Il malfunzionamento della giustizia italiana e la geografia giudiziaria: sequel con cupio dissolvi

3 giugno 2013 axel bisignano

Dal 2008 su questo blog si discute delle ragioni per cui, in Italia, non funziona la giustizia. Tante sono le cause, a partire dagli interessi corporativi di magistratura ed avvocatura. Si è detto che, tra le molteplici cause andava annoverata anche la geografia giudiziaria, risalente all’epoca in cui c’erano ancora i Borboni. Nel 2011, a causa della crisi finanziaria, fu approvata una legge delega con la quale il Governo veniva delegato a razionalizzare il sistema. Vediamo come sta andando a finire…

Nel 2008 abbiamo iniziato assieme il viaggio attraverso la giustizia italiana. Il suo malfunzionamento è una delle, molteplici, cause del declino del paese. Tutti ne sono - o, forse, è meglio dire dovrebbero esserne - consapevoli. Abbiamo parlato di magistrati, procedure, ed altro. Tra le cause del disastro rientra anche una geografia giudiziaria completamente irrazionale, concepita in un’epoca in cui si girava in calesse e, su questo blog, ne abbiamo parlato nel dicembre 2011. Difatti, nell’agosto di quell’anno, complice lo spread, manovrato dalla spectre dei mercati finanziari, una classe di politici impaurita ha messo in mano al governo dell’epoca la formidabile arma del rimodulazione della geografia giudiziaria. Certo non mancarono colpi di mano di astuti parlamentari e, nel contempo, manco a dirlo, avvocati, che introdussero demenziali criteri nella legge delega quali quello della c.d. “regola del tre”, finalizzati a salvare specifici uffici giudiziari, così come si mantennero in vita tutte le Corti d’appello anche qui a dispetto della logica. Dall’agosto 2011 è passata parecchia acqua sotto i ponti e si sono succeduti due Governi, di cui uno tecnico ed un altro, attuale, politico. Il Governo tecnico ha emanato il decreto legislativo di attuazione della legge delega e disposto la chiusura di tutte le sezioni distaccate dei tribunali (corrispondenti alle vecchie preture mantenute in vita con l’istituzione del Giudice unico) e di numerosi tribunali di piccole dimensioni. Ovviamente, un simile intervento andava a scontrarsi con gli interessi dei territori coinvolti, delle, rispettive, avvocature, del personale amministrativo e dei magistrati che dovevano trasferirsi e via discorrendo. La resistenza passa da forme di protesta più o meno colorite, a scioperi dell’avvocatura, a ricorsi al giudice amministrativo, ad eccezioni di incostituzionalità. C’è anche un’interessante analisi corredata di cifre che dimostra il danno economico che la chiusura degli uffici determinerebbe. Peccato che mister orizzonte48 sia anonimo, credo che mi contenderebbe il premio nobel per l’economia.

Proprio in considerazione delle pressioni territoriali esercitate in perfetto ossequio al principio nimby, il Governo tecnico, non assillato da preoccupazioni di natura elettoralistica, ha optato per la scelta radicale di chiudere tutte le sezioni distaccate e più tribunali possibili. La deadline per l’entrata in vigore della riforma è stata fissata per la data del 13 settembre 2013, e, quindi, in quel giorno fatidico, tra poco più di tre mesi, con quello di agosto di mezzo, devono essere chiusi i tribunali e le sezioni distaccate soppresse, predisposti i nuovi uffici, trasferito il personale, gli arredamenti, gli archivi e quant’altro. In tempi di spending review, ovviamente, ci sono state le, inevitabili, difficoltà considerato che una simile operazione comporta, necessariamente, dei costi. E così ci sono uffici giudiziari, anche nel meridione, che hanno avviato per tempo le trattative con i competenti, enti territoriali, reperito le risorse economiche, le aule, trasferito il personale ecc. ed altri uffici, che, viceversa, si trovano nel bel mezzo del caos organizzativo. Ma anche questi ultimi, come sempre in Italy, gettati nell’acqua fredda, non possono esimersi dal nuotare... Nel contempo, il CSM non ha più coperto i posti di uffici giudiziari che dovevano essere soppressi ed ha destinato i vincitori dell’ultimo concorso agli uffici più grandi. Magistrati e personale amministrativo hanno già iniziato a trasferirsi. Tutti i processi pendenti negli uffici sopprimendi, da quelli semplici a quelli più complessi con molte parti o imputati, rinviati a dopo le estate, sono stati rinviati alle nuove sedi, con relativi costi di notifiche e quant’altro. Insomma, il treno, pur con tutti i suoi difetti, è in corsa ed in prossimità della stazione. Ormai è tutto avviato ed il processo non può più essere fermato, almeno, così dovrebbe dettare la logica delle cose…

Purtroppo dimenticavo un piccolo particolare…: siamo in Italy ed il governo tecnico non c’è più. Anche l’ex presidente del governo tecnico è sceso nell’agone elettorale ed è diventato un politico.

E così, siccome dopo un anno e fischia di assenza di un governo politico, finalmente siamo tornati ad avere un governo legittimato democraticamente, in questi giorni i padri della patria, in perfetta intesa bipartisan, compresi i membri del movimento fondato dal tecnico ex presidente del consiglio passati attraverso il battesimo elettorale, ed addirittura con il placet di tutte le opposizioni, si stanno muovendo per “sospendere”, solo per alcuni mesi, ci mancherebbe, l’entrata in vigore della legge. Esistono due disegni di legge, uno dell’ex magistrato Felice Casson, senatore in quota PD, ed uno del senatore Malan in quota PDL

Non è difficile immaginare cosa significhi e quale sia il, recondito, scopo di questa “sospensione”. Basti considerare uno degli argomenti che si leggono nelle ragioni del provvedimento legislativo enunciati nel disegno di legge Malan 

Il fatto che poi non si sia, neppure per accenno, considerato i maggiori costi di tempo e di viaggio che graveranno sui cittadini è indice di un concetto stato-centrico di società.

Se utilizziamo questo argomento, di sedi non ne possiamo sopprimere nessuna, anzi ne dobbiamo introdurre di altre, in nome dell’autonomia che, quando si tratta di spendere, va sempre benissimo.  Ognuno che non appartenga alla classe politica nostrana e alle varie figure interessate al mantenimento dello status quo, può comprendere quale danno, sotto il profilo economico, immediato (in termini di risorse spese per avviare la riforma ed in termini di, ulteriori, risorse necessarie per fare marcia indietro), ma anche per il, già disastrato, funzionamento della giustizia italiana, determinerà questa misura. 

Se c’è ancora qualcuno che si domanda chi sia il principale responsabile dell’inefficienza dell’italica giustizia, può cercare qualche risposta in questa vicenda. Non resta che sperare un’altra volta nella spectre…

13 commenti (espandi tutti)

Qualche cifra?

Pigi 4/6/2013 - 08:39

Nessuno abbia fatto qualche calcolo sulla distribuzione ottimale delle sedi giudiziarie? Se partitamo dalla posizione preconcetta che sia meglio ridurre le sedi, tanto vale lasciarne una sola, a Roma, e celebrare lì tutti i processi.

Bisogna quindi sedersi e valutare ogni scenario. Una sede di un giudice civile non costa quasi niente: i comuni hanno a disposizione locali da prestare (e il costo dei locali in un piccolo centro è una frazione di quelli in una grossa città) il poco personale necessario non è un problema.

l giudice lavora con il portatile, quindi non servono grosse attrezzature, potendo appoggiarsi, in caso di necessità, a quelle del comune. Le parti e gli avvocati non devono percorrere grosse distanze, e questo riduce il costo a carico dei cittadini.

Insomma, centralizzare avrebbe il solo effetto di scoraggiare i cittadini distanti dalla sede giudiziaria dal far valere i propri diritti. Un servizio peggiore e probabilmente più costoso.

To my knowledge, qualcosa in D. Marchesi, “Giustizia civile: buoni obiettivi e occasioni mancate” , in M.C. Guerra e A. Zanardi, La finanza pubblica italiana. Rapporto 2008, Bologna.
Editoriale più che ELOQUENTE. Sarebbe importante proseguire in questa direzione: riorganizzazione delle competenze territoriali e per materia e favorire una maggiore specializzazione dell’attività degli uffici giudiziari.
Figurarsi, al solo pensiero di doversi spostare di 15 km....ih non sia mai----e chi pensa ai poveri "capponi"?...a quali inenarrabili sofferenze e sollecitazioni verrebbero sottoposti?
Non solo. Ho visto il lavoro del Dott. D'Urso, molto interessante e condivisibili le misure proposte. Vogliamo ricordare i 250 K avvocati?
Ciao
grazie

Resta il fatto che della specializzazione dei giudici non se ne fa cenno in nessun provvedimento legislativo.

In pratica, lo stesso giudice che operava in una sede decentrata lavorerà in quella centrale. E presumibilmente, emetterà sentenze uguali a prima.

Rimane insoluta la domanda: sono stati ben valutati i costi? Ogni giudice ha bisogno di un locale, da qualunque parti lavori, e i costi delle sedi sono molto superiori in una grande città. Quindi i costi fissi potrebbero addirittura essere inferiori in un piccolo centro.

 Ho paura che qualcuno confonda il problema dei tribunali con quello degli ospedali. Negli ospedali veramente c'è bisogno di costosissime attrezzature, di medici altamente specializzati, che sono giustificati solo da un grande bacino di utenti. Niente di tutto questo avviene nella giustizia: tutto il diritto e tutti precedenti stanno benissimo dentro un portatile. La competenza il giudice se la porta sempre con sé.

E portare un giudice a cinquanta chilometri costa meno che portare cento utenti alla stessa distanza. Semplice pragmatismo.

La sapecializzazione viene dopo l'accorpamento. C'e' anche un problema di personale di cancelleria che dopo il pensionamento non viene rimpiazzato e solo con l'accorpamento si puo' gestire diversamente.  Un altro esempio sono le procure dei piccoli tribunali. Per avere un esempio, trovi un mio vecchio articolo: wo kein klaeger auch kein richter (Purtroppo non posso inserire il ink perche' sono a camaldoli ed i collegamenti sono problematici)

Allora perché non proporre che i giudici, con il loro portatile ricolmo di sapienza giuridica, si spostino di città in città, anzi di borgo in borgo, rendendo giustizia sulla piazza del mercato, magari lo stesso giorno? ma davvero crede che tutto il diritto e tutti i precedenti siano informatizzati?

Sono d'accordo con coloro che includono nei costi del servizio giustizia anche quelli dei cittadini che devono ricorrere. E che questi costi aumentano con la distanza da percorrere per recarsi al tribunale.

Con questa premessa, non dovrebbe essere difficile trovare la dimensione ottimale degli uffici giudiziari, anche da un punto di vista strettamente matematico, con gli appropriati modelli, per coloro che ci lavorano.

I miei interventi volevano solo spingere al ragionamento, per evitare posizioni preconcette prive di riscontri che poi si traducono in danni enormi per molti cittadini, che si troveranno impossibilitati a ricorrere alla giustizia. Certo, rendere difficile ai cittadini il diritto a ricorrere, produce notevoli risparmi. Ma anche non curarli se si ammalano fa risparmiare molto.

Per quanto riguarda l'informatizzazione, il diritto, cioè le leggi sono informatizzati completamente. La giurisprudenza della Cassazione anche. Da questo punto di vista, la giustizia è il settore pubblico più adatto di tutti.

 

Egregio Pigi, siamo sicuri che tutte le leggi in vigore in questo felice Stato siano state informatizzate? va bene la raccolta elettronica della Cassazione, ma i precedenti delle corti di merito non contano nulla, secondo Lei?

In ogni caso: non crederà che avere archiviato in forma elettronica leggi e sentenze della SC sia sufficiente ad assicurare la piena conoscenza del diritto da parte di giudici ed avvocati, vero? se così fosse, il risultato dell'operazione sarebbe la sclerotizzazione del diritto, che è in continua evoluzione anche se le leggi non mutano, perchè al mutare delle condizioni sociali si accompagnano sempre mutamenti nell'interpretazione, condivisibili o no non importa. Il giudice del piccolo tribunale, privo di una biblioteca costantemente aggiornata, dovrebbe confidare nella completezza delle nozioni ricavabili dal suo notebook per dominare materie molto diverse, senza avere il tempo ed il modo di specializzarsi. 

Per altro verso, nel campo civile, almeno, la presenza del cittadino avanti il giudice è occasionale. Non vedo perché uno spostamento di qualche chilometro in più (p. es., da Broni a Pavia anziché a Voghera) si dovrebbe risolvere nell'impossibilità a ricorrere alla giustizia.

Questo è il dilemma.

Due tribunali distanti cinque chilometri non hanno ragione di esistere, certo, ma se sono distanti cinquanta le cose cambiano: anche l'avvocato costa di più, se lavora in una grande città, perché i suoi costi fissi sono superiori.

La sclerotizzazione o meno sono questioni filosofiche più che organizzative. Una considerazione sullo stato attuale della giustizia in Italia: di fronte alle sentenze "creative" di tanti giudici, ribaltate nei gradi successivi, forse una certa sclerotizzazione non guasterebbe.

Se il magistrato vuole dare sfogo alla propria creatività, dovrebbe cambiare mestiere e scrivere romanzi. Non scrivere sentenze che sembrano romanzi.

Possiamo pensare tutto il male posibile della giurisprudenza creativa, ma si deve prender atto che essa è la realtà, da sempre.

ed aggiungerei:

ab abusu ad usum non valet consequentia

Anche se, in linea teorica, non esiste un assetto organizzativo valido in assoluto, ma occorre valutare di volta in volta l’organizzazione territoriale/dimensionale come equilibrio tra l’assetto prescelto ed il tipo di prodotto/servizio erogato, di norma la parcellizzazione territoriale delle funzioni produce diseconomie ed aumento dei cosiddetti “costi di struttura”. Pertanto, la riorganizzazione degli Uffici giudiziari dovrebbe far conseguire, al minimo, risparmi di costo per il bilancio pubblico, atteso che i guadagni di efficienza nel rapporto sentenze/n. magistrati (peraltro già soddisfacente, poiché la produttività dei magistrati italiani è tra le più alte in ambito UE) dipendono anche da altre variabili, come ad esempio l’inadeguata preparazione organizzativa e gestionale dei Capi degli Uffici.

Non riesco a trovare la relazione tecnica parlamentare, ma ricavo dalla “Relazione sulla amministrazione della Giustizia nell'anno 2012 - Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria del personale e dei servizi” http://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_2_15_4_3.wp?previsiousPage=mg_14_7

UFFICIO III - PIANTE ORGANICHE

L’Ufficio III - Piante Organiche nel corso di tutto il 2012, ha coadiuvato costantemente il Capo Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, nell’analisi e nella predisposizione del progetto e delle relazioni tecniche relative all’attuazione della revisione delle circoscrizioni giudiziarie ex art. 1 legge 14 settembre 2011 n. 148, che ha conferito al Governo la delega per la riorganizzazione della distribuzione sul territorio nazionale degli uffici giudiziari di primo grado.

Con i decreti legislativi 155 e 156 del 7 settembre 2012, in conformità dei vincoli posti dalla legge di delegazione, all’esito dell’acquisizione e della elaborazione a livello nazionale dei dati statistici riferiti all’assetto territoriale, demografico ed economico degli uffici giudiziari, che ha visto pienamente coinvolto l’ufficio III in ogni fase della complessa procedura, è stata quindi realizzata una profonda revisione dell’assetto delle circoscrizioni giudiziarie.

La riforma, che ha profondamente inciso sull’assetto territoriale degli uffici di primo grado, può, a buon diritto, definirsi epocale laddove si consideri che l’assetto giudiziario previgente risaliva, sostanzialmente immutato, al 1941 e che l’esigenza di una razionalizzazione in materia era avvertita da tutti gli operatori di settore.

Per effetto della riforma, infatti, gli uffici di primo grado sono passati da 1.398 a 449, consentendo il recupero di ben 2.310 unità del personale di magistratura togata ed onoraria e 7069 unità di personale amministrativo, come specificato in dettaglio nelle tabelle seguenti: […]

PS:

Ho trovato questi, dove vengono esplicitati gli obiettivi (tra cui, genericamente, risparmi di spesa) ed i criteri (i link al testo del Dlgs ed all'analisi dei costi riportati nell’articolo non sono corretti):

http://www.camera.it/leg17/1050?appro=652&Decreto+legislativo+155%2F2012+-+Soppressione+di+tribunali

http://www.camera.it/leg17/1050?appro=651&Decreto+legislativo+156%2F2012+-+Soppressione+di+uffici+del+giudice+di+pace

..

Guido Cacciari 11/6/2013 - 07:36

..

 

... sui cittadini...
La videoconferenza la usai per la prima volta nel 1981, funzionava e, già allora conveniva rispetto al viaggio.
Oggi si interrogano i mafiosi in videoconferenza.
Perchè attività legali no?
Perfino il vecchio catasto (informatizzato negli anni '80) è diventato telematico!
Il cittadino deve potere accedere a TUTTI I SERVIZI della P.A. per via telematica!
La tecnologia c'è e costa pure poco.
Lo vogliamo fare?

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti