La rosa nel cu..

3 maggio 2006andrea moro

Uno dei vantaggi di vivere a New York e' che si possono fare cose che in nessun'altra parte del mondo ci si sognerebbe di fare. Per esempio stamani in treno mi sono ascoltato sull'Ipod un'intervista ad Emma Bonino trasmessa dal podcast di Repubblicaradio. Nell'intervista si e' parlato molto dei criteri dell'assegnazione del ministero della difesa, che la Bonino senza pudore rivendica per se stessa (penso che questa trasparenza nelle rivendicazioni, una novita' nella politica italiana, sia un fatto positivo). Comunque sia, durante l'intervista la Bonino si e' anche soffermata brevemente su un fatto che non avevo notato originariamente, e cioe' che (secondo la deputata) quattro senatori sono stati assegnati ingiustamente ad altri alleati dell'unione a danno di altrettanti candidati della Rosa nel Pugno o di altri partiti minori. Simile sorte sarebbe spettata a 4 candidati di partiti minori del Polo delle liberta'. Stasera ci ho ripensato, e googolando qua e la' ho verificato i fatti e mi sono convinto che la Bonino ha ragione e almeno due corti d'appello regionali hanno torto, in maniera piuttosto palese. Questo dovrebbe porre notevoli dubbi sul ruolo svolto da chi dovrebbe imparzialmente contare i voti ed assegnare i seggi seguendo la legge. Perlomeno, dovrebbe spiegare spero in modo esauriente il titolo dell'articolo. Cerchero' di illustrare e documentare la questione per quanto possibile in modo sintetico.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Siur padrun dalle belle braghe bianche, fora le palanche

1 maggio 2006alberto bisin

La campagna per le elezioni a sindaco di Milano si fa interessante. Il ministro Moratti scopre la Resistenza in occasione del 25 Aprile, e soprattutto scopre di avere un padre spendibile, con tanto di sedia a rotelle. Non ancora sazio, il ministro Moratti adesso vuole partecipare alle celebrazioni del 1 Maggio. Aspettiamoci una madre pasionaria con bandiera rossa. Meno male che ci pensa il prefetto Ferrante, che appropriatemente dichiara che il ministro in qualita' di "padrona" non puo' parteciparvi, al 1 Maggio. Padrona? Ma cosa ha fatto il prefetto negli ultimi 50 anni? Li chiudono in una bolla i prefetti? O semplicemente gli mettono il cervello in naftalina?

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Microfoundations II

30 aprile 2006michele boldrin

Dicevo: un paese ha i politici che si merita. Come misuriamo, dunque, i politici che il popolo d'Italia si merita? Una possibilita' e' cominciare a misurare la qualita' delle elites che stanno giusto "al di sotto" (o a fianco) di quella politica.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Microfoundations I

29 aprile 2006michele boldrin

La qualità di un sistema politico si misura anche dalla qualità dei comportamenti individuali dei suoi esponenti. Il sistema italiano è, chiaramente, marcio visto che, alla sua base, c'è una collezione ineguagliabile di stronzi.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Il conflitto di interessi

28 aprile 2006alberto bisin

Un tentativo di ragionare su un argomento che infiamma gli animi e offusca le menti. O forse e' che le menti di chi parla di queste cose sono offuscate sempre e comunque. Argomentero' quanto seque: 1) Il conflitto di interessi non e' per se problema particolarmente grave, ma richiede trasparenza del portafoglio del politico, media liberi e in concorrenza, ed un garante che abbia informazioni sufficienti e procedure ben definite per poter controllare l'esistenza di "interessi privati nell'esercizio pubblico". Il "blind trust" puo' essere utile ma non e' necessario. 2) Il problema in Italia e' la mancanza di concorrenza nei media (specie le televisioni), non il fatto che Forza Italia ne controlli alcune. Se non e' possibile garantire la concorrenza via cavo, Mediaset va smembrata e la RAI va smembrata e privatizzata. 3) Il problema piu' grave e' non che sia Forza Italia, ma il suo Presidente, a controllare i media, perche' questo limita la dinamica democratica all'interno del partito. Per questo, la vendita forzata e' l'unica soluzione.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Etica e giustizia: Andreotti alla presidenza del Senato

28 aprile 2006alberto bisin

Non ho mai capito la rinnovata elevazione di Andreotti al rango di statista immacolato e pergiunta in credito col paese. Mi inorridisce l'idea che in Italia si possa pensare a lui per la presidenza del Senato senza un aftertaste amaro, amarissimo.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Contro Ciampi

24 aprile 2006sandro brusco

Che #&@%* aspetta a dare l'incarico? Poche persone, nel panorama politico italiano, godono di estesa stima e ammirazione come Ciampi. A dir la verità, sta parecchio simpatico pure a me. Pero questa non è una buona ragione per tacere quando fa qualcosa di sbagliato. Il punto del contendere è l'incarico di formazione del nuovo governo. Per quale diavolo di ragione si sta ritardando? Perché perdere un altro mese, o forse due?

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Una poltrona inutile

22 aprile 2006andrea moro

Si fa un gran parlare in questi giorni nei quotidiani della "gran rinuncia" di d'Alema alla presidenza della camera, del suo senso di responsabilita'; allo stesso tempo, dell'avidita' di Bertinotti che ha bruciato il suo capitale politico non per una delle cause a lui care, ma per una poltrona. Ma quanto vale questa poltrona? Ben poco, secondo me. Se non erro, uno dei pochi suoi poteri effettivi e' quello di presiedere la conferenza dei capigruppo, e quindi avere una voce importante nella decisione dell'ordine del giorno della camera. Per il resto, la carica comporta varie incombenze poco interessanti, il taglio di nastri augurali, accogliere statisti stranieri in visita, ... Bene ha fatto Prodi a concederla ad una delle figure potenzialmente piu' destabilizzanti della coalizione. Dall'alto del suo scranno Bertinotti si sentira' un grande statista aperto persino al dialogo con l'opposizione (si ricordino per esempio le aperture ai ragazzi di Salo' pronunciate da Violante nel suo discorso d'insediamento alla stessa carica). Quanto a d'Alema e alle sue lacrime di coccodrillo, prima di dichiararlo sconfitto, aspettiamo di conoscere cosa otterra' in cambio. Gia' si parla di presidenza della repubblica, ma credo sia troppo poco: saranno i ministeri chiave a contare, ministeri che molto difficilmente sarebbero stati concessi a rifondazione e che difficilmente ora verranno rifiutati ai ds.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Legge elettorale: un po' di chiarezza

18 aprile 2006andrea moro

Si fa un po' di confusione sulle disposizioni indicate dalla legge elettorale, in particolare dalle norme sull'elezione dei parlamentari alla Camera dei Deputati contenute nel Testo unico delle leggi elettorali. Mi sono letto anch'io la legge; queste le mie considerazioni.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Zombies

16 aprile 2006michele boldrin

Spulciando le liste degli eletti

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE