I insist dates back from the days of GWBush - is not working and costing us enormously should be clear by now.
  • "Nationalization" is not acceptable by the American public opinion. Let's stop fooling each other: "nationalization" is what the FDIC did with Washington Mutual, and dozens of other banks! That's what FDIC is for and, if it needs more funds, they can be provided exactly the same way that abundants funds were provided, to be wasted, to the Treasury via TARP I and II. What is important, instead, is to write into law the commitment to give the banks back to the taxpayer once the cleansing is completed. Once taxpayers become certain that the recapitalized banks will be given back to them in proportion to the taxes they paid, I am pretty sure they will not worry about "nationalization" at all ... quite the contrary, in fact!

What makes the "anti-nationalization" position insane, from a social point of view, is that on the one hand we are already paying its price and, on the other, we may soon be forced to carry it out in a condition of emergency, which would be much worse.

On top of everything, here is the most important factor: as long as the insolvent and paralyzed banks are not replaced with solvent and functional ones, possibly many "ones", the recession will get deeper and deeper, the stock market will keep collapsing, corporate America will continue to self-destruct and, with it, our jobs, our productive capacity, our growth potential. Six months from now, if this trend continues, we may be into a great depression for real. And we will have, once again, only our politicians and their "political priorities (and allegiances)" to blame.

P.S. Some of my libertarian friends may believe I have gone nuts advocating temporary nationalization. Maybe I have gone nuts, but their arguments do not convince me. They are based on principles that ignore actual reality: right now the state IS controlling the banking system and IS pumping hundreds or billions of taxpayer money into the banks. The differences with actual take over are that, under the current policy, (i) there is no end in sight to the waste of public money, (ii) excutives and managers that have mismanaged the banks are not made accountable, and, (iii) should this policy continue, the financial industry will emerge even more concentrated, monopolistic and anti-competitive than it was when the crisis began.

Taxpayers are paying dearly the insurance against the "aggregate risk" financial firms stupidly undertook. It is only fair that the taxpayers become the new shareholders of the financial system's firms and decide who their new bosses should be.

54 commenti (espandi tutti)

The Fed (orTreasury - not sure who - probably both) have refused to make public whose "assets" AIG settled with public money, of course citing "systemic risk". This is outrageous!!! 

Sei come Barney Frank e Andrew Cuomo, che vogliono sapere nome e cognome di tutti quelli che hanno ricevuto bonus da ML:

     March 9 (Bloomberg) -- New York Attorney General Andrew Cuomo and U.S. Representative Barney Frank demanded Bank of America Corp. immediately disclose 2008 bonus data for all Merrill Lynch & Co. and Bank of America employees who received $1 million or more.

Chisseene fre__!

A che serve, non sara mica che lo fanno per pura demagogia?

I tipi di Economic Principals sono pronti a scommettere che grosse novità siano in vista:

What’s widely perceived as dithering at the Treasury over the resolution of doubts about the solvency of the US banking system may have more to do with preparations for regulatory overhaul. A far-reaching redesign of the national financial system is expected to begin in Congress in a few weeks and could be completed fairly swiftly.
 

Former Federal Reserve chairman Paul Volcker set the stage last week when he told a conference at New York University’s Stern School of Business, “Maybe we ought to have a kind of two-tier financial system.”

Il resto dell'articolo, purtroppo, è bruttino. Pensate siano possibili, a breve, azioni "pesanti" come un ritorno ad una legislazione Glass-Steagall-esque?

Irrilevante, almeno nel breve periodo.

Infatti, SE dovessero dedicarsi ORA alla riforma strutturale invece di affrontare di petto la situazione di crisi del sistema creditizio, proverebbero ancora una volta di essere o incompetenti (cosa che dubito nel caso di Summers, anche se mi sembra appropriata, checché se ne ami pensare, nel caso di Geithner) o in mala fede. Per svariate ragioni:

- Ridefinire ora il quadro regolatorio aiuta zero a rimettere in moto le banche, a meno che non si tratti di attribuire a Fed, FDIC e Treasury poteri speciali, e temporanei, per intervenire. Ma in questo caso non parlerei di riforme strutturali ma di provvedimenti d'emergenza.

- L'attuale quadro regolatorio è, al 75%, un prodotto delle amministrazioni democratiche di Clinton, l'ultima in particolare. I suoi architetti furono Rubin e Summers ... ammettere i propri errori non è mai male (se poi lo fa Larry Summers è un evento storico)  ma incaricarsi di riformare un sistema che i propri errori hanno contribuito a scassare non mi sembra una buona idea.

- Ridisegnare il sistema ora è troppo presto. Prima di farlo io aspetterei di vedere come finisce la crisi, cosa funziona e cosa non funziona, che cosa, con il senno di poi, risulta aver fatto danno e cosa risulta aver aiutato. Insomma, un classico mettere il carro davanti ai buoi motivato da obiettivi di propaganda politica. Probabilmente per coprire il fatto che, riforma o non riforma, il sistema di potere nel settore finanziario USA rimarrà inalterato (a spese dei contribuenti) perché così piace al partito democratico che negli executive boards della grande banca ha tanti, ma proprio tanti, amici e sostenitori.

Io credo che il management challenge esista eccome e sia in effetti il principale ostacolo alla nazionalizzazione, ma nel senso che questi signori che hanno causato agli USA e al mondo più danni dell'11 settembre e purtroppo non sono terroristi (che se lo fossero starebbero a Kandahar o nei territori tribali del Pakistan e li si potrebbe bombardare) hanno conoscenze che attraversano tutto il mondo economico e politico americano e non ci stanno a essere trascinati nella polvere senza portarsene dietro una buona parte.

Un paese che non tollera che qualcuno faccia il ministro se non ha versato sei mesi di contributi alla colf, non so come reagirebbe alla vista degli scheletri che costoro potrebbero tirar fuori dai loro armadi.

Esagero ? Sono un complottista ? Vorrei crederlo, ma mi si spieghi allora perchè se nazionalizzare 'ste banche fallite è una cosa su cui riusciamo a mettere d'accordo anche Boldrin e Krugman allora Obama non lo fa.

Se abbiamo sostituito un incompetente totale con un altro, chiedo asilo politico a Cuba.

 

Esagero ? Sono un complottista ? Vorrei crederlo, ...

Anche io!

Purtroppo non credo tu esageri, né questo implica la teoria del complotto. Altrettanto purtroppo, mi sono convinto da qualche anno (come i miei colleghi di nFA ed anche quelli di lavoro ben sanno) che proprio così sia. Non si tratta di complotti, e nemmeno (forse, ma chi lo sa) di corruzione pura e dura, stile italico. Ma di una rete di conoscenze, relazioni, affari, donazioni, sudditanza culturale e personale, fascinazione intellettuale, invidia e desiderio di raggiungere lo stesso status, interessi strategici coincidenti, eccetera, che lega a doppia mandata i vertici dell'amministrazione USA (sia essa repubblicana ma, molto di più, democratica) ai vertici del mondo bancario e finanziario USA. Con Wall Street e le banche d'investimento anzitutto; con le grandi banche commerciali stile Citi (Rubin), Chase (Dimon), e così via; con il mondo "laterale", dagli hedge funds (il numero di accademici del giro vicino alla politica/finanza che "hanno" (o avevano) un hedge fund è esploso negli ultimi dieci anni ...) e di quelli che fanno "consulenza economica".

Un intreccio profondo di interessi e persone, che ha portato ad una forte identificazione culturale e politica. Ed alla convinzione, erronea, che se cade l'attuale equilibrio di potere della finanza USA, cadono gli USA. Da qui l'enorme sforzo difensivo messo in atto ed il rifiuto di ogni cambio radicale.

 

suma mal ciapà.

ne'elam 10/3/2009 - 02:08

Non si tratta di complotti, e nemmeno (forse, ma chi lo sa) di corruzione pura e dura, stile italico. Ma di una rete di conoscenze, relazioni, affari, donazioni, sudittanza culturale e personale, fascinazione intellettuale, invidia e deisderio di raggiungere lo stesso status, ineressi strategici coincidenti, eccetera, che lega a doppia mandata i vertici dell'amministrazione...

Guarda Michele che quella descrizione calza a pennello anche per l'italia. Anzi quella rete tentacolare viene prima, ed é enormememente più vasta e pervasiva della corruzione. Il personale della prima repubblica non é mica emigrato a Burma, é rimasto tranquillo e camuffato da noi. Se l'amerika si mette ad imitare l'italia, beh, allora veramente a suma mal ciapà.

Se l'amerika si mette ad imitare l'italia, beh, allora veramente a suma mal ciapà.

Indeed. Evidentemente il paese (USA) è "maturato" ... :-)

Indeed. Evidentemente il paese (USA) è "maturato" ... :-)

Secondo le mie personali teorie e' inevitabile che la societa' USA peggiori e diventi progressivamente meno funzionale e sempre piu' dedita alla rapina delle risorse interne da parte delle elites: tutto cio' e' la semplice conseguenza del fatto che e' venuta a mancare quella sfida con l'URSS che obbligava le elites a mettere tra i suoi primi ed essenziali interessi la coesione della comunita' nazionale. Finche' gli USA saranno arbitri militari ed economici del mondo, senza plausibili contendenti, saranno destinati a declinare e a corrompersi, come e' accaduto regolarmente nella storia passata per tutti i grandi imperi.

Nel momento in cui la Cina diverra' una minaccia seria al predominio USA vedremo se - come spesso e' accaduto nella storia - le elites USA abbandoneranno del tutto la contesa, dedicandosi alla spremitura dei sudditi che loro rimangono, oppure se sapranno trovare le risorse per sostenere nuove sfide, come e' anche accaduto in passato in altre situazioni storiche.

Concordo con la prima parte. Ho dei dubbi sulla seconda. La Cina è già diventata una minaccia seria al predominio USA. Il problema principale (per gli USA) è che i cinesi sono i principali finanziatori del debito pubblico americano e di solito chi fornisce i fondi vuole avere voce in capitolo. Ma le elites al potere non hanno dato molta importanza alla cosa. Tuttavia la crisi attuale insegna che tutti i nodi prima o poi vengono al pettine e gli squilibri di bilancio americani sono tra questi. Anche per la Cina il deal non è esente da rischi (un eventuale default americano, probabilmente via inflazione, sarebbe molto costoso anche per i cinesi), tuttavia il regime autocratico di Pechino sembra avere un maggiore controllo della situazione interna, più di quanto ne abbia Washington DC.

Il problema principale (per gli USA) è che i cinesi sono i principali finanziatori del debito pubblico americano e di solito chi fornisce i fondi vuole avere voce in capitolo.

E' una dipendenza reciproca: se gli americani smettono di comprare a debito, le fabbriche cinesi finiscono col chiudere i battenti. Guarda quel che sta succedendo al Giappone, la cui bilancia delle partite correnti e' andata in profondo rosso.

E' chiaro che tra venditore e compratore o tra creditore e debitore c'è dipendenza reciproca. Però il grado di dipendenza è diverso ed è incontrovertibile che la Cina (che comunque non è il Giappone) abbia dei "diritti di proprietà" verso gli USA. E se questi ultimi non saranno in grado di mantenere gli impegni questo potrebbe costituire un elemento di attrito di primaria importanza (a meno che le elites americane non riescano a coinvolgere quelle cinesi nei loro festini finanziati dai contribuenti).

(a meno che le elites americane non riescano a coinvolgere quelle cinesi nei loro festini finanziati dai contribuenti)

In certa misura l'hanno gia' fatto: il salvataggio di Fannie e Freddie e' stato molto apprezzato a Pechino, dato che la Cina ha investito in loro titoli una cifra pari a circa il 10% del suo PIL...

E' una dipendenza reciproca: se gli americani smettono di comprare a debito, le fabbriche cinesi finiscono col chiudere i battenti.

Notizia di oggi: a febbraio, rispetto a un anno fa, l'export dalla Cina e' sceso del 25.7% e l'import del 24.1%.

Questi si prendono sul serio ... imbarazzanti. Ovviamente manco si rendono conto di stare ad imitare Benito ed i suoi giureconsulti e fanfaroni d'un tempo ...

La cosa più buffa è la composizione della squadra: il figlio di questo, il nipote di quello, il figlio di quell'altro! Persino in questi casi non riescono a fare a meno d'essere nepotisti. E Grilli, che fa Vittorio Grilli in questa sceneggiata? Che dice? Tace? Mi sa che tace pensoso, dandosi un tono ... mah!

P.S. Io un giorno questo Aldo Cazzullo lo voglio conoscere e gli voglio stringere la mano per vedere cosa succede: magari la mano gli si squaglia ... e gli voglio guardare anche il naso, da vicino, giusto la punta del naso: per vedere di che colore sia.

Scrive il Cazzullo

Di Giulio Napolitano il ministro dell’Economia ha apprezzato molto il saggio sulla crisi finanziaria americana.

Siccome, a causa di un'odiosa discriminazione contro i grandi giuristi, sembra non sia in via di pubblicazione né su JPE né sulla HLR ... né altrove (apparentemente pubblica solo volumoni, in compenso citatissimi ...) inclusa la sua pagina web, chiedo (anche a nome d'alcuni altri, interessati assai ma frustrati dall'intracciabilità degli scritti del medesimo):

QUALCUNO CE L'HA, PER CASO, IL FONDAMENTALE SCRITTO DEL FIGLIO DEL PRINCIPE DI NAPOLI?

Vorremmo ponderarlo attentamente.

In attesa del volume, io mi consolo con la chiosa dal vago sentore hegeliano di Tremonti, che ci sottopone la seguente fatica del concetto:

Le presidenze fanno le proposte. In tempi normali, fanno proposte normali. A questa altezza di tempo, non possono limitarsi a proposte normali. Devono fare proposte di pari altezza. Lo impone lo spirito del tempo.

Lasciando da parte Hegel, la citazione di cui sopra mi ha ricordato questo spot: anche li si mettevano in relazione gli strumenti con la dimensione del problema.

Io invece trovo il riferimento preoccupante: lo Zeitgeist e' una delle fisse di quel Sandro PasXuZZi dalle cui bizzarre idee sul signoraggio privato il nostro Delirium Tremonts sembra aver tratto ispirazione per le sue recenti e meno recenti confuse esternazioni. Io ancora devo capire in base a qual ragionamento l'effetto del moltiplicatore monetario, che e' l'unico attribuibile al sistema bancario per la crescita della massa monetaria, dovrebbe mai generare signoraggio, dato che quest'ultimo deriva dagli incrementi della sola M0... Dev'essere un concetto mistico raggiungibile solo attraverso canali gnostici, escludendo ogni processo razionale.

Incidentalmente, il film proiettato nel Zeitgeist Day e' un'antologia di conspiracy theories alla Icke/LaRouche, ed e' disponibile qui.

Tutto questo sarebbe anche umoristico, se tutte queste invocazioni dello Stato Etico come protettore dai banchieri usurai non ricordassero da vicino un certo imbianchino viennese.

Whow, Enzo! Tanto di cappello: ma tu dove le trovi? Quest'uomo dice cose spaventose, nel senso di spaventosamente folli e spaventose in quello che promettono per il futuro!

Ma secondo voi, ci fa o ci è? Davvero, è una domanda da porsi ... questo incantabauchi determina il dibattito politico-economico italiano! Mamma mia, in confronto Geithner sembra un genio!

P.S. Bisognerebbe chiedere a Vittorio Grilli che ci parla tutti i giorni ... forse lui una qualche idea ce l'ha se GT ci fa o ci è!

P.P.S. Questo PasXuZZi, chi è?

ma tu dove le trovi?

La maggior parte delle dritte (tra cui questa sulle assonanze tra Pois-Sock Man e i signoraggisti) mi arrivano da Mario Seminerio o Antonio Mele via Facebook... In particolare, devo dire che Phastidio.net e' una vera miniera di interessanti notizie. Consiglio ad esempio quella della (seppur tardiva) folgorazione di Antonio Martino:

Il Pdl somiglia al colbertismo, al fascismo, al socialismo ma non al liberalismo. La mia tentazione è quella di defluire dal Pdl.

Tentazione?? E che aspetta per decidersi, un discorso dal balcone di Piazza Venezia? In confronto, Croce era un Hayek...

PasXuZZi credo che sia un allievo del prof. Auriti

... like that contained any information! Marco, sei spettacolare!

Ed il "prof. Auriti" chi sarebbe? Quello di applicazioni tecniche al Mamiani?

 

Ed il "prof. Auriti" chi sarebbe? Quello di applicazioni tecniche al Mamiani?

Ma no, 'gnurant! Come rivelato da www.sovranitamonetaria.org, il Chiarissimo Professore Giacinto Auriti e' un amico dell'Avvocato Antonio Pimpini, nonche' di Francesco Caramanico, Sindaco di Guardiagrele -- che e' nientepopodimeno che... ta-daaa... il paese dell'Utopia!

Guardiagrele -- che e' nientepopodimeno che... ta-daaa... il paese dell'Utopia!

Chissà se accettavano i SIMEC anche alla sagra del cinghiale che ci fanno a giugno? :) Paradossalmente, cmq, pare che adesso abbiano un valore numismatico non indifferente...

P.P.S. Questo Pasxuxxi, chi è?

Un mitomane/troll con la fissa del signoraggio ed altre fantasiose teorie complottistiche (Illuminati e compagnia). Chiunque abbia mai scritto un articolo sul signoraggio nell'interwebs si e' trovato ad avere a che fare con questa bizzarra persona.

* Credo passi le giornate a cercare "signoraggio" e "PasXuZZi" su Google, con un po' di sfortuna arrivera' anche qui.

.... con un po' di sfortuna arriverà anche qui.

Shit, scherzi?

Ragazzi, domanda seria: vi dispiace se tolgo tutti questi commenti? Tanto son chiacchere fra di noi ...

Ne abbiamo abbastanza di mitomani in giro, come quello da Londra che spunta ogni tanto con nomi nuovi per spiegarci che è ricco ... un altro ancora non serve!

Guarda io avevo criptato il cognome apposta, se cancelli tutto non fai una lira di danno.

Gli altri sembrano non essere in linea. Ho "criptato" le apparizioni del nome del personaggio, speriamo basti!

Grazie per la dritta ... :-)

Michele, c'è ancora un cognome "in chiaro" nel commento di Vincenzo.
Nel frattempo, TMMD:

ps: sei un fan di grill0? lascia perdere: non capiresti. torna alle puttanate del tuo guru, dai. sei un'ameba? entra pure. tu puoi farcela.

 

AH AH AH AH!  :)

Il blog linkato da Enzo

Immagino che il fondamentale scritto del figlio del principe sia questo.

Mi sembra proprio una Perla.

Grazie assai, leggeremo.

P.S. E' un piacere vedere come l'informazione e la conoscenza diffuse siano sempre almeno un ordine di grandezza superiori!

Nella task force tremontiana manca solo la Marianna Madia che nel frattempo ha anche conseguito il dottorato a Lucca: potrebbe accedervi come ex fidanzata di Giulio Napolitano

http://www.mariannamadia.it/

Marco: la tesi, trovaci la tesi. La voglio leggere. Voglio vedere cosa occorre scrivere per prendere un dottorato all'IMT di Lucca. Una volta visto, ci facciamo un'opinione.

So che tu sai trovare tutto il trovabile, per questo te lo chiedo. Scusami per il fatto che approfitto, ma sembri di un'abilità unica con queste cose!

Caro Michele ci provero'. Ho un amico che ha studiato a Lucca. Per me sara' un piacere. 

Non ho capito se è la tesi (anzi non lo è di sicuro), ma buona lettura lo stesso.

questo Roberto Bagnoli li batte tutti

http://www.corriere.it/edicola/economia.jsp?path=TUTTI_GLI_ARTICOLI&doc=BAGNO5

Oh, a proposito: e' da decenni che in Italia sento blaterare di "una nuova Bretton Woods". C'e' nessuno che mi possa illuminare su cosa esattamente i suoi proponenti intendano con tale espressione? Gli accordi di Bretton Woods prevedevano il blocco dei flussi monetari in conto capitale, in modo da potere usare tassi d'interesse e spesa pubblica a fini di controllo dell'economia senza che si creassero fughe o influssi di capitale che modificassero i cambi delle valute e la liquidita' effettiva. Se e' cosi', perche' gli stessi proponenti se la prendono regolarmente con la Cina, che fa esattamente questo, e vogliono che passi a un sistema di cambi flessibili??

Cosa vogliono dire con “nuova Bretton Woods”? La questione e’ a cavaliere tra political science and economics.

I proponenti di una nuova Bretton Woods sono al loro interno variegati e ognuno intende una cosa diversa. Sostanzialmente vuole dire che ci si deve sedere intorno a un tavolo e negoziare qualcosa di nuovo (cioe’ regolamentare +/-). Quindi  qualunque cosa puo’ uscire dal cappello di questa nuova BW, perche’ ci puo’ entrare la finanza internazionale, il commercio, gli aiuti, e via discorrendo. Naturalmente all’interno del campo “nuova BW”, c’e’ chi vuole piu’ liberalizzazione degli scambi e chi vuole una minore concorrenza da parte dei paesi emergenti. Quindi i proponenti per una nuova BW sono tra di loro in contrapposizione. Inoltre, il termine nuova BW e’ preferito dai paesi avanzati, in quanto il metodo BW vuol dire che i paesi si pesano in base al peso economico e non si contano. A differenza del metodo UN dove invece ogni paese ha una sua dignita’ di pari livello. 

Poi ci sono quelli che non vogliono una modifica del governo economico mondiale (o che preferiscono una nuova UN). Anche qui vi e’ una biforcazione. Da una parte, vi sono quelli che ritengono le istituzioni internazionali in mano a una cricca che vuole depredare il mondo. Dall’altra, vi sono quelli che veleggiano bene nell’attuale sistema, e preferirebbero lo status quo.

Questa distinzione tra i vari campi e’ un po’ simile a quella tra chi sostiene l’idea di una maggiore mobilita’ internazionale dei capitali privati, e chi invece l’avversa. Solo che la nuova BW puo’ avere implicazioni anche in altri campi (ad esempio, il commercio internazionale).

The jury is out.

Ho letto. Concordo: è una perla.

No, anzi è più di una perla: è una collana. Una collana di cazzate che commentano notizie di cronaca economica tratte dai giornali. Non si può neanche criticare, è incriticabile. Ma contiene decine di "sound bites" del tipo "la continua rincorsa tra i tempi del mercato e quelli della politica" che, ovviamente, avranno affascinato la mente facilmente fascinabile del commercialista da Sondrio.

Alcune perle della collana di cazzate:

- parlando a caso

Si sarebbe così potuto alleviare l’esposizione di banche e altri intermediari attraverso l’iniezione di liquidità finanziaria, riducendo i dubbi sulla loro solvibilità e ripristinando la fiducia del mercato e degli investitori.

- parlando delle MBS

In questo modo, infatti, sono stati messi in circolazione titoli di credito basati su criteri probabilisticoassicurativi e non su garanzie reali.

- mostrando di non sapere l'inglese (almeno quello di Posner) e, comunque, di non sapere che la Banca della Riserva Federale è un organo dello stato federale USA, non del mercato

[...] persino uno dei padri fondatori della scuola di analisi economica del diritto di Chicago ha evidenziato come le cause fondamentali della crisi siano dovute a ben sei fattori, tutti interni al funzionamento dei mercati. Il primo è l’abbondante disponibilità di capitale a costo ridotto, che ha incoraggiato il prestito a tassi di interesse particolarmente vantaggiosi.

- mostrando di non conoscere la storia economica americana degli ultimi quindici anni e sostenendo, quindi, che tutto inizia nel 2003

Il fallimento della regolazione, a sua volta, è figlio di un fallimento della politica6. Gli eccessi sul mercato dei mutui sub-prime ad alto rischio, infatti, sono stati determinati anche dal perseguimento del sogno americano di una casa per tutti. Prima, nel 2003, era stata approvata una legge, l’American Dream Downpayment Act,

... e via così (questo solo nelle prime 5 pagine, ce ne sono altre 16 di simili!)

Affascinato dalla competenza tecnica che il saggio in questione manifesta mi sono andato a guardare il CV del suddetto. Ve lo raccomando.

Il Principe di Napoli può andare veramente fiero dei risultati accademici del figlio che ha fatto una brillantissima carriera tutta merita del suo genio e lontana da ogni sospetto di paternalismo. Infatti, per questo può permettersi d'essere ordinario a Roma Tre, dove a fare il rettore (a vita, sembra) c'è lo zio (pure comunista oltre che "economista" agricolo). Vabbeh, mi son stancato. Ora vado a leggermi la tesi di dottorato della sua allieva preferita che credo, Marco, sia proprio il saggio che hai rinvenuto ...

In questo modo, infatti, sono stati messi in circolazione titoli di credito basati su criteri probabilisticoassicurativi e non su garanzie reali.

Si, in effetti era meglio, molto meglio quando lo scambio del denaro era solidamente ancorato all'erogazione di servizi reali, mica tutta questa finanza di oggi...

A volte, leggendo note e commenti di testi e pubblicazioni, ho il sospetto che molte citazioni si riferiscano a pseudobiblia, tipo il Necronomicon di Lovecraft.

Quando 5 anni fa ho redatto la mia tesi di laurea ho avuto forti difficoltà a rintracciare i testi consigliato o citati in nota, talvolta ho addirittura pesato che fossero inventati.

Non è che gli scritti del figlio dell'attuale Presidente della Repubblica abbiano avuto una diffusione talmente limitata, vista la reale validità accademica, da essere a disposizione solo di pochi iniziati? Un po' come i libri vincitori del Premio Strega?

attenzione...

ne'elam 10/3/2009 - 11:06

P.S. Io un giorno questo Aldo Cazzullo lo voglio conoscere e gli voglio stringere la mano per vedere cosa succede: magari la mano gli si squaglia ... e gli voglio guardare anche il naso, da vicino, giusto la punta del naso: per vedere di che colore sia.

Attenzione, fare domande a distanza di sicurezza dal naso, con certi burattini non si sa mai.

Here you can find a different opinion about US banks.

http://brontecapital.blogspot.com/2009/03/fools-seldom-differ.html

 

It should be pointed out that he has been very consistent in his analysis of the problems affecting the banking sector. He has been talking about nationalization (or pre-privatization, or whatever you want to call it) for a few months, and in my humble opinion on this subject he has always been saying wise things.

A sort of voodoo economics is what is needed here...because the problem is 6-feet under....well the problem is below the line (aka off-balance-sheet). If the issue were toxic assets, then it would have been a piece of cake, but the radioactive waste is below the line. Instead of privatizing US banks, it would be much simpler to privatize the below the line items of those banks (CDS and other loan committments), for which there are no technical reserves, as any insurance in the world is supposed to have instead, and the only hope is that they are correctly hedged (did I say hedging?). Let them go in a controlled way. A nice metaphor would go like this: People have insured their neighbours' house, the same house, n-time, and that in the insurance industry is not allowed. Right? Call a CPA, say from Seton Hall, to do the job.  Maybe you would need a counterintuitive monetary policy, i.e. raising interest rates to make interest rate swaps look less threatening.

sorry it was just a nap and am in need of malox right away.     

Is there evidence that having all these private banks (dozens or hundreds in every country) is really helpful for the consumer? I really don't know, I am asking here.

Looks to me that most if not all of the "bank specific" financial products is solid crap anyway; most banks still have outregous conditions (you pay for ATM, you pay monthly fees, etc) just to mantain high salaries and benefits to their employers; all banks have a limited range of action of what they can do anyway. Do we need all these banks? Because I have the strong feeling that this is a field where very little competition is actually possible and as consequence what the consumer gains out of having so many of them is not enough to justify the risk.

 

 

Agree, Sandro. When there's a Krugman column in the morning my wife always says "hope it's on banks, otherwise you get pissed and become unbearable"

Sine ira ac studio

palma 16/3/2009 - 18:27

you folks foes and friends, tell me if you want it in Italian (I like the idea that we can switch languages and admit quodlibet, but that is strictly IMHO)

 

 

more to the point, several of the points made (by quite a few writers/bloggers/commentators, et al.)

correctly notice that pumping money into the enterprise X is going to benefit *certainly* the people paid/emplyed/hired/consulting with etc. by X and *maybe* but VERY *maybeish* somebody else (the celebrated body politic.)

It appears to me self-evident (what else should AIG management do? present Zimbabweans with gifts of lobster rolls? or pass on to the fired GM line workers a nice Easter trip to Vegas?)

I am asking something stupid and I do it self-consciously. Why so many people buy it?

Forget the "outrage" of some after the fact, why they do it? are they enslaved by AIG?

Do they smoke dope and Keynes and see "la vie en rose"?

I will appreciate your opinions on the matter because I do not see rhyme or reason in it.

My reasons are very classical: high rewards for behaviours that (and on this probably 99% agree, the remaining 1% is composed by the Wall Street sharks that are now cutting the purchases of Monet and of the third yacht and of the carbon-fibre plated chopper, they reduce the number of Alessi teapots and buy shirts from Brooks and not from Bergdorf, etc.) are not to be encouraged by anybody, both from a sense of justice and from a sense of efficiency. Might it be that the paranoid has a point and see a vast collusion of interest that quite simply screws market efficiency, hence any sense of trust that could be built?

Dopo essere salito a bordo credo che Krugman abbia gettato l'àncora con il suo articolo linkato qui sotto

http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna¤tArticle=L3G6U

Pur sforzandomi non sono riuscito a capire qual'è il filo rosso che unisce le argomentazioni del fresco premio Nobel. Alcuni esempi: visto che l'Europa ha adottato l'euro, lo scrivere alla fine dell'articolo: "in particolare, significa che la creazione dell'euro è stata un errore? Probabilmente.", lo trovo un nonsense. Cosa accadrebbe oggi in Europa se ci fossero le rispettive valute nazionali: probabilmente attacchi speculativi nei confronti delle valute più deboli, svalutazioni competitive....Se non erro in una area monetaria ottimale visto che sono fissi i tassi di cambio dovrebbero essere mobili i fattori produttivi: lavoro e capitale. Cosa dovrebbe fare l'Europa per incentivare cio' è quello che mi sarei aspettato da Krugman. Negli USA ad es. la presenza di una stessa lingua e di una stessa legislazione sociale nei diversi Stati favorisce la mobilità del fattore lavoro e per questo trovo riduttiva la sua affermazione: "A differenza dell'America, pero', l'Europa non ha quel genere di istituzioni che coprono l'intero continente, necessarie ad affrontare una crisi che investe tutto un continente". Scrivere (lapalissianamente) che "la Spagna avrebbe rincorso una maggiore competitività svalutando la propria moneta, ma che adesso che è nell'euro, l'unica via possibile per andare avanti pare essere un doloroso intervento di tagli alle retribuzioni" (visto che non puo' farlo perché scriverlo) ; in questo caso lavorare per un aumento della produttività potrebbe essere un'altra strada. Troppe banalità per un Nobel. Anche quando scrive che la mancata riforma del Welfare in Europa è un fattore alleviante e non causa dei problemi faccio fatica a capirlo. Usando una metafora: se arriva il vento freddo della crisi ed uno ha i vestiti laceri bisognerebbe chiedersi perché ha i vestiti laceri e non dire che è una fortuna che ci sarà qualcuno che potra' fornire i cappotti.

Su La Repubblica di oggi Bini Smaghi del board della BCE risponde con eleganza alle critiche di Krugman

http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna¤tArticle=L4B9G

Vediamo cosa scrive LBS su alcuni tratti del Krugman pensiero espressi nell'articolo in questione. In merito all'affermazione di K che paesi come la Spagna se non avessero adottato l'euro oggi starebbero meglio risponde: "in teoria l'idea di poter svalutare la propria moneta può sembrare attraente. In realtà quando il commercio internazionale si contrae e i mercati finanziari dubitano delle monete piu' deboli, lo strumento della svalutazione rischia di peggiorare la fiducia degli operatori, (...). L'esperienza italiana del 1992-93 lo conferma. Krugman dovrebbe farsi un giro nei paesi europei che non hanno l'euro, e che vorrebbero averlo rapidamente, per rendersi conto che talvolta c'è una notevole discrepanza tra la teoria dei libri di testo e la realtà dei fatti concreti". Ma la cosa strana è che nella nuova edizione del suo libro "Il ritorno dell'economia della depressione e la crisi del 2008" oltre a pagine nuove dedicate alla crisi dei subprime ed all'aggiornamento della sua analisi sulla trappola della liquidità (legata all'esperienza giapponese degli anni '90 e contestata efficacemente da Michele Boldrin su questo blog) è rimasta intatta una parte sugli attacchi speculativi a valute deboli sempre negli anni '90. Di conseguenza non riesco a capire il senso di queste sue recenti affermazioni sui paesi come la Spagna che hanno aderito all'euro.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti