Giornate Fondazione i 500 - nfa 2018: Pesaro, 16-17 Giugno

La Fondazione i 500 ha organizzato per il 16-17 Giugno il convegno "L'italia vuole e merita di più". Si parlera' di: Impresa, Sistema sanitario, Conflitto generazionale, Prospettive per l'Italia. Il programma completo e' disponibile a questo link

Le regole del circo

12 aprile 2006michele boldrin

Nessuna pieta' per gli sconfitti, specialmente se non son del lato tuo

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Testuali parole

12 aprile 2006giorgio topa

Nella conferenza stampa di oggi, il Presidente del Consiglio Berlusconi ha usato tecniche da 1984. Ecco perche' e' importante fermare il filmato, e riportare parola per parola quanto da lui (scusate, Lui) affermato.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Le vere notizie del giorno

12 aprile 2006michele boldrin

Fra una cosa e l'altra provo a togliere insulti e barrocchismi dal mio pezzetto sul voto. E mi dico: what's news in quello che scrivo? Nulla, a dire il vero. Ma, uno sguardo al giornale dice che le news ci sono, e sono altre.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

La giornata di uno scrutatore, di Italo Calvino: breve recensione

La giornata d'uno scrutatore
Italo Calvino
Einaudi 1963 / Mondadori
11 aprile 2006andrea moro

Elbrusco nel suo recente articolo su questo sito, ci ricorda che in questa come in altre elezioni, la "riforma elettorale si è rivoltata contro chi l'ha fatta". Un altro caso è quello della famosa "legge truffa" del 1953. Questo mi ha fatto ricordare uno dei libri meno conosciuti di Italo Calvino, "La giornata di uno scrutatore", che lessi diversi anni fa.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

A ciglio asciutto

11 aprile 2006sandro brusco

Dove si finge di non essere insoddisfatti del risultato elettorale.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Hanno vinto i partiti e perso noi, illusi buontemponi.

11 aprile 2006michele boldrin

Riflessioni sulle elezioni, da una prospettiva leggermente piu' lunga del dopodomani. Conclusioni: (1) che siano finiti 50-50, e' il meno, (2) che costoro siano finiti 50-50, e' gia' piu' grave, (3) che abbia vinto l'unione e' ancora piu' grave (4) e non tanto perche' ha perso berlusconi, che e' l'unica cosa buona, (5) ma perche' hanno vinto prodi&co ovvero, oltre al suddetto, han vinto d'alema, fassino, angius, veltroni, rutelli, parisi, mastella, bertinotti, craxi jr, cossutta, cossiga, ed anche il divo giulio ...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Senador Pallaro: chi era costui?

11 aprile 2006giorgio topa

Se, come sembra, l'equilibrio del Senato sara' deciso da un seggio, diventa necessario capire meglio quali siano le tendenze del "Senador Pallaro" probabile ago della bilancia del nuovo Senato italiano.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

...Non ho parole

10 aprile 2006giorgio topa

Volevo mettere un titolo tipo "Scemo, scemo!" ma poi ho pensato che era di cattivo gusto, dopo il recente abuso del termine "coglione" (peraltro nobilissimo). Ma la cosa si commenta da se'. «La grande affluenza degli italiani alle urne è la prova che questo Paese vuole il sistema elettorale proporzionale»: lo afferma Gianfranco Rotondi, segretario della Democrazia Cristiana. «Alla faccia di chi invocava il ritorno al maggioritario gli italiani si sono innamorati di nuovo della politica perchè ognuno ha potuto scegliere la propria bandiera. Dal proporzionale, insomma, non si torna indietro chiunque vinca...», conclude.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Tanto non ci legge nessuno

10 aprile 2006tutti quanti noi e alberto bisin

Ma noi lo sapevamo alle 14.58 ora italiana che le exit polls davano l'Unione vincente. Adesso l'accesso al Corriere e a Repubblica e' impossibile; saranno tutti gli italiani all'estero che cliccano? Avrebbero potuto guardare il nostro sito, ma nessuno lo sa. Ora sono le 15:35 ora italiana e il Corriere e Repubblica non sono ancora accessibili. E se fosse il golpe? Il Berlusca si prende i giornali con la forza. All'armi, Italiani all'estero. Siam pronti alla morte Siam pronti alla morte L'Italia chiamò.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Grandi Statisti (III)

10 aprile 2006michele boldrin

La differenza fra i politici europei e quelli nordamericani risulta sempre piu' visibile. Entrambi sono dannosi agli altri esseri umani, ma per ragioni diverse. Quelli europei sono dannosi perche' corrotti e populisti, proni al mantenimento dei privilegi piu' assurdi pur d'essere eletti. Quelli americani sono pericolosi, invece, perche' carichi d'una ideologia ch'e' sempre piu' vicina al fanatismo religioso. Questo li conduce a giocare all'apprendista stregone sulla nostra pelle, e su quella dei disgraziati di religione musulmana ancor di piu'.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE