Il programma economico di Italia Unica (II). Le riforme strutturali

12 settembre 2014 sandro brusco

In questo secondo post di analisi del programma di Italia Unica mi occupo delle riforme strutturali. Rispetto alle proposte riguardanti la domanda aggregata la situazione è un po' migliore. Accanto a proposte orrende, come la ''detassazione del salario di produttività'', c'è anche qualcosa di sensato. Ma soprattutto, c'è una riluttanza estrema ad affrontare temi ''caldi'', come la spesa pensionistica o il mercato del credito, che non lascia ben sperare.

La prima puntata è qui e la terza puntata è qui.

Introduzione

Il termine ''riforme strutturali'' è un po' troppo generico, per cui è opportuno precisare meglio di cosa si sta parlando. Intendo essenzialmente tre aree di intervento:

  1. Interventi di regolazione dei mercati. Solitamente i mercati più importanti che richiedono riforme regolatorie sono quello del lavoro e quello del credito. In Italia sono importanti anche gli interventi sui mercati dei beni e dei servizi.
  2. Interventi di finanza pubblica: livello e composizione della spesa, livello e composizione delle entrate fiscali.
  3.  Interventi sull'organizzazione del settore pubblico, includendo le regole di funzionamento della pubblica amministrazione e la dimensione e composizione del patrimonio pubblico.

Visto che a nFA siamo persone cattive, inizio osservando i buchi più evidenti contenuti nel documento.

  • Il documento non contiene una singola parola sull'assetto del sistema bancario e sul ruolo che in esso svolgono le fondazioni, principale strumento di controllo politico del credito. Questo è quantomeno singolare, dato che il documento lascia intendere che buona parte del crollo della domanda aggregata verificatosi in Italia è conseguenza di qualche forma di credit crunch, ossia di malfunzionamento del sistema finanziario. Italia Unica non sembra ritenere opportuno cercare di capire le cause strutturali di questo fenomeno, e non ritiene necessario ripensare la struttura di controllo delle istituzioni creditizie italiane. Ritiene invece che l'incapacità del nostro sistema creditizio di erogare credito possa essere rimediata con una maggiore presenza pubblica nel settore, espandendo il ruolo della Cassa Depositi e Prestiti, in particolare  nel ''rilancio del settore immobiliare e dei mutui per le famiglie'' (pag. 7), e del Fondo Centrale di Garanzia. In altre parole, la proposta per superare i problemi creditizi è quella di trasformare almeno un pezzo della CDP in qualcosa di simile a Fanny Mae. È evidente che i leader di IU nel mondo delle fondazioni bancarie si trovano completamente a proprio agio, ed è evidente che pensano che ciò che è servito ad alcuni di loro sul piano professionale possa servire al paese. Temo sia vero l'opposto.
  • Nel documento non troverete alcuna proposta di riduzione della spesa pensionistica. Nella parte relativa alla riduzione della spesa pubblica si afferma di puntare a ''una riduzione tra il 5 e il 10% dei circa 500 miliardi di spesa pubblica non pensionistica'' (enfasi mia) grazie alle immancabili riduzioni degli sprechi e razionalizzazioni. Ma in realtà le cose sono anche peggiori. Vi è la richiesta esplicita di riduzione dell'età pensionabile, con un contributo a carico delle pensioni d'oro. Il pezzo rilevante è a pagina 17 e merita di essere citato per intero (le parti in grassetto sono nel testo originario).

Accelerare il ricambio di personale nelle aziende bloccando, almeno in questa situazione di crisi occupazionale, la crescita dell'età di anzianità per la pensione (41 e 42 anni, rispettivamente per donne e uomini, di anzianità appaiono già un livello più che sufficiente) e finanziando questa iniziativa attraverso un piccolo contributo di solidarietà a carico delle pensioni d'oro sopra un certo livello di ammontare e sotto un certo livello di contribuzione.

Passiamo ora alla disamina dei differenti campi di intervento.

Regolazione dei mercati

Abbiamo già commentato sul mercato del credito. Per il mercato del lavoro il documento propone (pagine 17 e 18) interventi abbastanza marginali: potenziamento del contratto di apprendistato, estendendone la durata e alzando a 35 anni il limite di età e blocco della crescità dell'età per la pensione di anzianità, come ricordato poco sopra. Ci sono un paio di petizioni di principio abbastanza ovvie, come ''facilitare la ricollocazone lavorativa attraverso vera formazione'' e ''rendere stabile e vincolante una chiara normativa sulla rappresentanza che dia garanzie di certezza dei contratti e della loro esigibilità''. Ottimi propositi, ma sospendiamo il giudizio in attesa di chiarimenti sull'attuazione. Dopotutto nessuno ha mai chiesto falsa formazione o una normativa oscura sulla rappresentanza, ma evidentemente il diavolo sta in dettagli che nel documento programmatico non sono presenti.

La principale proposta però non riguarda la regolamentazione del mercato stricto sensu ma la tassazione del lavoro. Vale la pena anche in questo caso di riportare la frase per intero.

Premiare l'aumento della produttività mettendo a disposizione delle imprese la possibilità di pagare fino a due mensilità di salario in più - senza contributi e tasse - a fronte di accordi di forte aumento della produttività a livello aziendale.

Questa è veramente un'idea delirante e vale la pena di spiegare in dettaglio perché lo è. Iniziamo osservando che non è un'idea nuova: è un provvedimento già vigente dal 2008, e recentemente rinnovato per il 2014. Non risulta che abbia prodotto alcun risultato misurabile. Questo può essere dovuto in parte anche alle modalità demenziali con cui il provvedimento è stato attuato: sono pochi soldi che di anno in anno i governanti trovano il modo di prorogare, un anno alla volta. È ovvio che in un simile quadro di incertezza normativa i comportamenti di lavoratori e imprese non possono cambiare gran ché. La proposta di Italia Unica è quella di estendere e rendere più corposo l'intervento.

Facciamo pure finta che questo sia possibile e che tutte le incertezze attuative viste finora vengano superate e le risorse reperite. Il punto è che, al di là della pessima attuazione, è l'idea in sé a essere sbagliata. Il sistema fiscale deve essere il più semplice e trasparente possibile e deve interferire il meno possibile nelle scelte degli agenti economici, quando non esiste una ragione evidente per farlo (ad esempio tasse per rendere più costose le attività inquinanti). Con questa misura invece si introducono complicazioni e distorsioni di cui non si vede lo scopo. È facile parlare di aumento della produttività, è molto più complicato definire le norme fiscali in modo che le riduzioni di imposte siano effettivamente indirizzate a tale scopo. Molto semplicemente, questa non è cosa che si può fare. L'unico risultato sarà di detassare la parte variabile del salario, a fronte di accordi sindacali che stabiliscano quali particolari attività possano essere detassate. La dinamica che ci si può attendere da questa regolamentazione è ovvia. Senza precise indicazioni legislative su cosa costituisce ''salario di produttività'' e cosa no, sindacati e imprese avranno incentivo a rinominare parte del salario in modo che sia detassabile anche se è parte della remunerazione ordinaria. A quel punto il fisco inizierà ad accorgersi che il programma è troppo costoso e inizierà a diramare circolari cercando di restringere il campo di applicazione. Forse interverrà il parlamento con altre leggine. Al ché sindacati e imprese cercheranno nuovi modi per aggirare le normative e godere delle detrazioni fiscali. E così via, di complicazione in complicazione, riducendo di volta in volta il senso e la coerenza del sistema fiscale.

Le distorsioni sono di due tipi. Primo, si distorcono le scelte contrattuali. La variabilità della retribuzione dovrebbe essere determinata in autonomia dalle parti sociali a livello di impresa, dove le informazioni sono migliori. È una scelta tra incentivazione e assicurazione che non c'è alcun bisogno di distorcere. Detto diversamente: per quale ragione al mondo, una impresa che decide di pagare un salario fisso ai lavoratori dovrebbe essere penalizzata rispetto a un'altra che invece paga un salario variabile? Magari l'impresa che paga un salario fisso ha deciso che gli incentivi li fornisce lungo la vita del lavoratore, premiando con promozioni quelli che ritiene più produttivi. Trattare tale impresa peggio di un'altra che invece sceglie di incentivare con un bonus legato ad obiettivi interni di produttività non dovrebbe essere tra le priorità del legislatore. Secondo, si limita arbitrariamente il campo di applicazione. La riduzione delle tasse può solo avvenire in imprese che sono in grado di stipulare accordi sindacali che recepiscono i requisiti della legge. Tipicamente, saranno le imprese di maggiore dimensione. Anche in questo caso non si capisce quale ragione possa portare a causare tale distorsione. È veramente così brutto dire semplicemente che si abbassano le aliquote? 

Per quanto riguarda gli altri mercati non c'è molto. In generale c'è un atteggiamento favorevole alle liberalizzazioni, che è una delle parti migliori del documento. In omaggio alla generale timidezza del documento non c'è proposta di abolizione degli ordini professionali (pagina 23) anche se si propone l'introduzione di una legge ''per cui nessun ordine professionale possa più in alcun modo emanare regole che finiscano per incidere sulla libertà di mercato o di concorrenza dei professionisti''. Onestamente sono un po' scettico che una simile legge possa essere efficace ma almeno l'intenzione sembra buona. In altro punto del documento si parla dei Fondi Complementari e delle Casse di Previdenza, i cui patrimoni finanziari dovrebbero essere ''mobilitati'' per lo sviluppo economico (pag. 8). Un dirigismo d'antan abbastanza preoccupante, oltre che probabilmente velleitario.        

Tasse e spesa pubblica

Il programma prevede di tagliare le tasse per 50 miliardi. Metà di questi dovrebbero andare alle famiglie e metà alle imprese. Se ho capito bene la riduzione delle tasse derivante dall'esenzione del ''salario di produttività'', il cui costo atteso per il fisco non viene quantificato, dovrebbe essere in aggiunta ai 50 miliardi. Ci sono una serie di  misure minori, ma il grosso della riduzione per le famiglie dovrebbe venire da una riduzione dell'Irpef per 20 miliardi, aumentando fino a 8.000 euro l'esenzione per ogni figlio o familiare non autosufficiente a carico. Per le imprese si propone una riduzione di 24 miliardi, ottenuta dimezzando l'Ires (il cui gettito attuale è 32 miliardi) e riducendo del 30% l'Irap per i privati, per un costo di 8 miliardi. Il restante miliardo dovrebbe venire da altre misure minori. Da segnalare la proposta di riduzione dell'aliquota contributiva INPS al 21%, dal 28% medio attuale, per lavoratori autonomi e parasubordinati. Si tratta di un altro intervento distorsivo, dato che il lavoro dipendente paga aliquote più alte. Anche in questo caso, sembra che l'idea di abbassare le aliquote in modo uniforme e per tutti sia troppo difficile da concepire. Si scherza naturalmente, il problema come sempre è che le distorsioni pagano politicamente più delle riduzioni uniformi, che necessariamente sono di minor misura.

Il grosso della riduzione Irpef prende più la forma di un intervento assistenziale che di un intervento che possa stimolare la partecipazione alla forza lavoro. La riduzione si indirizza infatti in particolare verso le famiglie con figli (e quindi ''più bisognose'') e non si accompagna a una diminuzione delle aliquote. Gli unici effetti positivi da questo punto di vista si possono verificare in termini di partecipazione alla forza lavoro in famiglie che hanno figli e che non sfruttano appieno le detrazioni perché il reddito di un solo coniuge non è sufficiente. Si tratta probabilmente di effetti limitati, e in ogni caso dipenderanno dai dettagli di messa in atto del provvedimento. Più efficaci appaiono gli  interventi di riduzione del carico fiscale delle imprese, anche se non viene spiegato con quale logica si è deciso di ripartire la riduzione tra Ires e Irpef.

In ogni caso, le proposte di riduzione delle tasse si possono giudicare solo in rapporto alla credibilità delle proposte di riduzione della spesa. Il documento non è affatto convincente. In primo luogo appare la immancabile storiella del recupero dell'evasione fiscale, quantificato in 25 miliardi annui (pagina 11), più di un punto e mezzo di PIL. Non ho veramente alcuna voglia di commentare, e faccio fatica a credere che ci sia ancora qualcuno che prende sul serio questi numeri. Per il resto, come già osservato, si fa la scelta di non toccare la spesa pensionistica e si annuncia l'intenzione di ridurre ''tra il 5% e il 10%'' i 500 miliardi di spesa che non riguardano pensioni e interessi sul debito. Il 5% sono 25 miliardi, che insieme ai 25 miliardi di presunto recupero dell'evasione dovrebbero essere sufficienti a finanziare la riduzione di Irpef, Ires e Irap. Naturalmente questo significherebbe che il calo effettivo della pressione fiscale sarebbe solo di 25 miliardi, non di 50. Sulla credibilità dei piani di riduzione della spesa sospendo il giudizio. Il documento chiaramente cerca di evitare tutti i punti politicamente difficili. Oltre a evitare il tema pensioni non si dice nulla sugli stipendi pubblici, in particolare quelli più alti. Si parla di razionalizzazioni, eliminazione delle duplicazioni etc. etc. Difficile non essere d'accordo, ma non sono realmente punti che possano caratterizzare il nuovo movimento; si possono leggere cose assolutamente analoghe nei documenti del PD o del centrodestra (quando cerca di scrivere qualcosa, cosa poco frequente).  

Organizzazione del settore pubblico

Il documento afferma in modo molto promettente che ''le partecipazioni pubbliche in aziende vanno cedute tutte, ad eccezione di quelle che servono a controllare le reti essenziali''. In linea di principio questo è l'approcco giusto: la foresta di aziende controllate dalla politica è enorme e copre parti cruciali del sistema produttivo italiano. Va quindi privatizzata ed i settori coinvolti resi davvero concorrenziali. Ma come? Cercherete invano in tutto il documento il nome delle aziende da vendere! In realtà, in almeno un paio di punti, si menziona la gestione della Rai dando chiaramente per scontato che questa azienda non è tra quelle da vendere. E se non è da vendere la RAI lo sarà Finmeccanica, per dirne una? Ricordiamo inoltre che il programma prevede la cessione di attivi pubblici alla Cassa Depositi e Prestiti ''per un ammontare tra 30 e 50 miliardi''. Il sospetto che quando si dica ''vanno cedute tutte'' si intenda ''vanno trasferite dal Tesoro ad altri enti comunque controllati dalla politica'' resta molto forte. In ogni caso la proposta di vendere tutte le partecipazioni pubbliche stride con la logica di altre parti del documento. Se il settore pubblico è così bravo ad allocare il credito, come sembrano pensare gli estensori del programma, perché mai non dovrebbe governare gli investimenti di una grande impresa con impatto sistemico come ENI? Se il settore pubblico ha le capacità per scegliere bene gli investimenti da finanziare, verrebbe da pensare che dovrebbe anche avere le capacità per scegliere gli investimenti delle imprese che controlla. Pensare che il settore pubblico sia buono a fare una delle due cose ma non l'altra non appare molto logico e coerente.

Ci sono poi una serie di altre proposte utili, anche se minori (tipo l'anticipo dell'eliminazione dei rimborsi elettorali), che di nuovo non sono particolarmente differenti da quelle che appaiono nei programmi di altre forze politiche. Una nota particolarmente positiva, a mio avviso, invece è l'approccio al federalismo. Anche se il tema non è molto sviluppato, viene ribadito con forza che gli enti locali devono finanziare il grosso della propria spesa con entrate proprie. Come al solito i dettagli sono importanti, ma questa può essere un'area in cui possono esserci sorprese positive. 

In conclusione, anche la parte relativa alle riforme strutturali si rivela complessivamente deludente, anche se qualche spunto interessante è presente.

15 commenti (espandi tutti)

"...riduzione dell'aliquota contributiva INPS al 21%, dal 28% medio attuale, per lavoratori autonomi e parasubordinati. Si tratta di una altro intervento distorsivo, dato che il lavoro dipendente paga aliquote più alte."

Consideriamo anche altri fattori: 1) pioggia o vento, che i clienti paghino o no, che uno i soldi li guadagni o no, il "cartellone" minimo INPS per gli agenti di commercio è di € 3.860/annui, cifra assolutamente proibitiva per i giovani e che contribuisce a rendere il sistema regressivo: se vogliamo equità, lo vogliamo allora estendere ai dipendenti (discorso simile per i professionisti, con quelle sanguisughe delle casse professionali) ?; 2) gli autonomi, quando sono malati (anche una semplice caviglia storta) saltano la cena: mi sembra diverso dai dipendenti; 3) i dipendenti non sono parassitati anche dall' Enasarco.

Per me la previdenza obbligatoria andrebbe, almeno nel lungo termine, completamente abolita per tutti, ma analizziamo bene la situazione, prima di fare paragoni.

Alessio, perfettamente d'accordo con te che occorre guardare alla situazione nel complesso ma le distorsioni si rimediano eliminandole, non aggiungendo altre distorsioni. Per dire, leviamo il minimo di 3860 euro. Il sistema fiscale dovrebbe essere il più neutrale possibile per la scelta tra lavoro autonomo e lavoro dipendente e non dovrebbe introdurre differenze arbitrarie, magari poi compensando misure che risultano di aggravio con altre misure distorsive di sgravio.

Poi capisco benissimo che la realtà del processo politico possa portare a fare scelte di compromesso subottimali. Ma qua stiamo parlando di un programma che cerca di proporre ciò che è meglio per il paese, non quello che si può ottenere al mercato delle vacche. Senza principii chiari è difficile muoversi nella giusta direzione.

sono amante di 2 cose: la precisione e la libertà/responsabilità; infatti alla fine del mio post auspico la totale abolizione della previdenza obbligatoria: hai accantonato ? Bene. Non l' hai fatto ? Quello è il ponte e quelli sono i cartoni, buonanotte e sogni d' oro; in questo secondo caso protesti ? Ecco il sergente Manesconi della Celere che ti spiega un po' di matematica attuariale. Secondo me la principale chiave dello sfascio d' Italia è il considerare i cittadini come bambini da accudire perinde ac cadaver, ed i cittadini che sono contenti di così farsi trattare. Cominciamo a crescere, come nazione.

Premetto

Franco Verzetti 14/9/2014 - 16:01

la mia ignoranza sullo specifico ma credo che non esista un paese "civile" che non preveda una forma anche solo minima di contribuzione obbligatoria.

Peraltro i sistemi previdenziali "nazionali" discendono in linea diretta dalla società di mutuo soccorso, a mio modesto parere, ciò vuol dire che fin dalla notte dei tempi la "soluzione individuale" non è mai stata una soluzione efficace a lungo termine. Possiamo discutere su tutti gli aspetti gestionali ma sul principio.... mmmhh!

Per il resto, il sig. Passera purtroppo lo conosciamo.... perciò lo eviteremo!

E' vero, ma cosa prova ? L' argomento "lo fanno tutti quindi é buono/non si può non fare" mi lascia perplesso: basti pensare al fatto che tutti nei secoli hanno variamente perseguitato gli ebrei, iniziato guerre, appoggiato regimi impresentabili, etc. etc.. Le società di mutuo soccorso, le tontine e quant' altro sono quello che l' '800 ha prodotto in materia a livello popolare: oggi le cultura finanziaria media dovrebbe essere progredita, mentre sicuramente si sono arricchiti di opportunità i mercati finanziari; cioé: anche nel 1850 ci si poteva costruire una polizza di rendita vitalizia, poi non lo si faceva per povertà (quale polizza se non hai nemmeno di che comprare il carbone a febbraio ?), per i miti demagogici della cooperazione, per diecimila motivi, dei quali però lo Stato ha cominciato ad approfittarsi quando ha sentito profumi di soldi veri da estorcere oggi e da restituire tra 30 anni con l' inflazione, il tutto mascherato da tutela dei poveri, dei lavoratori, etc. etc.. Una cosa che spesso si dimentica è che all' inizio del '900 il liberale Giolitti tentò di (e, mi pare, riuscì a) nazionalizzare l' assicurazione vita, e per fortuna che era liberale ! Poi, certo, la soluzione individuale non è decollata perché lo Stato si è reso monopolista obbligatorio e perché, almeno in italia, collocare una polizza previdenziale è più difficile che vendere gli stivali a Pistorius, ma anche perché lo Stato che ti assiste "from cradle to grave" spenge qualunque grinta nei deboli, fa rassegnare i validi, ed accende le menti dei disonesti e dei meno validi: di questo abbiamo bisogno ? Poi, se mi si propone una soluzione possibilistica del tipo "facciamo una previdenza obbligatoria che serva semplicemente a garantire 1.000 calorie da patate e 20 grammi di proteine da frittata al giorno", posso essere d' accordo, ma solo come vaccino contro rapine statali peggiori. "Libertà vo cercando, ch' è sì cara/come sa chi per lei vita rifuta": e per me la prima libertà è poter disporre del mio futuro.

se non sbaglio fece lo stesso il cancelliere Bismarck (che era pure luterano)... Circa i "progressi" della finanza (o delle sue espressioni culturali) da 200 anni a questa parte, mi permetto di essere dubbioso visto che premesse/teorie ecc.ecc.della materia sono sempre quelli elaborati dal quartetto Locke, Smith, Marx & Engels e dai loro (più o meno riusciti) epigoni e dato che il mondo e/o  la sua percezione/conoscenza non sono più quelli di allora, a mio modesto parere è come continuare a rivolgersi ad un medico uscito dalla Scuola Salernitana per curare un cancro. Lungi da me l'idea che "se tutti lo fanno allora è buono" perchè allora dovremmo mangiare m..... come fanno quotidianamente svariati miliardi di mosche. Quello che volevo dire nel mio intervento precedente è che le forme di mutua solidarietà sono nate spontaneamente, proprio per permettere la sussistenza anche nei momenti peggiori, prima che qualcuno le istituzionalizzasse e, su questo siamo perfettamente daccordo, in molti casi le facesse degenerare, però visto che abbiamo più di un esempio in cui questi sistemi funzionano, chiediamoci perchè e come possiamo imitarli.

Sono e rimango sostenitore del sistema assicurativo non mutualistico: io sono l' assicurato, tu sei sostanzialmente il banco, la scommessa è: quanto vivrò ? con che salute ? rimarrò invalido perché lo stupido davanti non ha messo la freccia ? ecc. ecc.; ti do una posta (detta "premio") con cui tu fai investimenti nell' economia reale, spingendone lo sviluppo, e ricavandone, si spera, un utile con cui continuare a lavorare ed a garantire il pagamento delle mie scommesse (l' assicurazione è una scommessa in cui si viene pagati quando si perde, in un certo senso). Lei dice "facciamo il mutuo soccorso": io dissento, ma non mi sembra lei sia contrario alla libertà di sottoscrivere o no che io difendo. Mi sbaglio ?

anzi, i migliori sistemi sono quelli in cui le due forme previdenziali coesistono e si integrano perchè, l'esperienza quotidiana lo dimostra, le compagnie assicurative avendo come fine ulitmo il loro guadagno (e non il benessere dell'assicurato) non si assumono i rischi oltre un certo limite (ho lavorato nel campo e so di cosa parlo). Per quanto concerne gli investimenti fatti con la raccolta dei premi/contribuzioni, alla fine sono esattamente gli stessi per tutti, possiamo discutere sulla qualità degli investitori ma sarebbe un altro discorso.

Ha lavorato nel campo ? Sarà tutto sporco di terra ! E sì, perché se parliamo di previdenza privata, alla fine stiamo dicendo di "vitalizi immediati a premio unico su una od al massimo 2 teste" che, essendo polizze per il caso di sopravvivenza, vengono emesse sempre, visto che il peggio del rischio sia evidentemente quello del vitaliziando troppo sano che fa una vita troppo tranquilla ed ha antenati troppo longevi. Poi, al ritorno dal campo, con comodo, mi può rispondere alla domanda già fattale: "quale che sia lo strumento (per accantonare un capitale) od "il banco", lei è per l' obbligatorietà o per la facoltà ?" ? Grazie.

di cosa si parla perchè un conto sono le forme assicurative (vita/infortuni e simili) e un altro sono quelle a fine previdenziale (vitalizio post lavoro)
Nel primo caso ognuno può tranquillamente fare quello che gli pare, sono due parti libere ed autonome che "scommettono" sul futuro di una delle due e l'esito di questa scommessa rimane circoscritto alle due parti . Se invece parliamo di un accantonamento a fini previdenziali la questione si complica in quanto una delle due parti (il contraente) è "inserita" in una struttura sociale che risentirà in varia misura dello stato dei suoi componenti (altro pezzo di risposta nell'intervento sottostante) . Per farla breve, a nessuna nazione (civile e democratica) conviene avere masse di diseredati sotto i limiti di sopravvivenza poichè i "costi gestionali" di una tale situazione sono di gran lunga superiori a qualunque forma di sostegno sociale, ancorchè immeritato da parte di qualche migliaia di soggetti, ma qui si esce dal campo finanziario/amministrativo e si entra in quello filosofico/politico dove ogni opinione è sovrana.

Anche io sono favorevole all'abolizione del "superminimo" INPS, che dà come risultato che in un anno di vacche magre, o all'inizio dell'attività lavorativa, paghi solo per mantenere la pensione di Amato, ma mangi alla Caritas e dormi sotto i ponti.
I contributi pensionistici possono anche essere obbligatori, ma vanno commisurati al reddito, e possibilmente (molto complicato, lo so) all'età anagrafica e contributiva, ma alla rovescia: quando inizio pago poco (autonomo o dipendente doesn't matter), perchè ho più spese, poi con il progredire dell'attività lavorativa posso cominciare a metter qualcosa in più da parte, ma nel frattempo, magari, ho comprato casa, auto,lavatrice, frigorifero e Iphone6 (conosco molte persone che preferiscono mangiare pane e cipolle, ma avere l'ultimo Iphone...), e quindi mi posso permettere di risparmiare di più.
Occhio che l'INPS dal 2012 non rivaluta più i versamenti obbligatori in base a un rendimento finanziario, ma in base "allo sviluppo del PIL". Quindi dal 2012 i rendimenti sono negativi...

il "minimo contributivo" (purtroppo o per fortuna a seconda delle situazioni) è un istituto che si trova sotto vari aspetti in qualunque forma di accantonamento che non siano il materasso o la mattonella; si può discutere su come/quando/quanto ma credo che difficilmente si arriverebbe a una totale eliminazione per due motivi: (quanto segue è un'esposizione semplificata) un ente previdenziale pubblico in quanto espressione di uno Stato ha il dovere "etico" (non mi viene un altro termine e vi prego di considerarlo nell'accezione più vasta del termine) di assicurare tutti i suoi cittadini "a prescindere" di conseguenza ha bisogno di un flusso il più possibile costante e "sicuro" (sempre a prescindere), allo stesso modo un ente privato ha bisogno dello stesso tipo di flusso per assicurarsi la copertura delle sue spese e i guadagni che sono il fine ultimo della sua attività.

Molti dei commenti si sono soffermati sul sistema previdenziale. Le aliquote di pagamenti, quanto deve essere pubblica o privata, la responsabilità individuale nello scegliere, etc.

Personalmente trovo che il sistema in vigore in Svizzera risponda abbastanza bene sia ai dubbi che alle esigenze di tutti.

La sola previdenza pubblica si chiama, non per caso, Assicurazione per l'Invalidità e Assicurazione per la Vecchiaia e i Superstiti (AI e AVS) e costituiscono il c.d. primo pilastro della previdenza.

trovate una panoramica delle assicurazioni sociali in Svizzera.

Il principio è semplice, l'assicurazione pubblica deve fornire il minimo vitale. Il resto ciascuno se lo costruisce da se. Se dipendente, ci sono versamenti obbligatori al c.d. secondo pilastro (quella che noi chiameremmo previdenza complementare, che invece li è la maggior parte del trattamento pensionistico) previsti dal contratto, in parte a carico del datore di lavoro.

Esiste anche un terzo pilastro, che è quello (interamente su base volontaria) di tipo assicurativo.

Come funziona il primo pilastro?

In breve, tutti versano una parte fissa del loro reddito annuale all'AVS. Attualmente il 7%.

Al raggiungimento dell'età della pensione, sulla base del tempo di contribuzione essenzialmente, si ottiene un trattamento che va dal minimo pensionistico al doppio del minimo.

Ovviamente il sistema ha anche un carattere redistributivo. Il top manager, che guadagna un alto salario, paga il 7%, e riceve una pensione pubblica simile al manovale di cantiere con analoghi periodi contributivi.

Il sistema ha il vantaggio di pesare poco su chi inizia e su chi ha un basso reddito.

E anche quello di responsabilizzare le persone. Chi non ha un lavoro dipendente può scegliere liberamente come costruirsi la pensione (verso ad un fondo complementare? Compero una casa da affittare?). E anche il dipendente ha la possibilità di integrare o meno il suo reddito.

L'introduzione di un sistema simile in Italia avrebbe vari vantaggi.

  • Per i giovani, che oggi si trovano a pagare contributi elevati per sostenere chi in pensione ci è già, riduce i contributi e le tante leggi ad-hoc fatte per "incentivarne" l'assunzione.
  • Costringe i governi a trovare le coperture per le pensioni attuali nella fiscalità generale. Si troverebbero costretti ad intevenire sui trattamenti insostenibili.
  • Per la sostenibilità futura del sistema pubblico di previdenza, che ne ricaverebbe anche un vantaggio in termini di sostenibilità complessiva del debito pubblico.
  • Si baserebbe sul sano principio che l'intervento pubblico si limita alla garanzia minima vitale.

L'"infrastruttura" esiste già. Basterebbe semplicemente riconoscere al sistema complementare esistente il rango di sistema pensionistico "principale".

Quando mi si parla di "pubblico che deve fornire il minimo vitale" posso essere d' accordo, ma solo come ricerca del danno minimo, ma purtroppo danno>0. Il principio che sottende a qualunque tipo di obbligatorietà in materia (e nel calderone ci metto anche l' INAIL) è che il cittadino non sappia badare a se stesso. Allora facciamo anche le ritenute "Lavazza": una quota dei redditi accreditata alla nota spa perché ci porti a casa delle cialde con cui svegliarci la mattina, perché, se ci mettiamo alla guida ancora rimbambiti di sonno, ci spalmiamo al primo albero, così risolvendo i problemi previdenziali: altro che pensione, questa sarebbe una previdenza salvavita. Apprendo con orrore che anche in Svizzera è arrivata la demagogia, con trattamento minimo fisso, alimentato da contributi proporzionali al reddito, ed i contributi a carico del datore. Perché il datore dovrebbe occuparsi della pensione dei suoi dipendenti ? Se, andando a comprare una Panda, il concessionario ci applicasse delle addizionali perché Marchionne deve comprare un altro maglioncino, lo troveremmo normale ? E quale differenza concettuale c' è tra previdenza e maglioncino ? Evidentemente qualcuno considera il cittadino come uno scriteriato: e, un po' di natura ed un po' perché ottenebrato da 120 anni di Stato papino, ha pure ragione.

Grazie stefano per aver introdotto il sistema previdenziale svizzero come modello applicabile anche all'Italia. Cosa su cui sono perfettamernte d'accordo, ... e ci mancherebbe altro visto quello che scrissi anni fa qui su nfa.
Nel dettaglio pero' le cose sono un po' complesse e come sappiamo il diavolo sta appunto nei dettagli.
Il costo del primo pilastro svizzero (obbligatorio) è il 10.3% ... non il 7%
E' composto da:

AVS 8,4 %  (previdenza)
AI 1,4 %   (assicurazione invalidità)
IPG 0,5 % (perdita di guadagno)
Il totale viene pero' diviso in parti uguali (5.15%) tra datore di lavoro e lavoratore e quindi pesa ancora meno del 7% a cui ti riferivi.

Anche la previdenza integrativa tuttavia è obbligatoria, Era facoltativa (e fiscalmente deducibile in parte) negli anni 70 ma divenne obbligatoria nel 1985.

Tutti coloro che sottostanno all'obbligo del  primo pilastro sono tenuti anche al secondo, con queste particolarità: (cito)

Sono obbligatoriamente assicurati i dipendenti soggetti all'obbligo di contribuzione AVS che

  • hanno compiuto il 17° anno di età
  • presentano un reddito annuo superiore a CHF 21 060
  • non hanno ancora raggiunto l'età di pensionamento stabilita dalla legge

Persone assicurate a titolo facoltativo:

  • persone esercitanti un'attività lucrativa indipendente
  • dipendenti con un salario annuo inferiore a CHF 21 060
  • dipendenti con diversi datori di lavoro

Queste persone possono assicurarsi a titolo facoltativo.

Il risultato è che la previdenza a capitalizzazione oggi ha patrimoni che superano il PIL ed ovviamente vengono investiti nel paese (mentre in Italia è il debito a superare il PIL).

Ma il problema principale (il dettaglio diavolesco) è come passare da un sistema in cui la previdenza a compartizione la fa da padrona e quella intergrativa a capitalizzazione non decolla, a quello in cui le cose sono invertite. Chiaro che il primo sistema è quello che paga le pensioni di oggi e non puo' chiudere del tutto quel rubinetto. Bisogna trovare un modo, sostenibile, per cui si chiude piano piano un sistema e si apre l'altro.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti