Favole & Numeri

Autopromozione: Alberto Bisin, ha pubblicato su Egea - Università Bocconi un libro divulgativo di economia. Il libro è disponibile come e-book e in libreria. L'autore ha bisogna di una nuova moto....a buon intenditor poche parole. Qui la recensione di Andrea, commentata da Alberto

Le quote di Bankitalia: la solita porcata

30 gennaio 2014alberto bisin, michele boldrin e andrea moro

Mercoledì è stato approvato dalla Camera un provvedimento che comporta la rivalutazione del valore patrimoniale delle azioni Banca d’Italia. Il provvedimento, dal contenuto un po’ tecnico, non è però troppo difficile da comprendere nella sostanza. Lo diciamo subito con lo stile diretto che ci ha sempre caratterizzato e attirato tanti amici e tanti “amici”: il provvedimento  fatto approvare con urgenza alla Camera è una porcata. Fondamentalmente esso contiene una (legale) truffa contabile a favore dei bilanci di alcune banche del paese e dell'erario, oltre che un sostanziale trasferimento di risorse dai contribuenti alle banche.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Electrolux e la tassazione del lavoro

28 gennaio 2014giulio zanella

Il caso Electrolux mette a nudo le conseguenze dell'elevata pressione fiscale sui bassi redditi da lavoro in Italia e suggerisce la migliore politica industriale per il paese.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Meno debito, meno spesa corrente, meno tasse. Il caso del Comune di Ferrara.

24 gennaio 2014Luigi Marattin

Si dice spesso che la ricetta ottimale per la finanza pubblica italiana in questa fase storica (“meno spesa, meno debito, meno tasse”) sia nota a molti, ed è probabilmente vero. Si dice anche però che essa sia politicamente molto difficile da realizzare, dati gli attriti e le resistenze che si annidano nel tessuto socio-economico, nella debolezza della politica e nel patto implicito tra portatori di interessi e rappresentanti politici per la tutela dei reciproci interessi di breve periodo. E questo è sicuramente vero. Tuttavia, alcune realtà hanno provato a sfidare la sorte e a dimostrare che in questo tormentato Paese – una volta tanto – la migliore cosa possibile non è sempre impossibile.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Cambiamento climatico: un aggiornamento

12 gennaio 2014giorgio gilestro

 Il vortice polare che si è abbattuto sul nord America nelle ultime settimane portando scenari da “The Day After Tomorrow” ha fatto parlare molto, e nuovamente, di cambiamento climatico. Ne approfitto per tornare sull'argomento e vedere cosa è cambiato da quando, quattro anni fa, ne parlammo per l'ultima volta su questo blog. Oggi, pongo la questione facendo riflessioni non solo sul piano scientifico - a cui peraltro si era dato più risalto in passato – ma anche sul piano dell'impatto sociale.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Un pericoloso 2014 per il Monte dei Paschi

3 gennaio 2014giulio zanella

Il braccio di ferro della settimana scorsa tra il management di MPS e la Fondazione MPS rende ancora più chiara la portata del problema che affligge il sistema bancario italiano.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Presidente Boldrini, davvero?

1 gennaio 2014alberto bisin

Il presidente della Camera, Laura Boldrini, replica stizzita, attraverso il portavoce Roberto Natale, ad un mio pezzo su Repubblica a commento del ritiro da parte del governo del "decreto salva Roma". Qui la mia controreplica in forma estesa.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Buon anno a Papa Francesco

31 dicembre 2013alberto bisin

Che questo Papa che tutti dicono rivoluzionario porti un po' di logica economica al pensiero della Chiesa. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Tre libri recenti e uno vecchio

AA. VV.
AA. VV.
24 dicembre 2013andrea moro

Visto il periodo vacanziero, riporto qualche suggerimento di libri in tema non economico che ho letto di recente, invitando i lettori a indicare i loro suggerimenti in commento. Buona lettura e buone feste!

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Signoraggio, svalutazioni e sovranità monetaria

20 dicembre 2013Francesco Lippi

La grave situazione economica dell'Italia sta portando molti a individuare nell'euro, e nel trasferimento della sovranità monetaria da Roma alla Banca Centrale Europea, una causa degli attuali problemi. Da diverse parti politiche (Grillo, Casapound, Lega, Forconi...) si sente auspicare che il paese si riappropri della propria sovranità.  Purtroppo  il dettaglio di questa proposta viene raramente articolato con precisione: si dice che  rinunciando alla propria moneta abbiamo (i) perso il "signoraggio", (ii) perso la possibilità di monetizzare il debito pubblico (ripagarlo stampando moneta) e (iii) perso la capacità  di svalutare.  A questo proposito vorrei fare  alcune sintetiche considerazioni: senza entrare in una valutazione circa la bontà della  monetizzazione o della  svalutazione, mi limiterò  a discutere  se  davvero il signoraggio sia stato perduto e se davvero la partecipazione all'euro renda impossibile monetizzare e/o svalutare.  A fini divulgativi i temi non saranno affrontati con rigore accademico, ma rimandero'  chi fosse interessato a qualche approfondimento. Il mio modesto obiettivo è  fare un po' di chiarezza, sperando  che possa servire  ai sostenitori delle diverse tesi per organizzare i propri argomenti in modo più informato e comprensibile. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

L'iniquo compenso SIAE e le tasse occulte della legge di stabilità

16 dicembre 2013andrea moro

Il furbo legislatore non perde occasione per introdurre anche tasse occulte che gravano sui i soliti cittadini onesti. Un emendamento alla legge di stabilità presentato da quattro parlamentari PD lo dimostra in modo esemplare. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE